L'orrore ad Haiti, novembre 2011

Sto ancora cercando di raccogliere i miei pensieri da Port-au-Prince la settimana scorsa. Le immagini, i suoni, gli odori e le esperienze evocavano emozioni e percezioni molto potenti e talvolta contrastanti.

Tuttavia, imbattersi in questa immagine e articolo nel "Daily Mail" sull'epidemia di colera ad Haiti la scorsa notte mi ha fermato freddo. Catturano molto bene la realtà da incubo che si trova a 90 minuti da Miami, 7 ore da Boston, e tagliano qualsiasi ambivalenza sentita riguardo alla fastidiosa domanda sul perché le cose laggiù restino così male più di 10 mesi dopo il terremoto.

Coloro che non riescono a immaginare una situazione in cui i passanti si muovono casualmente intorno a una giovane donna che giace nuda fuori da un ospedale come se fosse solo un'altra pila di immondizia farebbero bene a soffermarsi su questa e sulle altre foto dell'articolo, e considerare quanto fortunata noi siamo.

Pubblicherò più tardi una volta che avrò raccolto meglio i miei pensieri.

*** AGGIORNAMENTO *** Un amico, Nicholas Lobel-Weiss, che lavora presso l'ospedale generale, al di fuori del quale è stata scattata questa foto, ha scritto quanto segue:

La donna in questa foto fuori dal nostro ospedale è viva e NON è una vittima di colera. Lei è una EDP (persona emotivamente disturbata) che ha messo fuori dal Generale per mesi. Anche se la donna è stata travisata nei media, è ancora un esempio dei problemi pervasivi che affrontiamo in PaP.

http://www.dailymail.co.uk/news/worldnews/article-1330430/Haiti-cholera-outbreak-Desperate-naked-woman-collapsed-streets.html

    Solutions Collecting From Web of "L'orrore ad Haiti, novembre 2011"