L'Orlando Shooter protesta troppo, me pensa

"La signora protesta troppo, penso io." -Act III, Amleto

La famosa frase di Shakespeare di Amleto è stata spesso usata per descrivere qualcuno le cui veementi protestazioni sono un tentativo di convincere gli altri di qualcosa per cui è vero esattamente l'opposto. Trecento anni dopo Shakespeare, Sigmund Freud riconobbe lo stesso meccanismo di difesa quando conesse il termine formazione di reazione . La formazione di reazione è solitamente innescata dall'ansia e dal senso di colpa che si sperimentano quando credono che i loro pensieri e sentimenti siano inaccettabili, intollerabili o vergognosi o quando mostrare i propri sentimenti veri porti ad una maggiore ansia o imbarazzo. Per esempio, se un bambino sovrappeso viene preso in giro da altri bambini, può nascondere il suo dolore facendo reagire il contrario di come si sente veramente. Invece di piangere, può ridere più forte e persino fare scherzi a proprie spese per evitare la vergogna di lasciare che gli altri vedano che gli hanno fatto del male.

Una delle aree in cui è stata applicata la reazione è l'omofobia. Hai mai conosciuto una persona che deve costantemente affermare la propria eterosessualità? Non solo nel modo "normale", ma in momenti apparentemente strani quando l'orientamento sessuale non è nemmeno un argomento di conversazione. Queste stesse persone possono anche fare i commenti più negativi su gay e lesbiche, ancora, in un modo che sembra fuori luogo nella sua veemenza. Che dire del politico che è fuori discorso nel suo modo di distogliere l'omosessualità e propone molteplici atti legislativi per limitare i diritti degli omosessuali, solo per essere trovato a sollecitare gli uomini nei bagni dell'aeroporto? O il predicatore che profuga profusamente i peccati dell'omosessualità solo per essere trovato in una stanza d'albergo con una prostituta. Secondo la formazione della reazione, queste persone risponderebbero in questo modo per nascondere la loro vera attrazione agli individui dello stesso sesso, un'attrazione che produce ansia e vergogna. Per nascondere la verità, reagiscono in modo tale da gettare qualsiasi sospetto su di loro, come se, attraverso le loro azioni anti-gay, potessero cambiare i loro veri pensieri e sentimenti.

open source freeware
Fonte: freeware open source

E c'è una ricerca per sostenere questa teoria. Lo studio seminale sulla formazione della reazione e l'omofobia proviene da uno studio del 1996 di Adams, Wright e Lohr. I ricercatori hanno misurato l'eccitazione sessuale dei maschi eterosessuali sia in alta che in bassa omofobia mentre guardavano film sessuali eterosessuali, lesbiche e gay sessualmente espliciti. Entrambi i gruppi hanno mostrato eccitazione per le prime due categorie, ma solo gli uomini con un'alta omofobia hanno mostrato eccitazione nei film gay. Va notato che alcuni hanno sostenuto che l'eccitazione del pene mostrata da questi uomini potrebbe essere stata la rabbia, tuttavia, la ricerca successiva ha dimostrato che l'eccitazione del pene è una risposta fisiologica altamente improbabile alla rabbia o all'aggressione. Una ricerca più risentita ha ulteriormente confermato queste scoperte che dimostrano che uomini eterosessuali altamente omofobi hanno mostrato più vergogna per l'attrazione dello stesso sesso, portando i ricercatori a concludere che "gli uomini attratti dallo stesso sesso che negano qualsiasi inclinazione gay possono provare vergogna esterna … temendo il giudizio degli altri "(Parigi, 2014). Infine, la ricerca ha dimostrato che i bambini che crescono in case con genitori che vanificano la loro autonomia o il senso della scelta e che giudicano la correttezza dei sentimenti, degli atteggiamenti e delle credenze del loro bambino, sono più propensi a nascondere il loro "vero" orientamento sessuale da adulti e, coerentemente con la formazione della reazione, mostrano livelli più alti di omofobia (DeHaan, Przbylski, Legato e Ryan, 2012).

E questo ci porta allo sparatutto di Orlando.

Il ragazzo protesta troppo, penso io.

Dato il corpo di ricerca sull'omofobia e sulla formazione della reazione, non sorprende sapere che i collaboratori dello sparatutto hanno affermato di aver spesso fatto osservazioni omofobiche e che pochi giorni prima delle riprese, il tiratore aveva protestato vedendo due uomini baciarsi tutti mentre segretamente cercare la compagnia maschile per anni. Il fatto che abbia usato l'ISIS come ultima copertura per i suoi sentimenti interiori è solo un'ulteriore dimostrazione del potere della necessità di proteggere il nostro ego e le lunghezze che gli umani andranno a fare, per farlo.

Che si tratti del giocatore di football bullismo del ragazzino gay a scuola, del politico di Capitol Hill che impone la legislazione anti-gay, o dell'uomo sposato che spara alla gente in una discoteca gay che vive apertamente la vita che si vergogna troppo per vivere, purché noi, come genitori e come culture, continuano a giudicare gli altri a causa di chi sono o di chi amano, le persone continueranno a denigrare e danneggiare la stessa comunità che desiderano avere il coraggio di unirsi.

Solutions Collecting From Web of "L'Orlando Shooter protesta troppo, me pensa"