L'omicidio più famoso a cui eravamo tutti allettati

Kitty Genovese and her killer

Cinquanta anni fa, quando Kitty Genovese (nessuna parentela con la famosa famiglia criminale) aveva 29 anni, fu brutalmente aggredita e pugnalata a morte davanti al suo condominio a New York. Era una vittima casuale di uno strano giovane, Winston Moseley, che aveva "problemi" con donne e sesso. È stato catturato, ha confessato, ed è ancora in prigione.

All'inizio, i giornali scrivevano racconti drammatici sulle "38 persone" che osservavano l'intero attacco dalle finestre dell'appartamento senza che nessuno facesse nulla o addirittura chiamasse la polizia quando le sentirono urlare. Gli psicologi sociali hanno escogitato qualcosa chiamato "l'effetto spettatore", in cui, più testimoni sono presenti, minore è la probabilità di aiutare uno straniero.

Ora c'è una versione molto più completa dell'intera storia in un nuovo libro di Kevin Cook, Kitty Genovese: The Murder, the Bystanders, the Crime That Changed America . Cook, giornalista e autore pluripremiato di altri due titoli di saggistica, ha scritto un resoconto senza soluzione di continuità utilizzando un equilibrio di drammaticità, dettagli, analisi e una descrizione grafica tale da soddisfare la curiosità del lettore senza essere travolgente.

Tutto questo è accaduto negli anni '60 e molti eventi interessanti accadevano nello stesso momento. Cook descrive ciò che è accaduto poco prima e subito dopo, quali canzoni sono state suonate, l'atteggiamento nei confronti della polizia, le inadeguatezze del modo in cui le chiamate di emergenza sono state gestite (non c'era il 911 allora).

CORREGGERE IL MITO

Cook rivela anche alcuni fatti meno noti su Kitty e il famoso caso. Per esempio, era una lesbica che viveva con un'altra donna, in un momento in cui i club che frequentava erano spesso invasi dalla polizia intenta a radunare tutti questi "devianti".

Quegli infami 38 spettatori che non hanno fatto nulla? Quel numero non fu mai confermato, e alcuni dei vicini di Kitty, tra quelli che la conoscevano e quelli che potevano vedere quello che stava accadendo, fecero qualche sforzo gridando fuori dalla finestra o chiedendo aiuto. La maggior parte dormiva quando iniziò la prima parte dell'attacco, udì le urla, guardò fuori dalla finestra e guardò l'aggressore che fuggiva e Kitty incespicò. Qualche minuto più tardi, quando Kitty si diresse verso il fondo della propria tromba delle scale e l'attaccante tornò per finire ciò che aveva iniziato, non riuscì più a urlare o, con un'eccezione o due, a essere vista.

Non è che il caso che pensavamo di conoscere, quello in tutti i libri di testo di psicologia, è totalmente sbagliato. Ma ciò che Cook fa è compilare e correggere i dettagli con interviste all'amante di Kitty e altri che hanno avuto un ruolo nella storia. Dà alla storia un contesto molto più completo, e quindi ci aiuta a capire l'era, il crimine e i partecipanti. Possiamo anche imparare come si sviluppano i miti e resistono al cambiamento.

Consigliato per gli studenti di psicologia di oggi, e per il resto di noi che abbiamo imparato a conoscere Kitty Genovese a scuola o da un conto corrente all'epoca. Include foto in bianco e nero.

Copyright (c) 2014 di Susan K. Perry (autore di Kylie's Heel)

Seguimi su Twitter @bunnyape

Solutions Collecting From Web of "L'omicidio più famoso a cui eravamo tutti allettati"