Lois DeVries sul potere trasformazionale del giardinaggio

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Lois DeVries

EM: Sei particolarmente interessato al "potere di trasformazione del giardinaggio". Cosa intendi con quella frase?

LD: The Transformational Power of Gardening è un palpabile scambio di energia che si svolge tra alcuni tipi di giardinieri e i loro giardini in cui sono cresciuti in una coppia simbiotica la cui unione olistica è necessaria per entrambi. In questi giardini, parlando con questi giardinieri, i visitatori sperimentano un trasferimento di energia che tocca la propria forza vitale, un evento noetico o ottimale. Lo sai quando lo senti.

C'è un fattore x al lavoro, qualcosa di "extra", che è più conoscibile dai suoi sintomi che altro: questo tipo di giardino genera una sorta di risonanza armoniosa nei visitatori. Non riesci a metterti il ​​dito sopra, ma sai che ti piace stare lì e non vuoi andartene.

Col tempo, mentre intervistavo più profondamente i proprietari di tali giardini, ho scoperto che, in ogni caso, il loro legame con il giardino va ben oltre il semplice godimento delle piante e dei meccanismi del giardinaggio e nella mente, nel cuore e nell'anima. Negli esempi più drammatici, il giardinaggio ha cambiato la vita di una persona o ha permesso a un individuo di trionfare su una disabilità fisica. Più tipicamente, questi giardinieri parlano di come il giardinaggio riduce il loro stress, offre un periodo di godimento privato e consente loro un'espressione libera del loro essere più profondo, esperienze di giardinaggio più amate o spirito creativo.

EM: Come vede l'attività di giardinaggio aiutare o guarire il disagio emotivo e mentale? Qual è il "potere curativo" del giardinaggio?

LD: Penso che ci sia qualcosa di molto primitivo con cui ci ricolleghiamo quando stiamo scavando nella terra. Impegna un livello più profondo del nostro essere. Diventiamo letteralmente più radicati quando siamo inginocchiati o seduti sulla terra. Ha un'influenza calmante e chiama i nostri istinti di nutrimento.

Il giardinaggio ha effetti fisici e mentali sul corpo oltre il semplice esercizio. Il profumo, ad esempio, è un elemento importante che influisce sui ricordi del giardino, perché iniziamo a formare le connessioni nervose che intrecciano gli odori del giardino con le emozioni durante i nostri primi incontri con i giardini. Ciò accade perché le capacità sia dell'olfatto che dell'emozione sono radicate nello stesso sistema (limbico) nel cervello.

Alberi, arbusti e fiori sono esseri viventi, così come gli uccelli, gli insetti, i vermi, gli scoiattoli, ecc., Che fanno tutti parte del mondo del giardiniere. Le persone che non escono mai nel mondo naturale perdono l'essenza della loro umanità, la loro capacità di relazionarsi al loro posto nella rete della vita.

Il giardinaggio ci solleva dall'auto-assorbimento che è parte integrante del disagio emotivo. Iniziamo ad impegnarci di più con i cicli stagionali e ad osservare le vite occupate delle varie creature che sono attratte nel nostro giardino. Perché crescere le piante fino alla maturità richiede tempo, iniziamo a coltivare più pazienza e diventare meno impulsivi.

Ci sono molte prove scientifiche per sostenere l'affermazione secondo cui il contatto con la natura è fondamentale per la salute mentale umana, fin dalle osservazioni del 1782 del Dr. Benjamin Rush di pazienti mentali a cui era permesso lavorare all'aperto, alla fondazione del paesaggio del dott. Frances Kuo e laboratorio di salute umana all'Università dell'Illinois.

EM: Hai un aneddoto di qualcuno che è stato aiutato a guarire attraverso il giardinaggio?

Ne ho parecchie, ma ve ne parlerò solo due. La storia più drammatica è del cittadino naturalizzato proveniente dall'Egitto, intrappolato in un edificio dell'Autorità Portuale chiuso a chiave adiacente alle Twin Towers l'11 settembre 2001. Non poteva evitare di vedere cosa stava accadendo. Era distrutto dal senso di colpa e cominciò a sentire che, in quanto egiziano-americano, era in qualche modo responsabile.

Era così scosso che non riuscì a tornare al lavoro, anche dopo mesi di consulenza. Lui e sua moglie si sono spaventati di ciò che potrebbe accadere a loro in una comunità che aveva perso un certo numero di residenti durante l'attacco.

Con poco da fare, ma ripetere i suoi ricordi inquietanti più e più volte, ha sofferto di terribile depressione. Poi un giorno, due vicini che erano avidi giardinieri lo raggiunsero, aiutandolo a trovare conforto e relax insegnandogli come fare il giardinaggio. Quando l'ho incontrato era così che passava la maggior parte di ogni giorno. "Il giardinaggio mi ha aiutato a guardare verso la vita e lontano dalla morte", ha detto.

L'altra storia è la mia. Durante un periodo di cancro al seno nel 2012, ho usato il mio amore per il giardinaggio per trasformare la vittima in sopravvissuta. Da stressato a stressato. Ero sbalordito quando il mio dottore mi ha detto la notizia. Non ho sentito molto di quello che ha detto, ma sapevo di avere un cancro al seno. Dopo aver messo giù il telefono, le mie priorità sono diventate chiare: mio marito, il mio cane e il mio giardino. Ricordo di aver singhiozzato, "Non voglio lasciare il mio giardino." Nei successivi 283 giorni, mio ​​marito ed io abbiamo creato una serie di obiettivi incrementalmente più difficili legati al giardino che mi hanno attirato nel futuro e culminato nella nostra settimana viaggio a Tucson per la conferenza della Garden Writers Association.

EM: Ci sono altre attività o attività "come il giardinaggio" che ti senti anche di aiuto per alleviare il disagio emotivo e mentale?

LD: Non è sufficiente fare qualcosa all'aperto. Molte attività all'aperto in realtà hanno un effetto negativo sull'ambiente, o si concentrano unicamente sulla padronanza della natura da parte della persona. Muoversi in motoslitta e arrampicata su roccia, ad esempio, vengono in mente.

La pesca a mosca, d'altra parte, offre lo stesso tipo di esperienza meditativa, a basso stress, interiore diretta che può essere goduto da solo o in compagnia di altri. Imparare a legare le mosche da soli è un'arte allo stesso modo in cui il giardinaggio è e può offrire sfide e sbocchi creativi simili.

Lo sci di fondo non competitivo può giocare al nostro senso di meraviglia quando viene fatto in un'area naturale. Passeggiate tranquille in terre naturali poco frequentate, o lungo le spiagge sono un'altra buona scelta. È così facile essere "persi" nel pensiero o nel tempo mentre frughi tra pigne, pietre colorate, conchiglie o vetro marino, guarda gli uccelli, ecc. Questo è "zoning out" in senso buono.

È più di essere che fare, quindi tutto ciò che ti aiuta a entrare in un FLOW o in un'esperienza "ottimale" su base regolare è buono. Può essere qualcosa di semplice come ancorare la tua barca nel mezzo di un lago e osservare il mondo che passa, o visitare un giardino pubblico e respirare la bellezza.

EM: Se tu avessi una persona amata in un disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

LD: Non ho una formazione medica, ma in generale penso che i farmaci coprano solo i sintomi di problemi mentali o emotivi senza risolverli veramente. Quindi il mio suggerimento dipenderebbe dalla gravità del problema. Chiaramente, qualcuno con la schizofrenia ha esigenze diverse da qualcuno che ha paura di attraversare un ponte.

Se le persone vicine a me avessero problemi con i normali stress della vita, probabilmente li inviterò ad accompagnarmi in un garden center con la scusa che stavo cercando di comprare alcune piante, o di accompagnarmi "per compagnia" a un giardino pubblico, arboreto, spettacolo floreale, parco statale, spiaggia o altri spazi aperti. Sul serio. Nella mia vita, ho trovato la cura più rapida per "il blues" è uscire tra piante e animali, uccelli, api e farfalle, e andare a fare una passeggiata.

A lungo termine, li incoraggerei a prendere lezioni in un orto botanico, partecipare a un programma Master Gardener (disponibile in ogni stato) o garden club, fare un tour in giardino, ecc. Questi offrono il vantaggio di un'attività strutturata e di un periodo di tempo, così come uno spazio non minaccioso per socializzare con gli altri su un interesse comune. I giardinieri tendono ad essere molto loquaci e disposti a condividere.

**

Lois è direttore esecutivo del Sustainable Gardening Institute e fondatore della Sustainable Gardening Library di SGI. È presidente del Sustainability Committee della Garden Writers Association ed è destinataria del prestigioso Jefferson Presidential Award per quasi un decennio di servizio in difesa dell'ambiente. Può essere raggiunta su http://www.loisjdevries.com/ o loisj7@gmail.com.

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health visita qui

Solutions Collecting From Web of "Lois DeVries sul potere trasformazionale del giardinaggio"