Lo studio longitudinale dei veterani del Vietnam nazionale, parte 1

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

Il National Vietnam Veterans Readjustment Study (NVVRS) è stato condotto nel 1983 come risposta a un mandato del Congresso per un'indagine su PTSD e altri problemi psicologici postbellici tra i veterani del Vietnam. Più di 25 anni dopo lo studio originale NVVRS, i ricercatori hanno riesaminato più di duemila dei partecipanti allo studio originali per i sintomi del DPTS. Ciò che rendeva unica questa ricerca era che il corso a lungo termine di PTSD nel personale militare non era stato precedentemente valutato in un campione rappresentativo a livello nazionale. Questo studio di follow-up, denominato National Vietnam Veterans Longitudinal Study (NVVLS), ha rilevato un'attuale prevalenza di PTSD nel 4,5% dei maschi e nel 6,1% dei veterani di combattimenti femminili in Vietnam. Estrapolando queste cifre si evince che oltre un quarto di milione di veterani del Vietnam lottano ogni giorno con le conseguenze del PTSD quarant'anni dopo la fine della guerra.

Lo studio è stato condotto da Charles R. Marmar, MD, il professore di Lucius N. Littauer e presidente del dipartimento di Psichiatria presso il NYO Langone Medical Center e direttore del suo Steven e Alexandra Cohen Veterans Center, un programma leader nello studio del PTSD. Pioniere nel campo della ricerca sul PTSD, il suo lavoro ha portato a scoperte nella nostra comprensione del DPTS attraverso lo studio di agenti di polizia, soldati in combattimento, veterani e civili che sono stati esposti a eventi improvvisi, di solito pericolosi per la vita.

Di recente, ho parlato con il Dr. Marmar delle implicazioni dello studio NVVLS e della sua carriera di 40 anni come ricercatore del PTSD.

Dr. Jain: Per la mia prima domanda, puoi iniziare commentando la grande percentuale di veterani del Vietnam che tu e il tuo team avete studiato che non ha mai sofferto di PTSD legato alla guerra? A volte sento che la percentuale si perde in alcuni titoli e nella copertura mediatica della ricerca sul PTSD.

Dr. Marmar: Sì. È un po 'difficile dare una stima generale precisa, ma se si guardano i nostri dati sia dalla prima tornata del nostro studio (raccolti tra l'84 e l'88) e poi dalla seconda ondata (raccolti tra il 2011 e il 2013), è all'incirca una divisione del 75% e del 25%. Naturalmente dipende proprio da come si definisce PTSD, e questo è cambiato nel corso degli anni, ma si potrebbe dire che circa i 3/4 dei veterani del Vietnam che hanno prestato servizio nella zona di guerra non hanno mai sviluppato livelli significativi di stress, ansia o depressione legati ai loro servizio militare. Erano relativamente resistenti. Ora, questa è solo una media tra tutti i 3,1 milioni di uomini e donne che hanno prestato servizio. C'è molta variabilità a seconda di chi eri, quanti anni hai, quante volte sei stato schierato e quali sono i tuoi doveri di servizio. Nell'implementazione di una zona di guerra, ci sono tre ruoli generali: combattimento, supporto al combattimento e supporto del servizio. Tutti e tre i ruoli rientrano nella definizione di una zona di guerra, ma il numero di persone che sono effettivamente ripetutamente in punta di spada è una percentuale più piccola, e questo dipende dal calcolo del rischio individuale.

Dr. Jain: Sì. In realtà mentre parli, mi viene in mente qualcosa riguardo ai recenti rimpatriati dai conflitti in Afghanistan e in Iraq. Il rango militare sembra cruciale. I membri militari di grado inferiore sono esposti a dosi più elevate di traumi e sono quindi più vulnerabili. È qualcosa che hai visto nello studio del Vietnam o è qualcosa su cui puoi offrire un feedback?

Dr. Marmar: In generale, i combattenti di guerra più anziani e più istruiti di grado superiore sono in grado di tollerare l'intensità del combattimento e sono più resilienti. Inoltre, come hai indicato, in generale, i loro livelli di esposizione a combattimenti ripetuti sono più bassi se fossero i capisquadra piuttosto che i membri della squadra.

Dr. Jain: l'editoriale del Dr. Hoge che ha accompagnato l'articolo ha descritto la tua ricerca come "metodologicamente superba". Puoi commentare un po 'dal punto di vista di un ricercatore sulla forza del tuo studio e su come è diverso dai precedenti tentativi di documentare la prevalenza o corso di PTSD in questa popolazione?

Dr. Marmar: In primo luogo, riteniamo che sia l'unico studio al mondo (con la possibile eccezione degli studi condotti da Solomon et al con la Forza di difesa israeliana) che ha seguito, in modo epidemiologicamente corretto, un campione rappresentativo di ogni uomo e ogni donna che ha servito in un grande conflitto. Lo studio non è stato effettuato reclutando persone da ospedali e cliniche VA o pubblicizzando su Craigslist, ecc. Quindi prende in considerazione le differenze tra campioni di comunità e pazienti in cerca di VA, poiché si tratta di due gruppi molto diversi. Questo studio è stato disegnato dall'alto verso il basso dai documenti militari. Comprendeva persone provenienti da tutti i 50 stati, Guam e Portorico, e comprendeva veterani urbani, suburbani, rurali ed estremamente remoti. Così, per esempio, abbiamo incluso partecipanti dagli aspetti remoti della Big Island delle Hawaii, fino a Manhattan. È un campione veramente rappresentativo a questo proposito. In secondo luogo, abbiamo sovrallocato le donne e le minoranze. Questo ci ha dato più potere statistico di guardare anche a queste popolazioni. In terzo luogo, lo studio ha un successo eccezionale nella sua attuazione. Abbiamo avuto zero contatti con la nostra coorte per 25 anni. Non ne abbiamo mai contattato uno solo in una sola occasione e ne abbiamo conservato solo l'80% per il seguito 25 anni dopo. Lo studio ha molte caratteristiche eccellenti, ma le caratteristiche più importanti sono rappresentate dal campionamento rappresentativo, dalla sovrarappresentazione di donne e minoranze e dal suo alto tasso di ritenzione in 25 anni.

Dr. Jain: Questo è ciò che lo rende un pezzo di scienza molto importante nella nostra comprensione della prevalenza e del decorso del PTSD.

Dr. Marmar: Ti dice anche qualcosa di profondo sull'impegno dei partecipanti alla ricerca. Un'altra cosa è che è molto profondo, perché abbiamo interviste familiari fino a 5 ore, interviste ai sondaggi e interviste cliniche di 3 ore su un sottocampione. Per questo studio di follow-up, abbiamo avuto un pacchetto self-report di 1 ora, interviste da 1 a 2 ore da intervistatori di sondaggi professionali e interviste cliniche da 3 a 5 ore svolte dal mio team presso la NYU. Abbiamo utilizzato un team di intervistatori clinici di PhD altamente qualificati e siamo stati in grado di intervistare le persone per telefono in modo da poter campionare, nell'intervista clinica, persone provenienti da tutto il paese. È molto difficile farlo se chiedi ai partecipanti di entrare nei centri medici regionali.

Nel mio prossimo post, condividerò la seconda parte della mia intervista con il Dr. Marmar.

Copyright: Shaili Jain, MD. Per ulteriori informazioni, consultare i blog di PLOS.

Solutions Collecting From Web of "Lo studio longitudinale dei veterani del Vietnam nazionale, parte 1"