Lo stigma di un altro nome è ancora lo stesso?

Per alcuni, la parola “stigma” non è più politicamente corretta. Dovremmo preoccuparci?

Prettysleepy2/Pixabay

Fonte: Prettysleepy2 / Pixabay

Recentemente ho ricevuto una e-mail che mi rimproverava di usare la parola “stigma” nella mia classe e negli scritti. L’autore della mail ha detto che avrei dovuto “essere immediatamente sottoposto a consulenza” perché riferirsi allo “stigma” della malattia mentale è sia immorale che immorale. Apparentemente, la polizia del PC ha stabilito che la parola “stigma” è la lingua dei carnefici “. L’autore cita una serie di fonti che suggeriscono un linguaggio alternativo che posso usare: pregiudizio, pregiudizio, discriminazione, ingiustizia, esclusione sociale. Infine, l’autore cita un recente articolo sull’Huffington Post intitolato “Chiamiamo lo stigma della salute mentale che cosa è veramente: la discriminazione”.

In effetti, la parola “stigma” ha un’origine ignominiosa. Lo stigma viene in inglese da una parola greca che significa un marchio o marca fatta da un bastone appuntito o altro strumento appuntito. Quindi, la parola “stigmate” si riferisce ai segni sulle mani e sui piedi di Gesù dai chiodi che lo tenevano alla croce. Nel XVII secolo, la parola “stigma” aveva acquisito associazioni negative di malvagità o sottomissione e, a metà del 19 ° secolo, veniva utilizzata nei testi medici in riferimento alla tossicodipendenza e alla malattia mentale.

Nel suo lavoro classico intitolato Stigma, il sociologo Erving Goffman sviluppò una teoria della fonte dello stigma e delle sue associazioni negative. Goffman suggerisce che lo stigma è evocato da stereotipi negativi che svalutano un individuo “da una persona intera e usuale a uno svantaggiato e scontato”. (Goffman 1963, p.3) Goffman identifica tre potenziali fonti di stereotipi negativi che generano stigma: disabilità fisica o deformità (es. cecità, paraplegia); comportamento deviante (es. malattia mentale, crimine); e identità tribale (ad es. razza, nazionalità). Egli teorizza che il disagio coinvolto nelle interazioni sociali con una persona stigmatizzata genera il desiderio di evitare tali interazioni. Quindi, le persone che sono stigmatizzate tendono ad essere socialmente isolate.

geralt/Pixabay

Fonte: geralt / Pixabay

Ricordo vividamente la mia prima esperienza degli effetti dello stigma della malattia mentale, quasi 20 anni fa. Poco dopo che mio figlio è stato dimesso dall’ospedale dopo un primo episodio di psicosi, eravamo programmati per partecipare al matrimonio della nipote di mio marito. I sintomi positivi più evidenti della malattia di mio figlio (allucinazioni e allucinazioni) erano controllati da farmaci antipsicotici, ma i sintomi negativi (astinenza, mancanza di emozioni) erano forse accentuati dai suoi effetti collaterali. Ero scettico sulla sua capacità di affrontare un grande evento sociale, quando riusciva a malapena a portare avanti una breve conversazione con me. Ma voleva partecipare e il suo medico le ha dato il permesso per il viaggio.

Durante la cerimonia nuziale, che richiedeva poca interazione sociale, tutto sembrava normale con i miei suoceri. Alla reception, eravamo seduti a un grande tavolo con famiglia allargata. Mio figlio era silenzioso, ma nessuno sembrava accorgersene. Poco dopo cena, tuttavia, mi resi conto che tutti si erano allontanati dal tavolo e nessuno tornava. Ci siamo seduti da soli, io e mio figlio e una cognata perspicace (a cui sarò per sempre grato), mentre i gruppi di parenti si mischiarono a una distanza “sicura”. Due decenni dopo, sento ancora la rabbia, il dolore e l’umiliazione di sedere lì con mio figlio, sperando che non si accorga che tutti ci stanno evitando. Farebbe meno male se la fonte dell’isolamento – lo stigma – fosse chiamata qualcos’altro? Assolutamente no.

In risposta al mio critico di e-mail, direi che sono più preoccupato per il linguaggio corretto , piuttosto che per il linguaggio politicamente corretto . In realtà, i termini discriminazione, ingiustizia ed esclusione sociale non sono sinonimi accurati di stigmatizzazione e l’articolo di Huffington Post è errato quando afferma che lo stigma della salute mentale è una discriminazione.

Lo stigma è un atteggiamento ; la discriminazione, l’ingiustizia e l’esclusione sociale sono azioni . Lo stigma può essere fonte di discriminazione, ingiustizia ed esclusione sociale, ma non è la stessa cosa. Un individuo può stigmatizzare la malattia mentale, ma se non agisce sul loro stigma non c’è discriminazione e nessuna esclusione.

Considera, ad esempio, la mia gentile cognata nell’esempio sopra. Potrebbe essere stata altrettanto a disagio nei confronti di una persona con malattie mentali come i parenti che ci hanno evitato. Potrà credere ad alcuni degli stereotipi negativi sulla malattia mentale che generano stigma ma, in tal caso, lei non ha agito su di loro. La sua compassione ha superato il suo stigma. Nel suo caso, non c’era discriminazione.

Quali parole potrebbero essere sinonimi di stigma? Pregiudizio e pregiudizi sono atteggiamenti, quindi rappresentano concetti simili allo stigma. Il thesaurus suggerisce vergogna, disonore, disonore, umiliazione. Di questi, credo che il disonore si avvicini al concetto discusso da Goffman. Quando stigmatizzi qualcuno con una malattia mentale, li disonori . Credi di essere meno di una persona intera e apprezzata, semplicemente perché si sono ammalati .

Stigma è vergognoso. Ma la vergogna non è sulla persona con malattia mentale; è su quelli che stigmatizzano. La soluzione non è cambiare la parola, ma cambiare gli atteggiamenti.

Riferimenti

Goffman, Erving. 1963. Stigma: note sulla gestione dell’identità guasta. Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall.

  • Dinamica segreta di abuso emotivo, sessuale e fisico
  • Quanto cattivi capi possono farti star male
  • Collegamento a capire gli altri
  • Perché ci sentiamo vergognosi durante le vacanze
  • Sfuggire alla zona di comfort dell'esercizio
  • Shades of Play: Trauma Rievocazione storica e Trauma Play
  • Quando qualcuno non parla della loro infanzia, perché no?
  • Dark Paths to Cooperation in "The Challenge: Rivals"
  • Violenza domestica e abuso di minori nella NFL
  • RISPETTO
  • Instant Romance è a portata di clic
  • Trapped by Success: Spade, Bourdain e Celebrity Suicide
  • L'impatto del vergognarsi online sulla vita dei giovani
  • Giovani e stati d'animo estremi
  • Religione attraverso la prospettiva dello sviluppo umano
  • Debriefing di stress da incidente critico da un evento traumatico
  • Il percorso negativo verso la felicità
  • Sex Addiction 101
  • Lettera da Manhattan: perché i genitori di New York Freak in ottobre
  • Lo psicoanalista Michael Eigen sulla violenza
  • I nostri primi sentimenti
  • 10 modi per fermare il rango nel mondo professionale
  • In che modo la paura del cyberbullismo potrebbe influenzare Tweens e Teens
  • Soffitto di vetro - The Untold Story
  • La storia di una ragazza violentata sessualmente
  • Perché la vergogna non funziona
  • Hacking Hatred - Che guida le persone a odiare e uccidere
  • Paura di intimità
  • Noi tutti odiamo i bulli ma non siamo d'accordo su chi sono
  • Lo psicoanalista Michael Eigen sulla violenza
  • L'azione crea emozione
  • Perché siamo così autocritici?
  • Instant Romance è a portata di clic
  • Lasciare andare una relazione con gratitudine
  • Paure segrete di un narcisista
  • L'abuso emotivo dei membri della famiglia dovrebbe essere legale?