Lo stato di diversità degli ufficiali di polizia influenza le loro percezioni

L'11 gennaio 2017, "Pew Research Center ha pubblicato un'indagine pionieristica su quasi 8.000 agenti di polizia giurati che lavorano nei dipartimenti degli Stati Uniti con almeno 100 ufficiali. Il sondaggio fornisce uno sguardo dettagliato su come gli agenti si sentono riguardo al loro lavoro e su come vedono i rapporti con le comunità che servono in un momento di crescenti tensioni in seguito a incontri di alto profilo tra forze dell'ordine e neri. "

Secondo l'editore senior Rich Morin, la ragione del sondaggio e la sua importanza era la seguente:

"Negli ultimi anni, il coinvolgimento della polizia nella morte dei neri negli Stati Uniti ha provocato un dibattito nazionale su tattiche, addestramento e metodi della polizia. Questi incontri fatali hanno anche alimentato il dibattito pubblico sul rapporto tra polizia e neri e altre comunità minoritarie.

Noi e altri abbiamo esplorato le opinioni pubbliche sulla polizia, la razza e l'uso della forza. Questo progetto aiuta a colmare un importante divario di conoscenze: cosa pensa la polizia di questi recenti eventi e quali considerano i problemi e le preoccupazioni principali che li riguardano e la loro professione? E come si confrontano le opinioni degli ufficiali di polizia con quelle del pubblico? Per quanto ne so, questo è uno dei sondaggi più ampi e certamente più ampi di poliziotti mai tentati ".

Lo stesso studio fornisce statistiche complessive su un gran numero di argomenti e anche le suddette statistiche si riducono in base alla razza o all'etnia dell'ufficiale, al sesso, alle dimensioni del dipartimento di polizia, al periodo di tempo in cui la forza e al grado. Per quanto riguarda determinati argomenti, hanno incluso anche le statistiche relative al pubblico in generale.

Le percezioni degli ufficiali variavano in base a tali variabili, a volte in modo drammatico.

Gli argomenti trattati includono quanto segue:

  • Le motivazioni dietro le proteste / dimostrazioni
  • Soddisfazione degli ufficiali con il loro dipartimento
  • Quanto sono fortemente impegnati a rendere la loro agenzia di successo
  • La correttezza delle procedure disciplinari
  • Se si sentono rispettati dal pubblico in generale
  • Se si fidano del pubblico in generale
  • Orgoglio nel loro lavoro
  • Frustrazione del lavoro
  • Se il loro lavoro li fa arrabbiare
  • Se il lavoro li ha resi più insensibili
  • Se i residenti delle aree che pattugliano condividono i loro valori e credenze
  • Se un approccio aggressivo piuttosto che cortese è più efficace in alcuni quartieri
  • Se alcune persone possono solo essere portate a ragionare in modo duro e fisico
  • Il rapporto del dipartimento di polizia con i bianchi
  • Il rapporto del dipartimento di polizia con gli ispanici
  • Il rapporto del dipartimento di polizia con gli asiatici
  • Se il paese ha apportato le modifiche necessarie per garantire pari diritti per i neri
  • Se le morti dei neri per mano della polizia sono incidenti isolati
  • Sia che favoriscano il divieto di armi in stile assalto
  • Sia che favoriscano l'uso di telecamere del corpo
  • Se credono che le leggi sulla marijuana del paese dovrebbero essere rilassate
  • Sia che supportino la legalizzazione della marijuana sia per uso privato che medico
  • Se si considerano solo protettori o esecutori
  • Gravi preoccupazioni sulla loro sicurezza fisica almeno a volte quando sono sul posto di lavoro
  • Frequenza di lotte fisiche o lotte con i sospetti che stavano resistendo all'arresto
  • Quanto bene il pubblico comprende i rischi e le sfide che devono affrontare
  • Come gestire una situazione in cui fare ciò che è moralmente giusto richiede la rottura delle regole del dipartimento
  • Lode alla loro leadership dipartimentale
  • Preoccupazioni per quanto riguarda i limiti delle risorse
  • Valutazioni per addestrare ed equipaggiare gli ufficiali a svolgere il proprio lavoro
  • Valutazioni sulle politiche di utilizzo della forza e formazione
  • Trovare il giusto equilibrio tra agire decisamente e prendere tempo per valutare una situazione
  • Trattamento dipartimentale di bianchi contro ufficiali che sono membri di gruppi minoritari
  • Se agli ufficiali dovrebbe essere richiesto di intervenire quando credono che un altro ufficiale stia per usare una forza non necessaria
  • Se il loro dipartimento ha intrapreso azioni per migliorare le relazioni con i residenti neri

Alcuni risultati chiave dello studio sono stati i seguenti:

La maggior parte degli agenti di polizia si sente rispettata dal pubblico e, a sua volta, crede che gli ufficiali abbiano pochi motivi per diffidare della maggior parte della gente.

Le grandi maggioranze di ufficiali bianchi, neri e ispanici concordano sul fatto che polizia e bianchi nelle loro comunità vanno d'accordo. Ma emergono differenze sorprendenti quando l'attenzione si sposta sui rapporti di polizia con le minoranze etniche e razziali. Una percentuale sempre più piccola di ufficiali neri rispetto ai loro colleghi bianchi o ispanici afferma che la polizia ha una relazione positiva con le minoranze nella comunità che servono. Circa un terzo degli ufficiali neri (32%) caratterizza i rapporti con i neri nella propria comunità come eccellenti o buoni, mentre le maggioranze degli ufficiali bianchi e ispanici (il 60% per entrambi) offrono una valutazione positiva.

Allo stesso tempo, solo circa la metà di tutti gli ufficiali neri (46%), ma le maggiori maggioranze di ufficiali ispanici (71%) e bianchi (76%) affermano che le relazioni tra polizia e ispanici sono eccellenti o buone. Allo stesso modo, i tre quarti di tutti gli ufficiali neri, ma il 91% degli ufficiali bianchi e l'88% degli ufficiali ispanici valutano positivamente le relazioni con gli asiatici nelle loro comunità.

La maggior parte degli ufficiali concorda sul fatto che, per essere efficace, la polizia deve capire le persone nei quartieri che pattugliano.

Tuttavia, il grado in cui gli ufficiali valutano la conoscenza locale varia in modo significativo dalla razza e dal genere dell'ufficiale. L'84% degli ufficiali neri e il 78% degli ispanici afferma che la conoscenza delle persone, dei luoghi e della cultura dei quartieri che pattugliano è molto importante per essere efficace nel loro lavoro, una visione condivisa dal 69% dei bianchi. Anche le donne sono più propense degli uomini a privilegiare le conoscenze locali (80% rispetto al 71%).

Sette su dieci (72%) affermano che i funzionari meno performanti non sono ritenuti responsabili.

E quando l'argomento si rivolge più in generale allo stato delle relazioni razziali, praticamente tutti gli ufficiali bianchi (92%) ma solo il 29% dei loro colleghi neri affermano che il paese ha apportato le modifiche necessarie per assicurare pari diritti ai neri. Non solo le opinioni degli ufficiali bianchi differiscono da quelle dei loro colleghi neri, ma sono ben distanti da quelle dei bianchi in generale: il 57% di tutti gli adulti bianchi afferma che non sono necessari ulteriori cambiamenti, come misurato nell'indagine del Centro sul pubblico in generale .

Relativamente pochi ufficiali (22%) affermano che il loro lavoro li fa sentire arrabbiati, ma una percentuale significativa (49%) dice che a volte li fa sentire in questo modo. Gli ufficiali che dicono che il loro lavoro li fa spesso sentire arrabbiati sembrano essere meno collegati ai cittadini che servono. Il 45% afferma che pochissime o nessuna delle persone nei quartieri che servono condividono i propri valori. Solo il 20% degli agenti che affermano di non sentirsi quasi mai arrabbiati lo stesso.

Gli ufficiali dei dipartimenti più grandi hanno meno probabilità rispetto a quelli dei dipartimenti più piccoli di dire che condividono valori con le persone nelle aree in cui pattugliano.

Gli ufficiali bianchi hanno molte più probabilità degli ufficiali neri di associare le emozioni negative al loro lavoro.

Gli ufficiali maschi bianchi avevano maggiori probabilità di avere faticato o combattuto fisicamente con un sospetto che stava resistendo all'arresto nel mese scorso.

I neri e gli amministratori di dipartimento (59%) sono gli unici due gruppi principali in cui la maggioranza è più preoccupata del fatto che gli agenti agiranno troppo rapidamente rispetto alla preoccupazione di aspettare troppo a lungo prima di rispondere a una situazione.

Tra gli ufficiali neri, il 69% afferma che le proteste sono stati sforzi sinceri per forzare la responsabilità della polizia – più del doppio della percentuale di bianchi (27%) che condividono questa opinione. Anche ufficiali di sesso femminile, poliziotti anziani e amministratori di dipartimento sono più propensi degli ufficiali maschi, della polizia più giovane e degli ufficiali di fila a credere che i manifestanti cerchino sinceramente la responsabilità della polizia.

Una ristretta maggioranza di ufficiali (56%) ritiene che in alcuni quartieri l'aggressività sia più efficace dell'essere cortesi, mentre il 44% è d'accordo o fortemente d'accordo sul fatto che sono necessarie tattiche dure e fisiche per trattare con alcune persone.

In entrambe le misure, una percentuale maggiore di ufficiali più giovani, meno anziani e con meno di cinque anni di esperienza favorisce queste tecniche, mentre proporzionalmente meno esperti e amministratori di dipartimento più anziani e di maggiore esperienza le approvano.

Gli ufficiali più giovani e gli ufficiali bianchi sono più propensi degli ufficiali più anziani o neri a dire che sono diventati più insensibili.

Gli ufficiali che riferiscono di essere diventati più insensibili sono anche più propensi dei loro colleghi a sostenere tattiche aggressive o fisicamente severe con alcune persone o in alcune parti della comunità. Sono anche più propensi degli altri ufficiali a dire che sono spesso irritati o frustrati dal loro lavoro o che sono stati coinvolti in un confronto fisico o verbale con un cittadino nel mese scorso o che hanno sparato le armi di servizio mentre erano in servizio a un certo punto nella loro carriera.

È difficile discernere con questi dati se l'aumento dell'insensibilità è una causa primaria o una conseguenza di sentimenti di rabbia o frustrazione, o atteggiamenti verso tattiche aggressive. Tuttavia, i dati suggeriscono che questi sentimenti e comportamenti sono correlati. Ad esempio, gli agenti che sentono di essere diventati più insensibili al lavoro sono circa il doppio delle probabilità che coloro che affermano di non dire il proprio lavoro quasi sempre o li facciano sentire arrabbiati (30% contro 12%). Inoltre, è più probabile che si sentano frustrati dal loro lavoro (63% contro 37%).

Tra gli ufficiali che dicono di essere diventati più insensibili, circa quattro su dieci (38%) hanno lottato fisicamente o combattuto con un sospetto nel mese precedente, rispetto al 26% di coloro che affermano di non essere diventati più insensibili.

Circa la metà degli ufficiali neri (53%) afferma che i bianchi vengono trattati meglio delle minoranze nel loro dipartimento o agenzia quando si tratta di incarichi e promozioni. Pochi ispanici (19%) o bianchi ufficiali (1%) sono d'accordo. Circa sei-in-dieci ufficiali bianchi e ispanici dicono che minoranze e bianchi sono trattati allo stesso modo (rispetto al 39% degli ufficiali neri).

Tra gli ufficiali bianchi, il 31% afferma di aver scaricato l'arma da fuoco durante il servizio. Una percentuale minore di agenti neri (21%) e ispanici (20%) riferisce di fare la stessa cosa.

Basti dire che questo studio conferma ciò che la ricercatrice di scienze sociali Brene 'Brown ha detto riguardo all'empatia, alcuni dei quali è il seguente:

L'empatia è un insieme di competenze, il cui nucleo è l'assunzione di prospettiva.

L'assunzione di prospettiva è normalmente insegnata o modellata dai genitori. Più la tua prospettiva è in linea con la cultura dominante, meno probabilmente ti è stato insegnato come prendere una prospettiva. Negli Stati Uniti, la cultura di maggioranza è bianca, giudeo-cristiana, borghesia, istruita e retta.

Tutti vediamo il mondo in un modo diverso, basato sulle nostre informazioni, intuizioni ed esperienze. Tra le altre cose, questo tiene conto della nostra età, orientamento sessuale, abilità fisica, genere, razza, etnia e spiritualità.

Non possiamo togliere l'obiettivo dal quale vediamo il mondo. Prendere in prospettiva sta ascoltando la verità mentre gli altri la provano e la riconoscono come la verità. Quello che vedi è vero, vero e onesto come quello che vedo, quindi lasciami stare per un minuto, ascolta e impara ciò che vedi. Lasciami incuriosire su quello che vedi. Permettimi di fare domande su ciò che vedi.

L'empatia è incompatibile con la vergogna e il giudizio. Stare fuori dal giudizio richiede comprensione.

"L'empatia può essere uno strumento di trasformazione per decostruire pregiudizi inconsci e costruire comprensione tra persone di diversa estrazione".

Che cosa deve fare la diversità all'interno della forza di polizia a tale riguardo? "L'integrazione e l'assimilazione sono cose molto positive perché consentono alle persone di vedere altre prospettive, che sono il cuore dell'empatia". Inoltre, "l'empatia è una forma sorprendente di riduzione dei pregiudizi e nel tenere sotto controllo i pregiudizi".

Tuttavia, da tutte le apparenze, la diversità all'interno della forza di polizia non sta promuovendo l'empatia che potrebbe perché altrimenti le differenze nelle percezioni basate sulla razza, sull'etnia, sul genere e su altre cose simili non sarebbero così evidenti. I dipartimenti di polizia potrebbero voler fare di più per beneficiare di tale diversità.

Inoltre, i risultati di questo studio confermano la necessità che i dipartimenti di polizia sviluppino una relazione collaborativa con la propria comunità, tra le altre cose. Ho pubblicato un articolo su questo argomento il 29 ottobre 2015, che è stato ripubblicato dalla rivista americana Police Beat, che afferma di essere la "The Voice of the Nation's Law Enforcement Community". La più grande, la più diffusa e rispettata pubblicazione per le forze dell'ordine negli Stati Uniti "

Come menzionato in The Connection Between Empathy Toward Others and Ethics , "L'empatia verso gli" altri "è fortemente associata all'etica." Come menzionato in questo articolo, meno "empatia" si ha per "altri", più è facile per loro commettere atti cattivi verso tali "altri" e razionalizzare la moralità del loro comportamento.

In base a tali linee, si sottolinea che lo studio ha dichiarato quanto segue in merito ai dilemmi morali:

"Le situazioni che la polizia deve affrontare sul posto di lavoro spesso possono presentare dilemmi morali. Alla domanda su come consigliare un collega in un caso in cui fare ciò che è moralmente la cosa giusta richiederebbe la violazione di una regola del dipartimento, la maggioranza della polizia (57%) dice che consiglierebbe al proprio collega di fare la cosa moralmente giusta. Quattro su dieci dicono che consiglierebbero al collega di seguire la regola del dipartimento. C'è una divisione razziale significativa su questa questione: il 63% degli ufficiali bianchi dice che consiglierebbe di fare la cosa moralmente giusta, anche se ciò significava infrangere una regola del dipartimento; solo il 43% degli ufficiali neri dice che darebbe lo stesso consiglio ".

Tuttavia, "i giudizi morali sono veri o falsi solo in relazione ad un particolare punto di vista (ad esempio, quello di una cultura o di un periodo storico) e che nessun punto di vista è univocamente privilegiato su tutti gli altri …. [Pertanto], dovremmo astenerci dal trasmettere giudizi morali su credenze e pratiche caratteristiche di culture diverse dalla nostra ".

Come ha detto Gary Saul Morson, "l'empatia non è tutta morale, ma è da dove inizia".

Questo è ulteriormente spiegato dall'autore Robert Wright nel suo TED Talk Progress non è un gioco a somma zero , in cui ha detto quanto segue:

"Abbiamo bisogno di un grande round di progresso morale nel mondo – vedi meno odio tra i gruppi, meno bigottismo, gruppi razziali, gruppi religiosi, qualunque cosa. Non c'è alternativa.

Il progresso morale – la moralità si basa sull'interesse personale – quando il tuo benessere è correlato al mio. Ciò ha determinato il progresso morale finora. È nell'interesse personale di tutti favorire l'evoluzione morale.

Perché così tante persone in tutto il mondo ci odiano? Per capire veramente perché qualcuno in una cultura molto diversa fa qualcosa è un risultato moralmente salvifico. La vera comprensione è un'espansione della tua bussola morale ".

Come diceva eloquentemente Tim Leberecht, "L'empatia, l'esperienza di comprendere la condizione di un'altra persona dalla sua prospettiva, è il collegamento tra noi stessi e" l'altro "e in quanto tale è un concetto critico per qualsiasi società umana pacifica e funzionante. Serve come prerequisito dell'immaginazione e del giudizio morale; solo se siamo capaci di accettare l'altro come un essere con sentimenti, ci sentiamo obbligati ad agire moralmente ".

Quindi, prima di saltare alle conclusioni, mi interrogherei su ciò che ogni dato poliziotto considera "la cosa moralmente giusta da fare".

Inoltre, lo studio indicava che gli ufficiali bianchi maschi ritenevano che il processo disciplinare e le opportunità di promozione fossero più equi di quanto non facessero altri gruppi. In quanto tali, quegli ufficiali che cadono fuori dalla cultura dominante potrebbero essere più inclini a seguire le regole del dipartimento.

Potremmo tutti percepire le cose come desideriamo. Tuttavia, i fatti sono i fatti.

Solo nel 2010, i costi associati alle sentenze civili e agli accordi relativi alla cattiva condotta della polizia sono stati $ 346.512.800, secondo l'Istituto CATO.

Come hanno affermato Richard Emery e Ilann Margalit Maazel nel loro articolo intitolato Perché le cause civili per i diritti civili non sono la cattiva condotta della polizia: l'enigma dell'indennizzo e una soluzione proposta,

"In migliaia di casi in tutto il paese, i querelanti per i diritti civili hanno citato in giudizio con successo gli agenti di polizia per aver violato la Costituzione. Eppure, giorno dopo giorno, gli agenti di polizia fanno arresti senza una causa probabile, usano la forza eccessiva, negano le cure mediche, e violano in altro modo la Costituzione con quasi impunità. Perché le cause civili non scoraggiano questa condotta riprovevole? La risposta, afferma questo saggio, risiede nell'enigma dell'indennizzo ….

[Le città risarciscono regolarmente] gli agenti di polizia indipendentemente dal fatto che abbiano agito intenzionalmente, imprudentemente o brutalmente; se hanno violato o no la legge federale o statale; o se hanno violato le regole e i regolamenti del Dipartimento di Polizia ".

Così com'è ora, i contribuenti pagano gli stipendi di coloro le cui azioni portano a risultati così tragici e poi fanno pagare il conto per le conseguenze finanziarie che ne derivano. Inoltre, non solo non c'è alcuna responsabilità da parte delle parti incriminate, ma sembrano anche mantenere il loro lavoro, vantaggi e tutto.

Ricorda, secondo lo studio, "sette su dieci (72%) dicono che gli ufficiali con scarso rendimento non sono ritenuti responsabili".

Se questo non fornisce una prova per sostenere la posizione di Robert Wright che "è nell'interesse di tutti per favorire l'evoluzione morale", non so cosa lo farà.

A parità di condizioni, molti agenti di polizia che sono membri della cultura dominante potrebbero usare una buona dose di empatia nei confronti degli "altri", e lo stesso si potrebbe dire di molti membri della cultura dominante che non sono poliziotti.

Solutions Collecting From Web of "Lo stato di diversità degli ufficiali di polizia influenza le loro percezioni"