Lo sport e altre attività fisiche aumentano l'autostima?

La professoressa Margaret Talbot, presidente del Consiglio internazionale per la scienza dello sport e l'educazione fisica, una volta ha scritto che lo sport, la danza e altre attività fisiche impegnative sono modi distintivi potenti per aiutare i giovani a imparare a "essere se stessi". Ha suggerito che questo tipo di attività – quando sono presentate in modo appropriato – può insegnare alla gente a mettere in discussione le presunzioni limitanti che potrebbero aver raccolto, e arrivare a vedere se stessi e il loro potenziale in un modo nuovo.

Mi sono ricordato delle parole di Margaret Talbot quando ho letto di recente il libro di Mina Samuels Run Like a Girl: come le donne forti fanno felici le vite . Questo libro offre un'interessante raccolta di storie di ragazze e donne le cui vite sono state trasformate dall'impegno con sport di vario genere.

Samuels, lei stessa, ha scritto:

"Nel corso degli anni che seguirono la mia" scoperta "della corsa, la mia fiducia in se stessi crebbe e si nutrì dei risultati raggiunti nello sport – stabilendo nuovi primati personali, vincendo una piccola gara locale, sopravvivendo alle battute d'arresto e alle maratone sbagliate – Ho scoperto una capacità dentro di me che non ho mai saputo di avere. Non ero solo fisicamente più forte di quanto mi aspettassi, pensavo a me stesso come a una persona diversa, a una persona con più potenziali, più ampi orizzonti, maggiori possibilità. Ho visto che potevo spingere me stesso e correre dei rischi, non solo nello sport, ma anche altrove. La competizione nello sport, come nella vita, non era con qualcun altro, era con me stesso. "Competere" significava scoprire le mie potenzialità per fare meglio, per mantenere me stesso a un livello più alto, per aspettarmi di più da me stesso e consegnare ".

Questi commenti mettono in evidenza quella che è diventata una delle più importanti aree di ricerca negli sport giovanili: il ruolo che possono svolgere nello sviluppo dell'autostima.

Le teorie sull'autostima abbondano, ma la maggior parte si riferisce al grado in cui un individuo si sente positivamente riguardo a se stesso. Generalmente sorge quando un individuo ha successo, viene lodato, o sperimenta l'amore da un altro, ed è abbassato dal fallimento, dalla dura critica e dal rifiuto. È un argomento importante per chi è interessato all'educazione, alla salute e allo sport a causa delle sue associazioni con aggiustamento emotivo, comportamenti salutari (come assunzione di droghe e sesso non protetto e precoce), la capacità di affrontare le sfide della vita, la salute mentale generale e la felicità .

Come si è visto dai commenti di Margaret Talbot e Mina Samuels, è opinione diffusa che lo sviluppo di competenze o competenze nelle abilità sportive possa portare a un senso di efficacia personale e sentimenti di autonomia, e questi sono associati alla promozione di autostima. Non sorprende che i ricercatori abbiano scoperto che le attività fisiche svolgono un ruolo particolarmente importante nel rafforzare l'autostima fisica. L'associazione tra queste attività e misure più generali di autostima è più complessa, anche se sembra poco dubbio che una percezione positiva dell'autostima fisica sia un fattore importante alla base di percezioni positive più generali di se stessi, specialmente durante l'infanzia e la prima adolescenza.

Lo sport giovanile è divertente!

Numerosi studi offrono supporto all'affermazione che lo sport e altre attività fisiche possono contribuire allo sviluppo dell'autostima. Ad esempio, gli scienziati canadesi hanno scoperto che i ragazzi e le ragazze del sesto grado che erano più attivi fisicamente avevano livelli notevolmente più alti di autostima. Questa scoperta è stata corroborata da un'altra squadra canadese, che ha anche evidenziato il ruolo potenzialmente dannoso che l'obesità gioca nell'equazione. Uno studio in Svizzera ha rilevato che gli adolescenti che hanno partecipato a club sportivi hanno avuto un maggiore benessere, tra cui una migliore regolazione sociale, sentirsi meno ansiosi e generalmente essere più felici delle loro vite. Risultati simili sono stati riportati in uno studio condotto da studenti di Latino, dove la partecipazione allo sport scolastico è risultata significativamente associata all'autostima.

Sembra poco probabile che parte della potenza dello sport risieda nel loro ambiente sociale. Vi è un corpus sostanziale di letteratura che dimostra l'importanza fondamentale della connessione sociale per lo sviluppo sano di bambini e adolescenti, e gli sport offrono un ambiente popolare e coinvolgente per le interazioni sociali. Il coinvolgimento negli sport di squadra è stato positivamente associato all'accettazione sociale e al senso di appartenenza, in particolare laddove tale coinvolgimento è caratterizzato da coaching positivo, sviluppo progressivo delle capacità e sostegno reciproco.

Naturalmente, l'impostazione sociale dello sport può escludere e includere. Vi sono ora prove convincenti che le esperienze sportive di ragazzi e ragazze possono essere notevolmente diverse, e questo può influenzare il contributo che possono apportare all'autostima dei giocatori. L'accettazione da parte dei pari sembra essere un fattore significativo nel determinare la relazione tra la partecipazione sportiva e l'autostima, e le ragazze possono essere particolarmente vulnerabili ai giudizi negativi. Gli sport agonistici spesso esagerano le difficoltà e gli studi hanno scoperto che molti ragazzi e ragazze "femminili" traggono grandi benefici dalle attività fisiche non competitive.

Quindi, si dovrebbe prestare attenzione alla cautela nel caso in cui si presume che lo sport sia una panacea. Gran parte della letteratura sui risultati psicologici più positivi associati all'infanzia e agli sport giovanili sottolinea l'assoluta importanza delle esperienze positive. Non sorprenderà nessuno che il bullismo, l'esclusione o l'abuso delle esperienze danneggino, piuttosto che sostenere lo sviluppo dell'autostima e del benessere in generale. Purtroppo, non sarà nemmeno uno shock apprendere che le introduzioni di molti bambini agli sport sono lontane dall'aumento della vita.

Il grande psicologo devopmemental Jean Piaget sostenne che le basi dell'autostima erano poste tra i 6 e gli 11 anni di età. È importante sottolineare che questo è anche il momento in cui è più probabile che i bambini vengano introdotti nello sport. È impossibile sovradichiarare l'importanza di esperienze sportive iniziali positive per lo sviluppo dell'autostima e della partecipazione continua nello sport e in altre attività fisiche. Insegnanti, allenatori e genitori hanno la responsabilità di garantire che queste esperienze "catturino" il maggior numero possibile di bambini, e affinché ciò avvenga devono ricordare "tre principi fondamentali dello sviluppo del bambino":

  1. i bambini non sono mini-adulti;
  2. i bambini non sono mini-adulti;
  3. i bambini non sono mini-adulti.

I problemi sorgono quando gli adulti dimenticano questi principi e si prendono in giro pensando che stiano allenando le future Olimpiadi o stelle del Superbowl. Ironia della sorte, le prove suggeriscono che i bambini di talento hanno più probabilità di emergere quando hanno il tempo di sviluppare, giocare e rimanere bambini.

I bambini non sono adulti in miniatura, e il loro godimento degli sport (e della loro autostima) può risentirne quando gli adulti benintenzionati dimenticano questo!

Per ulteriori informazioni su questo argomento:

Bailey, R., Collins, D., Ford, P., MacNamara, A., Toms, M., & Pearce, G. (2010). Sviluppo dei partecipanti nello sport: una revisione accademica. Leeds, Regno Unito: Sports Coach UK .

Solutions Collecting From Web of "Lo sport e altre attività fisiche aumentano l'autostima?"