Lo spazio tra consapevolezza e fiducia in se stessi

Quando mio figlio era in prima elementare, il suo insegnante mi ha tirato da parte un pomeriggio durante il volontariato. "Linda, non capisco. John ha tutto nella vita – è intelligente, bello, atletico e alto, ma gli manca la fiducia in se stesso. Trema quando tocca a lui alzarsi di fronte alla classe e recitare il calendario del mattino. Lo supportiamo, ma non aiuta. "

Molti pensieri mi passarono per la testa, come gli studi sul temperamento: la personalità non è impostata principalmente da sette anni? (non è!); la bellezza come un buffer: forse non sarà preso in giro tanto ?; l'ansia sociale e l'inclinazione della società alle banalità: "Fallo e basta!"

Alla conclusione della nostra conversazione, ho ringraziato la signora Smith per i suoi compassionevoli tentativi di soluzione. La verità è che possiamo provare e convincere una persona a credere di essere degni o presentare esempi convincenti per scontare le loro insicurezze, ma è come inchiodare un albero a un albero.

Mentre è difficile guardare qualcuno che amiamo soffrire, non è il nostro lavoro sostenere la loro autostima. Perché non possiamo. Infatti, più proviamo, peggio possono sentirsi. Una strategia migliore potrebbe essere quella di insegnare e modellare la consapevolezza.

"L'auto-compassione implica anche una consapevolezza. Per avere auto-compassione, dobbiamo essere disposti a volgerci verso e riconoscere la nostra sofferenza. In genere, non vogliamo farlo. Vogliamo evitarlo, non vogliamo pensarci e vogliamo andare direttamente nel problem-solving. "-Dr. Kristin Neff

Brooke Lark/unsplash
Fonte: Brooke Lark / unsplash

La buona notizia è che i risultati della ricerca sulla plasticità neurale mostrano che è possibile ricollegare il nostro cervello in modi che influenzano i nostri pensieri e comportamenti, indipendentemente dall'età. (Salute e servizi sociali) . Non importa quanto tu sia timido o disgusto di te stesso fino ad ora, costruire la fiducia in se stessi è altamente "volitivo" (per scelta).

Per alcuni, la fiducia in se stessi significa resistere al rifiuto da una relazione romantica, per gli altri, non sta cadendo a pezzi durante un evento di parlare in pubblico, mentre alcuni desiderano placare il loro critico interiore "non sei abbastanza bravo".

Ecco otto strategie che possono aiutare ad aumentare la fiducia in se stessi:

1. Chiedi, 'cosa direi ad una persona amata in questa situazione? "Siamo spesso più gentili e più compassionevoli verso gli altri che verso noi stessi. Inoltre, non siamo così pronti a rimuginare o analizzare tutto ciò che sta andando male quando aiutiamo qualcun altro.

L'interrogatorio implica consapevolezza consapevole di un problema. Troppo spesso, le persone prive di fiducia in se stessi spazzano via un errore o un'occasione persa come difetto di carattere, non come un'opportunità per ottenere informazioni su un'area problematica.

2. Espandi la tua cerchia di potenziale. La visualizzazione è una tecnica potente per creare un'immagine di te stesso come vuoi essere, nella tua mente. Quando lottiamo con bassa autostima, abbiamo una scarsa percezione di noi stessi che è spesso inaccurata. Quando visualizzi una versione positiva di te stesso, diverse aree convergono aiutandoti a: a) attivare il tuo subconscio creativo che aumenta la creatività, b) programmare il tuo cervello a riconoscere risorse interne ed esterne c) manifestare la legge di attrazione, ponendo te stesso nella competenza di persone e opportunità positive e d) aumenta la motivazione a intraprendere le azioni necessarie per realizzare i tuoi sogni.

3. Notate cosa state facendo bene. Questo passo si adatta genericamente al mantra "pensa positivo", e con una buona ragione. Quando ti manca la fiducia, è facile concentrarsi sugli errori. Il trucco è catturare te stesso prima che un brutto umore minacci la tua giornata. Ad esempio, un po 'di tempo fa ho notato che quando mi sono svegliato, la mia mente ha scansionato rapidamente tutte le cose che non ho ottenuto dal giorno prima. Una volta preso me stesso, mi sono riformulato con "cosa sto facendo bene?" Questo è stato un punto di svolta nel cominciare la mia giornata con una nota salutare.

4. Dai pensieri negativi allo stivale . Questo si lega alla punta in alto, mentre pensieri malsani pervadono una mentalità insicura. Un segno distintivo di una mente emotivamente sana è la vigilanza su ciò che entra nel tuo sacro patrimonio mentale. Per un articolo approfondito sull'uso dei principi della terapia cognitivo-comportamentale per influenzare il cambiamento positivo, clicca qui.

5. Incuriosito sul tuo mondo interiore. Quando diventi consapevole dei tuoi pensieri e di come influenzano i tuoi sentimenti e comportamenti, hai preparato il terreno per ridurre le insicurezze. "Hmm, è stata una reazione interessante … mi chiedo se c'è qualcosa di più profondo che sto evitando." O, "se dovessi lasciare andare il mio bisogno di controllare l'esito delle situazioni, come si sentirebbe?"

6. Rischi. Come ha detto saggiamente Wayne Gresky: "Ti manca il 100 percento degli spari che non fai". Il rimpianto è un tema enorme in psicoterapia, specialmente quando invecchiamo e le nostre vite diventano più strette. Bottom line: non raggiungerai mai il tuo potenziale se non esegui un piano.

7. Agisci "come se" possedessi la fiducia che il tuo aspira ad avere. Quando la vita non va bene, può sembrare che non ci sia nessuna rima o ragione. Questo è un buon momento per comportarsi "come se" tu sei dove vuoi essere. Si alza presto, fa la doccia, indossa bei vestiti e esce in pubblico e in rete anche se non hai un lavoro. Costruire la fiducia in se stessi significa agire nonostante la paura di fallire. Se le cose vanno bene, ora sai di essere più sicuro di quanto pensi. Se le cose non funzionano, ora sai che l'esperienza non ti ha infranto. Ad ogni modo, stai meglio.

8. Organizzati. Avere un sistema in atto per la risoluzione dei problemi. Se l'avanzamento di carriera è ostacolato perché non hai superato un test importante, imposta obiettivi giornalieri per l'apprendimento del materiale. Ogni problema ha una soluzione e una mente disorganizzata è il nemico del momento. Studia come se non ci fosse un domani e aggiusta di conseguenza le tue priorità.

La buona notizia è che la ricerca rivela che la fiducia in se stessi non è fissa ad una certa età, ma tende ad aumentare con l'auto-consapevolezza e l'esperienza di vita ( Journal of Personality and Social Psychology ). Per citare Sam Ullman, "sei giovane quanto la tua autostima, vecchia come le tue paure; giovane come la tua speranza, vecchia quanto la tua disperazione. " Per me, questo significa mostrare a mio figlio che è amato, identificare le aree di competenza e impegnarsi nella risoluzione dei problemi. Il resto dovrà imparare da solo.

Per ulteriori informazioni sulla costruzione della tua autostima, potresti trovare utile questo articolo.

© 2017 Linda Esposito, LCSW

Solutions Collecting From Web of "Lo spazio tra consapevolezza e fiducia in se stessi"