Lo sfortunato appello dei narcisisti nella gestione

I narcisisti sono sovrarappresentati nei ranghi del management? I dati su questo problema sono difficili da trovare, forse inesistenti. Tuttavia, per una serie di motivi legati alla natura della condizione e alle qualità che spesso aiutano a farcela nella gestione, è ragionevole supporre che ci sia una rappresentazione narcisistica ampia.

Secondo la definizione di questa pubblicazione: "Il disturbo della personalità narcisistico comporta un comportamento arrogante, una mancanza di empatia per le altre persone e un bisogno di ammirazione – tutto ciò che deve essere coerente nel lavoro e nelle relazioni". Il narcisismo di base è definito come un " versione meno estrema "del disturbo. Per gli scopi di questo articolo, includerei sia la condizione più mite che il disturbo più grave.

Quali sono alcuni dei tratti distintivi della personalità narcisistica? Quattro caratteristiche chiave includono:

– Necessità di ammirazione e potere

– Grandiosità / esagerazione

– Manipolazione

– Mancanza di empatia

Sulla base di quattro decenni di esperienze e osservazioni nella forza lavoro, tra cui più di vent'anni di gestione aziendale di Fortune 500, ho concluso, sfortunatamente, che queste quattro qualità possono anche essere utili per il successo della gestione. Sto dicendo che tutti i manager li possiedono? Niente affatto – molti manager di successo sono tra le persone più semplici ed empatiche che abbia mai conosciuto. Ma queste quattro qualità possono a volte essere preziose per ottenere successo nel competitivo mondo degli affari? Senza dubbio possono.

Consideriamo ciascuno dei quattro e il modo in cui può tradursi efficacemente nell'ambiente di gestione.

Necessità di ammirazione e potere – La popolazione gestita è in certa misura autoselezionata. Molte persone estremamente talentuose e intelligenti nel mondo degli affari scelgono di non entrare in gestione per una serie di motivi – spesso coinvolgono lo stress, le difficoltà e le lunghe ore richieste dal ruolo. Ma per coloro che hanno bisogno di ammirazione e potere, queste qualità sono chiaramente dei benefici che la direzione offre – in quantità crescenti più alto cresce in un'organizzazione. Tutte le persone entrano in gestione per questo motivo? Naturalmente no. Ma per qualcuno a cui piace essere al centro dell'attenzione – chi ama presentare, parlare in pubblico, le luci della ribalta – la gestione, come un abito ben fatto, è una buona idea.

Grandiosità / Esagerazione – Il business, essendo un ambiente altamente competitivo, valorizza le persone di "visione", pensatori strategici le cui intuizioni aiutano le aziende a guadagnare un vantaggio nel mercato. La grandiosità può facilmente essere confusa con la visione. Entrambe le qualità implicano "pensare in grande", e anche quando i pensieri grandiosi contengono più esagerazione che sostanza, sembrano ancora impressionanti se espressi in modo eloquente in una presentazione efficace.

Manipolazione – Nelle manovre richieste per ottenere, mantenere ed esercitare il potere, le abilità politiche acute sono una risorsa preziosa. Essere in grado di "leggere" abilmente un ambiente e manipolarlo a proprio vantaggio è un'abilità utile, soprattutto quando numerose persone si dedicano alla pesca di un piccolo numero di posizioni ambite e altamente compensate.

Mancanza di empatia – Nessuno ha mai detto che la gestione fosse un lavoro facile. A volte i manager a tutti i livelli (e soprattutto nei ranghi più anziani) devono fare cose straordinariamente difficili (licenziamenti, licenziamenti, riorganizzazioni, ecc.) Che influenzano la carriera e il sostentamento di molti, a volte amici molto stretti. Nella misura in cui non sei ingombrato da empatia indebita, sentimenti di colpa e auto-recriminazione in tali situazioni, è un bagaglio utile da non portare.

In breve, c'è una confluenza tra aspetti chiave della personalità narcisistica e qualità chiave che contribuiscono al successo della gestione. Mentre i dati sulla prevalenza del narcisismo sono un po 'nebulosi (il 6% della popolazione è una figura spesso citata per il Disturbo Narcisista di Personalità), 1 su 16 mi sembra un conto modesto quando si considera il narcisismo nei ranghi dell'alta dirigenza – sebbene si tratti di un stima interamente non scientifica, e credo che questo sarebbe un argomento utile per uno studio accademico rigoroso.

Infine, perché dico lo sfortunato fascino dei narcisisti nella gestione? Perché questa reciproca attrazione – dei narcisisti per il ruolo e dei direttori assoldati verso certi narcisisti – non è produttiva? È una risposta semplice: perché i migliori manager, i migliori leader, sono focalizzati sui bisogni degli altri – i loro clienti, dipendenti, azionisti, ecc. – mentre i narcisisti sono in ultima analisi più concentrati su se stessi. Si tratta di programmi fondamentalmente diversi e nel lungo periodo entreranno in conflitto. Quello che è meglio per un individuo narcisista raramente sarà ciò che è meglio per la sua organizzazione.

In che modo i responsabili delle assunzioni (e consigli di amministrazione, dipartimenti delle risorse umane, ecc.) Evitano di collocare i narcisisti in posizioni di potere?

Non è semplice, a causa del fascino, della grandiosità e della capacità di manipolare dei narcisisti, ma nella misura in cui le entità assoldate hanno conosciuto un individuo per un lungo periodo di tempo e possono garantire il suo carattere … o possono concentrarsi su risultati tangibili e verificabili piuttosto che impressioni generali e forza della personalità … tali filtri possono aiutare le organizzazioni a prendere le decisioni migliori.

* * *

Victor è l'autore di The Type B Manager: leader in un mondo di tipo A (Prentice Hall Press).

Solutions Collecting From Web of "Lo sfortunato appello dei narcisisti nella gestione"