L'introverso autentico

La corsa in taxi per l'hotel tre giorni prima andava bene. Dopo alcune chiacchiere su Kansas City e i posti migliori per fare barbecue, mi sono scusato per finire di leggere, e il tassista è scomparso volentieri nel suo mondo. Durante il viaggio di ritorno volevo risparmiare un po 'di soldi, ma non potevo avere la possibilità di trovare un chiacchierone, il tipo che pensa di farmi un favore forzando una conversazione. Così ho fatto una prenotazione sulla navetta dell'aeroporto alle 7:00. Gli altri passeggeri avrebbero fornito un buffer tra me e il guidatore. Metterei i miei auricolari e mi addormenterei con la musica.

Non molta fortuna. I miei respingenti salirono a bordo della navetta e, sebbene mi proteggessero dal conducente, non erano protetti da loro stessi. Felici di scoprire che erano stati tutti nella stessa conferenza, iniziarono a scambiarsi informazioni e aneddoti. Non contento di ciò che stavano imparando l'uno dall'altro, il più alto chiese alla figura appoggiata contro la finestra: "Anche tu eri alla conferenza?" La sentii chiaramente, ma per farmi vedere qualcosa rimossi uno dei miei auricolari e le ha chiesto di ripetere la domanda. Sorrisi e dissi "sì". Ma prima che potessi ricollocare il padiglione dell'orecchio, mi chiese dove stavo andando e in quale università insegnassi e quale fosse il mio campo di specializzazione. Ancora una volta, ho risposto con un sorriso ma non ho offerto altre informazioni. Chiusi gli occhi e ascoltai un audiolibro per il resto del disco.

All'arrivo all'aeroporto, ho fatto finta di svegliarmi e ho tolto i miei auricolari. Con mio grande sgomento, quello alto mi condusse con alcune delle stesse domande di prima. Su che volo ero, dove ho insegnato, e così via. Sebbene fossi già involontariamente orecchiabile per lei, fui costretto a fingere curiosità restituendo le domande. Tutta la finzione mi rendeva più a disagio. Con un occhio alla porta, attendo con ansia l'anonimato della linea di sicurezza e le mani brancolate della TSA.

I miei compagni di viaggio sulla navetta erano perfettamente carini, solo un po 'insensibili ai miei auricolari e alla mia posizione assopita. Era chiaro che non volevo parlare, e sarebbe stato apprezzato se lo avessero semplicemente riconosciuto e rispettato. Sul volo per Kansas City, tre giorni prima, mi sono seduto accanto a una donna più anziana. Ci siamo scambiati i convenevoli educati e impersonali quando mi sono seduto, e poi ci siamo spostati in un confortevole silenzio. Dal nostro materiale di lettura ognuno di noi avrebbe potuto intuire che stavamo andando alla riunione della divisione centrale dell'American Philosophical Association, e non sarebbe stato inappropriato richiamare l'attenzione sulla coincidenza. Ma non era necessario, e così nessuno di noi ha fatto. Da parte mia, non mi aspettavo che questa persona condividesse i miei interessi particolari o che ci piacesse la conversazione. Al contrario, era possibile e le prospettive di discussioni imbarazzanti e di educato disaccordo erano sufficienti per ignorare le prove della nostra comune professione e destinazione. Per fortuna il mio compagno momentaneo fece lo stesso calcolo. Sospetto che anche lei fosse una persona introversa, ma anche se lei non lo fosse, almeno lei lo aveva riconosciuto e rispettato.

Non posso incolpare nessuno per non riconoscermi immediatamente come un introverso. Non indossiamo una lettera "I" per segnarci. Ma sarebbe bello se potessimo dire a qualcuno: "Sono un introverso" e non ho bisogno di ulteriori spiegazioni. Bene, se hai bisogno di più di una spiegazione, eccola qui.

Gli estroversi trovano le interazioni sociali energizzanti. Si nutrono di loro e cercano di più quando hanno finito. Basta pensare a Bill Clinton che lavora in una stanza e poi si ferma a parlare con più persone più tardi mentre si fa jogging. Al contrario, gli introversi trovano le interazioni sociali snervanti; lasciano l'introverso sentirsi esausti e cercano la solitudine per ricaricarsi. Questo è il motivo per cui mi sono accasciato contro il finestrino della navetta dell'aeroporto con i miei auricolari. La conferenza mi aveva prosciugato.

Essere un introverso non significa necessariamente essere timido, anche se i due vanno spesso insieme. Essere timidi è diffidente e non assertivo, essere riluttante e poi pentirsene. L'introverso potrebbe non essere nessuna di queste cose, specialmente in certe interazioni sociali. Gli introversi non sono agorafobi; non temiamo o evitiamo ogni interazione sociale. In realtà, gli introversi non sono solitari o misantropi, non necessariamente. La comica Amy Schumer, ad esempio, ama esibirsi sul palco e passare il tempo con gli amici, ma è un introverso auto-descritto che ha davvero bisogno di tempo da solo.

L'introversione è un orientamento minoritario come essere mancini. Non è un disturbo, ma si verifica su uno spettro. Ad una estremità dello spettro ci sono persone che sono ovviamente ed estremamente introverse, e dall'altra parte ci sono persone che passano facilmente per estroversi e sono solo leggermente introverse. Gli introversi non sono certamente una minoranza perseguitata, ma sono una minoranza, spesso una minoranza maltrattata e chiusa.

Sebbene un introverso possa a volte essere scambiato per un autistico, l'introverso è in un certo senso il contrario dell'autistico. Mentre l'autistico ha grandi difficoltà a capire cosa pensano gli altri, l'introverso è inondato dalla consapevolezza di ciò che pensano gli altri. Di conseguenza, l'introverso può essere insolitamente introspettivo e autocosciente nel senso di seguire l'ingiunzione delfica di "conoscerti". Eppure, mentre c'è sicurezza nell'autoconoscenza e nella definizione di sé, l'introverso sa quanto sia fragile l'autodefinizione può essere. Non richiede il pieno accordo o la convalida di altri, ma richiede alcune convalide interpersonali. Ciò non significa che l'introverso sia particolarmente insicuro o debole, solo consapevole.

Mentre l'estroverso vuole parlare con altre persone, l'introverso parla costantemente di ciò che gli altri stanno pensando. Il monologo interiore dell'introverso fa il commento play-by-play su ogni interazione sociale. Al contrario, gli estroversi sembrano in grado di interrompere il gioco per gioco o almeno abbassare il volume nelle interazioni sociali. In effetti, sembrano entrare in una sorta di stato di flusso nelle interazioni sociali in cui parlano e agiscono senza sforzo senza molta esitazione o secondo indovinare.

"L'inferno sono le altre persone". Non è necessario essere un introverso per essere d'accordo, né tutti gli introversi possono dare un assenso non qualificato a questa affermazione. A nessuno piace sentirsi giudicato, ma l'introverso è profondamente consapevole della misura in cui viene giudicato tutto il tempo. In termini sartriani, l'introverso può trovare il giudicare costante degli altri come oggettivante, come imporre "lo sguardo" che ci considera come cose, come "essere in se stesso". Questo è il modo in cui "l'inferno sono le altre persone". si giudicano costantemente l'un l'altro e tuttavia dobbiamo essere giudicati. Il nostro senso di sé richiede la convalida dagli altri. "Gli altri, non possono vivere con loro, non possono vivere senza di loro".

Molti introversi riescono a "passare" come estroversi, almeno in certe situazioni. Quando un introverso è un insegnante, un attore o un oratore di successo, non sta mentendo o ingannando tanto quanto lei sta interpretando un ruolo. Sta reingegnerizzando le prestazioni di un estroverso e indossandolo per il suo pubblico. L'introverso non si sta illudendo su chi sia lei. Piuttosto, sta canalizzando il suo talento e la sua energia per dare una performance appropriata.

Tuttavia, giocare a un ruolo potrebbe sembrare a costo di autenticità. Poiché l'introverso può essere molto interessato a essere una persona genuina, ci si potrebbe chiedere se c'è qualcosa di sbagliato in un introverso che passa come un estroverso. In breve, la risposta è no. Non è necessariamente falso o inautentico per gli introversi agire come parte degli estroversi. Gli introversi devono resistere nel prendere il consiglio di "essere solo se stessi" come permesso di non provare in situazioni sociali. Se riusciamo a trovare un flusso in un'attività che silenzia il nostro gioco play-by-play, possiamo arrivare a capire come lo fanno gli estroversi.

D'altra parte, gli introversi non dovrebbero sentirsi obbligati a svolgere ruoli che non li soddisfano. Un introverso potrebbe interpretare il ruolo di una cameriera in una steakhouse, come Amy Schumer ha fatto con successo prima di diventare un comico, ma questo ruolo non funzionerà per tutti gli introversi. Se si agisce semplicemente la parte e si perde, allora uno è inautentico, o come dice Sartre in "malafede".

Sarebbe finto o inautentico per un introverso fingere a se stessa o agli altri di non essere introversa, che, per esempio, è, e dovrebbe essere, a proprio agio in una festa popolata da estranei. Anche se non c'è nulla di male nel fare del suo meglio in una situazione del genere per essere socievole e socievole, e potrebbe anche avere un certo successo nel farsi strada nella parte, sarebbe irrealistico aspettarsi di sperimentare e godere del raduno allo stesso modo un estroverso farebbe.

Andando oltre le loro difficoltà, gli introversi dovrebbero essere orgogliosi dei loro punti di forza. Come suggerisce Susan Cain nel sottotitolo del suo Tranquillo bestseller, dobbiamo sfruttare "il potere degli introversi in un mondo che non può smettere di parlare". Per esempio, gli introversi possono essere particolarmente buoni ascoltatori e possono essere particolarmente utili per gli altri in uno -una conversazione. Gli introversi possono essere estremamente sensibili, percepire il dolore degli altri e rispondervi. Poiché gli introversi si trovano emarginati e si trovano di fronte a ostacoli, possono essere più in sintonia con le difficoltà degli altri che si trovano emarginati o sfidati.

Anche se gli introversi devono essere orgogliosi di se stessi, devono anche fare attenzione a non prendere troppo l'orgoglio e ad essere compiaciuti. Gli introversi possono essere tentati da Holden Caulfield per vedere gli estroversi come falsi, a testa bassa e vedere se stessi come veri intellettuali profondi. Questo non è giusto, naturalmente; anche gli estroversi possono essere auto-riflessivi e possono essere altrettanto autentici degli introversi. Chiaramente, abbiamo bisogno di comprensione reciproca per favorire l'accettazione.

La reciprocità è la chiave per un'interazione sociale felice e di successo, ma la reciprocità è fuorviante quando prende la forma di trattare gli altri nel modo in cui vorresti essere trattato. Quando un bambino compra sua madre un camion giocattolo per il suo compleanno, pratica questo tipo di reciprocità sbagliata. Allo stesso modo, quando un peperone estroverso è introverso con domande e chiacchiere, le intenzioni sono buone ma indirizzate male. Dobbiamo capire chi abbiamo a che fare e trattare le persone come vogliono essere curate piuttosto che come vorremmo essere trattati. Naturalmente il bambino che dà il camion giocattolo è facilmente perdonato per non essere in grado di vedere le cose dal punto di vista di sua madre, e così pure l'estroverso facilmente perdonato nella maggior parte delle circostanze per non rendersi conto che ha a che fare con un introverso che preferirebbe silenzioso. Tuttavia, con una crescente consapevolezza, questo non giustifica l'estroverso dalla comprensione che alcune persone sono introverse che preferiscono interagire in modo diverso.

Gli introversi sono obbligati ad accettare che la maggior parte delle altre persone sono estroversi, ma gli estroversi sono obbligati a riconoscere di avere una maggioranza statistica e non un monopolio sulla normalità. Tale riconoscimento reciproco non può che migliorare e arricchire la vita di tutti. Quindi, invito gli introversi del mondo a unirsi (tranquillamente, a casa, da soli). Non hai nulla da perdere se non il tuo disagio.

William Irwin è l'autore di The Free Market Existentialist: Capitalism without Consumerism.

Solutions Collecting From Web of "L'introverso autentico"