L'incertezza è il tuo amico, parte I

Un certo numero di anni fa il preside di una primaria scuola di medicina ha aperto le cerimonie di inizio con un messaggio ai medici neodiplomati: "Il cinquanta per cento di quello che ti abbiamo insegnato è sbagliato. Il problema è che non sappiamo quale cinquanta percento. "

La percentuale di incertezza è molto maggiore nelle scienze sociali, a causa dell'enorme numero di variabili che influenzano anche un'analisi a malapena adeguata dei fenomeni complessi. Quasi tutto quello che ho imparato a scuola alle emozioni è sbagliato. Posso leggere alcune cose che ho scritto solo sei anni fa e stupirmi di quanto siano sbagliati, visti i nuovi sviluppi tecnologici che rivelano molto di più su come funziona il cervello, insieme a uno studio più vigoroso dell'emozione negli animali – con cui i nostri la maggior parte delle emozioni di base hanno molto in comune – e un'immersione più adeguata nella letteratura sociologia e psicologia sociale. Ma l'obiettivo di questo post non è quello di elencare i molti errori che io e altri autori abbiamo fatto riguardo alle emozioni. Piuttosto, spero di promuovere un sano apprezzamento dei benefici dell'incertezza.

Molti degli errori che commettiamo quando proviamo emozioni sono dovuti all'illusione di certezza che creano. Alte emozioni di adrenalina e cortisolo, in particolare rabbia, paura e, in misura minore, vergogna, creano le più profonde illusioni di certezza, a causa dei loro effetti anfetaminici. Le anfetamine creano un temporaneo senso di fiducia aumentando la produzione di energia metabolica, restringendo l'attenzione mentale ed eliminando la maggior parte delle variabili. Ecco perché ti senti più sicuro dopo una tazza di caffè rispetto a prima. È per questo che ti senti più sicuro di avere ragione e che tutti gli altri hanno torto quando sei arrabbiato, che qualcosa è pericoloso quando hai paura e che stai fallendo o è difettoso quando ti vergogni.

La certezza stessa è davvero uno stato emotivo, non intellettuale. Per creare una sensazione di certezza, il cervello deve filtrare molte più informazioni di quelle che elabora, il che, naturalmente, aumenta notevolmente il suo già alto tasso di errore durante l'eccitazione emotiva. In altre parole, più ti senti sicuro, più è probabile che tu abbia torto.

La messa a fuoco mentale, fondamento dei sentimenti di certezza, distorce la realtà ingrandendola e amplificandone uno o due aspetti filtrando ogni altra cosa. Potresti scoprire maggiori dettagli sugli uno o due aspetti su cui ti concentri, ma ciò che scopri non avrà alcun significato contestuale, perché hai isolato quegli aspetti dalla loro interazione dinamica con il resto della realtà in cui essi esistono. In altre parole, la messa a fuoco ingrandisce le cose in modo sproporzionato e le fa saltare fuori dal contesto.

La scienza dell'incertezza
L'incertezza è il fondamento della scienza. La "conoscenza" scientifica non è una raccolta di fatti, ma un programma di probabilità, vale a dire, quanto è probabile che una serie di ipotesi siano vere, sulla base della probabilità che la serie di osservazioni a loro sostegno sia vera. La scienza avanza testando costantemente le sue ipotesi – tutte con pregiudizi incorporati – con diverse osservazioni fatte con metodi diversi da diversi punti di vista, che hanno tutte distorsioni della realtà incorporate, perché richiedono attenzione e relativi punti di riferimento. Ovunque tu faccia luce, crei ombre. La ricerca scientifica collega insieme quelle osservazioni con la più alta probabilità di distorsioni minime, per arrivare a un'immagine composita e dinamica della realtà che non è mai completa e destinata a cambiare con più osservazioni e test di ipotesi.

Eppure l'incertezza che spinge la ricerca scientifica a testare e respingere costantemente le sue assunzioni e le sue osservazioni non ci porta in circoli; nonostante i vicoli ciechi occasionali, la scienza – e la tecnologia che ne deriva – progredisce. È sicuro dire che non torneremo a pensare che il mondo sia piatto o che alcune emozioni siano causate da demoni o spiriti maligni. Adesso ne sappiamo di più rispetto a qualche anno fa, ma quello che sappiamo e il modo in cui lo conosciamo cambia quasi ogni giorno.

Far fronte all'incertezza
Il modo in cui affrontiamo l'incertezza determina quanto bene facciamo nella scienza e, cosa più importante, quanto bene facciamo nella vita. L'incertezza, se possiamo tollerarla, ci spinge a imparare più intellettualmente e a connetterci l'un l'altro emotivamente. Può renderci più intelligenti e compassionevoli, purché possiamo tollerarli.

Sfortunatamente, gli umani hanno molti problemi a tollerare l'incertezza perché provocano ansia – ciò che non sai potrebbe ucciderti. Gli esperimenti dimostrano che le persone più ansiose hanno una minore tolleranza dell'ambiguità e sono più propensi a generalizzare e perdere sfumature di percezione, non perché siano meno intelligenti o meno sensibili o più pregiudizi ma perché sono più ansiose – calmano l'ansia e fanno molto meglio . È molto più difficile per loro fare ciò che tutti noi dobbiamo fare: usare l'incertezza come motivazione per apprendere e connettersi. Tuttavia, con il loro enorme credito, le persone più ansiose sono in grado di superare questa disabilità; la maggior parte impara e si collega ragionevolmente bene.

Tutti noi, in un momento o nell'altro, abbiamo reagito all'incertezza, non imparando e connettendo, ma cercando di far finta che non esista. Invece di vederlo come un amico, cerchiamo invano di sconfiggerlo – o di nasconderlo – con dogma, superstizione, delusioni, droghe, ego, tentativi di controllare l'ambiente e le altre persone, perfezionismo, depressione e rabbia.

E tutti noi, una volta o l'altra, affrontiamo l'incertezza attraverso un riconoscimento implicito che dà valore e significato alla vita e che la nostra ricerca di comprendere e connetterci, a lungo termine, ci rende meno vulnerabili. Ancora più importante, a volte capiamo che l'immagine sempre mutevole e mai completata della realtà che l'incertezza ci spinge a mettere insieme è la sostanza delle nostre vite.

La vita può essere dura per certi – la realtà semplicemente non coopererà con la loro visione di ciò. Fortunatamente, la vita può anche essere eccitante e più preziosa per coloro che abbracciano la sua incertezza intrinseca.

Solutions Collecting From Web of "L'incertezza è il tuo amico, parte I"