L'importanza critica dei mentori nella transizione al college

Come ho menzionato in un post precedente, un tutoraggio qualificato per adulti è cruciale per gli studenti nella transizione dalla scuola superiore all'università – dall'adolescenza all'età adulta. Mentre affrontano questioni che vanno dall'identità alla salute mentale all'utilizzo di sostanze, un mentore fidato con le competenze per spingere la riflessione critica e fornire una prospettiva è inestimabile. Studenti, genitori ed educatori devono cercare e creare questi tipi di relazioni di mentoring per garantire meglio la salute e il benessere degli studenti nella transizione al college e all'età adulta.

Quello che segue è un post di Amanda Payne e Allison Aaronson, un educatore professionista e lo studente a cui ha insegnato durante il programma anno sabbatico che è stata la transizione di Allison al college. Condividiamo questo post per fornire informazioni su entrambi i lati delle relazioni di mentoring efficaci per gli studenti nella transizione al college.

Amanda Payne:

Ho faticato all'università per trovare la mia strada – per lo più sola, spaventata e persa. È triste pensare che quando mi sono laureato non ero più vicino a trovare la direzione di quando ho iniziato. Dopo la laurea, tornai a casa e vacillai seguendo un percorso convenzionale supportato dai miei genitori che coinvolgeva un cubicolo e qualcosa di più avventuroso che prevedeva il decollo per vedere il mondo come volontario dei Peace Corps. Stavo lottando per prendere questa decisione quando mi è capitato di vedere mio cugino in una riunione di famiglia. Ha sussurrato il consiglio più semplice e semplice quando mi ha abbracciato addio: "Segui il tuo cuore".

Era solo la scintilla di cui avevo bisogno – l'approvazione che stavo cercando di iniziare a forgiare la mia strada. E ho fatto la mia strada, ma ci sono voluti anni sprecare il college. Ho guardato mio cugino per molte ragioni e col tempo mi ha aiutato a vedermi per quello che ero, non per quello che la gente voleva che io fossi. È stata la mia prima vera guida e, senza saperlo, mi ha guidato verso un percorso più adatto ai miei valori e alle mie convinzioni. Non mi sentivo più così solo.

Avere dei mentori adulti positivi è importante in ogni fase della vita, ma potrebbe essere il più cruciale durante la transizione e il tempo al college. Sfortunatamente, questo è un periodo in cui spesso mancano figure positive per adulti. Lontano da casa per la prima volta e l'autorità in discussione, può essere una risposta abbastanza naturale per gli studenti a rifuggire dai rapporti degli adulti. Tuttavia, questo è un momento critico di sviluppo. È un tempo spesso confusionario e spaventoso quando ci cimentiamo con la formazione di un'identità adulta, plasmando valori e ponendo le basi per il nostro futuro. C'è molta pressione e gli studenti non sono sempre dotati di abilità per gestirlo con grazia. Tuttavia, con la guida dei mentori, navigare questa volta nella vita può essere estremamente eccitante e può essere utile per creare fiducia e trovare una direzione.

Come educatore in un programma di anno sabbatico, ho servito come insegnante, facilitatore, guida, infermiere e mentore, tra molte altre responsabilità. Mentre tutti questi ruoli sono fondamentali per il successo e la sicurezza degli studenti, essere un mentore è stata la relazione più importante per me. È stato dove è stata costruita la fiducia, dove l'interrogatorio e l'autoriflessione si sono approfonditi, dove la mutualità è stata enfatizzata e le nozioni condizionate dell'autorità dei maestri hanno rotto. Per questo motivo – e poiché sapevo dove i miei studenti erano intellettualmente, emotivamente e socialmente – credo che un apprendimento più profondo e più genuino sia stato possibile.

Di seguito è riportato un pezzo scritto da uno dei miei allievi, Allison Aaronson. Ora è laureata alla Tufts University. È una riflessione sulla relazione di mentoring e quanto fosse importante, e lo è ancora, per lei. Per me, il mentoring degli adulti emergenti è stato incredibilmente significativo. Per esempio, diventerò quel mentore positivo di cui avevo disperatamente bisogno quando sono inciampato al college. Mi sento estremamente grato come educatore di aver formato legami profondi con i miei studenti che hanno avuto un impatto duraturo su entrambi loro e me. Essere un mentore è stato un costante promemoria che l'apprendimento è un processo che richiede tempo e pazienza. Mi ha insegnato ad essere un ascoltatore migliore, uno con una mente e un cuore aperti. Mi ha aiutato a porre domande migliori, a guardare alle mie convinzioni e ai miei valori con discernimento, a spingermi continuamente fuori dalla mia zona di benessere (dove accade così tanto l'apprendimento) e mi ha insegnato che l'amore è una parte inestimabile dell'educazione.

Allison Aaronson:

Inizierò dicendo che ho avuto basse aspettative su tutta questa cosa del mentore. Pensavo che il mio mentore assegnato, Amanda, fosse fantastico, ma non avevo intenzione di aprirle. Inizialmente vedendola come una sorta di figura autoritaria, ero limitato dai confini che immaginavo tra insegnanti e amici.

Ha rotto ogni convenzione che ho associato all'insegnamento, mostrandomi come essere un partecipante attivo nel mio apprendimento. "Non sono il tuo mentore", ha detto durante il nostro primo check in. "Siamo mentos. Questa è una relazione reciproca. "Questa idea che non c'è il monopolio della verità mi ha seguito durante tutto il programma, rendendomi più aperto alla saggezza degli altri e concedendomi più rispetto per me stesso.

Amanda mi ha celebrato come una madre, mi ha interrogato come uno psicologo, mi ha motivato come un insegnante e mi ha amato come un amico. Mi piacerebbe pensare che ho fatto lo stesso per lei, anche se forse senza la parte "madre". Mi sono reso conto che io sono il tipo di persona che ha bisogno di elaborare le cose ad alta voce, qualcuno che gode del processo di riflessione e viene chiesto di scavare più a fondo. Penso che avrei imparato molto meno nel mio anno sabbatico se fossi stato gettato nel mondo senza nessuno che mi aiutasse a capire le mie esperienze.

Amanda aveva una domanda per tutte le mie risposte, mi sfidava costantemente ad analizzare il mio ruolo nel mondo senza difensiva. Mi ha insegnato a cercare la bellezza, sia nel mondo che in me stesso. Soprattutto, ha disimballato delicatamente tutto il bagaglio invisibile che non intendevo portare nei miei viaggi, aiutandomi a elaborare questi problemi ea sviluppare un senso di sé più forte.

Infine, il mio "mento" ha rivoluzionato il modo in cui vedo il processo di insegnamento e apprendimento. Ho imparato che l'apprendimento è lento e fluido, che non si tratta di punteggi dei test e GPA ma di una serie di domande. Il modo in cui Amanda ha insegnato da un luogo di amore ha umanizzato gli insegnanti, permettendomi di creare relazioni più preziose con i professori mentre mi trasferisco al college.

Anche se ho scritto questo al passato, tutto questo è ancora in corso. Amanda ed io continuiamo ad essere "mentos", sostenendoci a vicenda mentre passiamo alle nostre vite attuali. Come per tutte le cose di Thinking Beyond Borders, questa esperienza non termina con la laurea.

Solutions Collecting From Web of "L'importanza critica dei mentori nella transizione al college"