L'impatto della morte sulla nostra vita quotidiana

La maggior parte delle persone, compresi gli specialisti della salute mentale, non sono riusciti a riconoscere il pieno significato dell'impatto della morte sulla vita. La paura della morte sorge quando ogni bambino diventa consapevole dell'inevitabilità della morte. È troppo doloroso affrontare la nostra mortalità personale direttamente senza proteggere noi stessi, quindi una qualche forma di formazione difensiva contro la dolorosa realizzazione della morte e della morte diventa essenziale. La consapevolezza della morte influisce sulle nostre vite in modi in cui potremmo non essere coscientemente consapevoli; infatti, molte persone tenderebbero a negare la propria paura e dire qualcosa del tipo: "Non penso molto alla morte". Tuttavia, la paura della morte influenza aspetti fondamentali delle loro vite e motiva molte delle loro azioni.

All'inizio dell'infanzia, ancor prima di essere consci della morte, sviluppiamo strategie difensive per far fronte alla frustrazione emotiva e all'angoscia primitiva di separazione. Di fronte alla consapevolezza della morte, queste stesse difese si intensificano. Mentre continuiamo a usare queste difese nel tentativo di evitare il dolore emotivo e bloccare le esperienze negative, inavvertitamente escludiamo anche i sentimenti di esuberanza, felicità e soddisfazione. Sebbene le difese aiutino a prevenire gli stati di ansia, sono costose in quanto tendono a distorcere la nostra esperienza, a danneggiare il nostro aggiustamento e ad attenuare il nostro investimento emotivo nella vita.

Le reazioni difensive al trauma personale, i problemi di separazione e, in particolare, l'ansia di morte hanno un impatto sulle nostre vite a tre livelli distinti:

(1) a livello individuale, le nostre reazioni predispongono al ritiro in uno stile di vita più interiore, auto-nutrimento e autoprotettivo;

(2) a livello interpersonale, le nostre risposte possono innescare una ritirata dall'amore o dalle relazioni d'amore e / o una reazione generalizzata o l'evitamento dell'intimità e della sessualità; e

(3) a livello sociale, le nostre reazioni di paura rafforzano la necessità di abbandonare la nostra individualità, conformarci alle convenzioni, alle credenze o ai costumi di un particolare gruppo, istituzione o nazione e subordinarci a leader carismatici oa figure di autorità. Inoltre, l'identificazione all'interno del gruppo ci polarizza contro persone che guardano, credono o agiscono in modo diverso, potenzialmente contribuendo a conflitti etnici, persecuzioni religiose, guerre religiose o guerre in generale.

Ricerca empirica nella teoria della gestione del terrore [TMT]

I ricercatori del Terror Management hanno studiato empiricamente l'effetto della consapevolezza della morte (salienza) sugli atteggiamenti e comportamenti umani. Hanno verificato in modo specifico molti aspetti delle formulazioni teoriche di Ernest Becker descritte in The Denial of Death (1973). Le loro scoperte indicano che dopo che un gruppo sperimentale è stato presentato con la parola "morte" in modo subliminale, ha appoggiato più fortemente la visione del mondo del proprio gruppo etnico o nazione; allo stesso tempo, denigrarono membri di altri gruppi le cui visioni del mondo erano diverse dalla loro. Altri studi hanno dimostrato che i giudici esposti alla salienza della morte tendevano ad essere più moralisti nei confronti di persone il cui comportamento era in conflitto con i codici sociali o morali della società. Il gruppo di giudici che è stato esposto a morte ha imposto delle sentenze significativamente più severe rispetto al gruppo di controllo. Le reazioni alla parola "morte" introdotte hanno influenzato anche le scelte politiche. Per esempio, due studi post 11 settembre hanno scoperto che i soggetti del gruppo di alta consapevolezza della morte favorivano un candidato che percepivano come un salvatore o demagogo e che insistevano su un'agenda aggressiva nei confronti dei loro nemici su uno che sollecitava un percorso più diplomatico.

Se la singola parola "morte" introdotta subliminalmente in un esperimento può produrre cambiamenti misurabili negli atteggiamenti e nelle azioni dei soggetti, si può solo immaginare il potente effetto di innumerevoli eventi nel mondo reale che ricordano alla gente la loro mortalità. Testimoni di un orribile incidente in autostrada, guardando le morti della guerra nei telegiornali della sera, sentendo parlare della morte di un amico o di una persona famosa sono promemoria che influenzano seriamente la natura dell'essere umano sensibile. Anche se siamo diventati abituati e desensibilizzati alle immagini visive della tragedia a cui siamo esposti quotidianamente, queste immagini hanno ancora un'influenza profonda sulle nostre menti inconsce e alterano significativamente le nostre motivazioni e comportamenti.

La paura conscia o inconscia della morte può alterare molti aspetti del comportamento. Nel seguito offrirò un esempio clinico del suo potente effetto su una relazione d'amore.

Sara, una giovane donna di 21 anni, ha incontrato il suo fidanzato, Michael, in una lunga vacanza. Furono immediatamente attratti l'un l'altro e alla fine si innamorarono. Ogni anno il loro amore si è rafforzato e hanno condiviso più vita insieme. Erano particolarmente compatibili.

Quattro anni dopo la loro relazione, Sara chiese a Michael se fosse interessato ad avere un figlio. Gli piaceva l'idea e dopo aver considerato la questione iniziarono ad andare avanti con il loro piano. Poco dopo, Sara improvvisamente prese una smorfia e rifiutò completamente l'idea. Infatti, lentamente iniziò a ribellarsi alla relazione stessa. Rendendosi conto che il suo cambio d'animo era per lo meno strano, cercò aiuto.

Mentre studiava i suoi sentimenti, Sara rivelò che aveva temuto che la sua vita stesse diventando predeterminata. Sentiva una specie di finalità. Lei avrebbe perso la sua libertà e sarebbe stata legata. Era così giovane e avrebbe avuto poca o nessuna opportunità di incontrare altri uomini. Sapeva che queste ragioni non avevano molto senso perché lei stessa aveva scelto Michael e si era innamorata di lui ed era stata una sua idea avere il bambino. Nonostante queste considerazioni, lei si stava allontanando progressivamente da lui e gradualmente divenne coinvolta con un gruppo selvaggio di persone al lavoro. Era attratta da altre relazioni con un sacco di bevute e feste. Nonostante avesse intuito che stava andando nella direzione sbagliata e manteneva una buona dose di ambivalenza nei confronti di Michael, Sara era spinta a intraprendere la nuova direzione. Alla fine lei era in fuga libera dalla sua relazione d'amore romantica. Peggio ancora, se questa reazione di paura non venisse affrontata, potrebbe avere un impatto grave sulla sua vita in altre aree.

Sara divenne ovvio per Sara che la sua regressione era ispirata dalla paura del tempo che passava. Il pensiero di entrare nella vita da adulto e madre piena la terrorizzava. Sentiva il punto finale di questi impegni emotivi e la rendeva dolorosamente consapevole che alla fine sarebbe morta. Una volta che questa paura sorse, fece un disperato tentativo di fuggire. Michael, che una volta era un oggetto d'amore, divenne invece parte del terrore. Doveva allontanarsi da lui.

Al momento, ha continuato a correre e si è sempre più impegnata in attività di evasione; eppure, allo stesso tempo, sta gradualmente arrivando per capire meglio le sue motivazioni. Mentre sviluppa ulteriormente la sua regressione e affronta le paure della morte più direttamente, c'è una buona possibilità che possa invertire questo processo.

Il tipo di reazione di Sara non è così raro nella mia esperienza; è un esempio tra i tanti in cui la paura della morte inconscia ha avuto un impatto distruttivo sulla vita di una persona che aveva poca o nessuna consapevolezza cosciente che era un fattore. Quando le persone affrontano problemi di separazione in fasi critiche della loro vita, tendono spesso a regredire e ad allontanarsi dalla vita. Lasciare a casa per andare a scuola, uscire, vivere insieme o sposarsi, rimanere incinta, diventare genitori e infine nonni, può causare ansia da separazione e ansia da morte. La regressione causata da queste paure può essere affrontata efficacemente in una terapia caratterizzata da intuizione e compassione. Dobbiamo imparare il più possibile gli effetti dell'ansia di morte inconscia e consapevole sul comportamento umano per far fronte alle sue conseguenze e capire meglio noi stessi.

Maggiori informazioni dal Dr. Robert Firestone su PsychAlive.org.

Scopri il prossimo libro del Dr. Robert Firestone Superare la voce distruttiva interiore: le vere storie di terapia e trasformazione .

Solutions Collecting From Web of "L'impatto della morte sulla nostra vita quotidiana"