L'ignoranza non è beatitudine e non farà andare via le commozioni cerebrali

Milioni di persone entusiasmano lo spettacolo atletico degli sport di contatto professionali. Come quei milioni, mi piace guardare i giochi frenetici della National Hockey League, la National Football League e la Canadian Football League. Avere atleti estremamente allenati che corrono – o pattinare ancora più velocemente – per fare spettacoli rivela il grazioso atletismo che gli umani sono in grado di raggiungere.

Combinando questo aggraziato atletismo con una superficie di gioco limitata e la capacità di colpire e controllare produce anche collisioni estreme. Quelle collisioni sono sentite dal cervello e dal corpo di quegli atleti in movimento. Come qualsiasi esposizione a traumi ripetuti, tali collisioni possono accumularsi e ripercuotersi a lungo termine. Ad esempio, gli eventi concussivi iniziali che sono il prodotto di un'interruzione della funzione nel cervello possono portare a problemi cronici come parte della sindrome post-concussione. Ciò può comportare un'interruzione della forma e della funzione definita encefalopatia traumatica cronica o CTE.

Tuttavia, il CTE, in comune con altri disturbi come il morbo di Alzheimer, richiede un esame del tessuto cerebrale. Questo di solito avviene post mortem (sebbene i progressi nella tecnologia di imaging possano aiutare) e solleva domande sulla diagnosi nei cervelli intatti trovati in quegli atleti che potrebbero soffrire di sintomi post-concussione di CTE. Indipendentemente da ciò, molti deficit nella sindrome post-concussione possono persistere anche in assenza di cambiamenti morfologici nel cervello. Il CTE è un esempio di esposizione a lungo termine a incidenti concussivi, non l'unico endpoint. E questo provoca confusione e la possibile apertura di una scappatoia legale per le leghe sportive.

Quelle leghe che fanno affidamento sulla collisione come parte del fascino del loro prodotto – NHL, NFL, CFL, Rugby, ecc. – hanno un interesse economico acquisito nel negare la prevalenza di commozione cerebrale e collegamenti alla sindrome post-concussione, inclusa la CTE. Nel 2015 la NFL notoriamente (tristemente?) Ha liquidato un'azione legale di un miliardo di dollari da parte di ex giocatori (ma il contenzioso continua). Anche per una lega che genera tanto reddito quanto la NFL, è un sacco di soldi. Campionati minori come NHL e CFL verrebbero probabilmente decimati da cause simili.

Inserisci il pio desiderio di leghe sportive che ha portato ad alcuni straordinari toni sordi e ignoranti (e intendo letteralmente) commenti recenti. Alla vigilia della partita "Grey Cup" del campionato CFL del novembre 2016, il commissario Jeffrey Orridge ha negato un legame tra l'esposizione fisica nel calcio e gli effetti post-concussione a lungo termine. Probabilmente non è una coincidenza che il CFL abbia a che fare con un'azione legale di class action da $ 200 milioni. Recentemente il commissario della NHL, Gary Bettman, ha affermato che un legame tra l'esperienza dei giocatori di hockey di contatto e le lesioni cerebrali è inconcludente.

Ho scritto di commozione cerebrale dal mio libro del 2008 "Becoming Batman" e ho continuato con Inventing Iron Man, Project Superhero, e il prossimo Creating Captain America. Ho scritto post qui a Psychology Today, a Scientific American, allo Science and Entertainment Exchange ea ComiConverse. Credo che sia fondamentale che le persone capiscano la commozione cerebrale, che cosa significa, la fisiologia di base e la nostra risposta sociale ad essa. A volte, mi chiedo se devo continuare a spingere questo programma come questo.

A volte mi chiedo, in realtà sto "predicando al convertito"? Forse tutti hanno già ricevuto il messaggio. Poi sento i commenti dei commissari dei principali campionati sportivi come CFL e NHL e mi rendo conto che, in realtà, non c'è più un lavoro in sospeso e sono necessari sforzi costanti.

Ora disponiamo di un vasto corpo di scienza biomedica che supporta il legame tra esposizione ad impatto, concussione e possibile sindrome post-concussione. Quasi 90 anni fa, nel 1928, il medico americano Harisson S. Martland coniò il termine "punch drunk syndrome" per descrivere la presentazione di un pugile che aveva una vita di colpi alla testa. Quel pugile aveva una ridotta coordinazione motoria, problemi di linguaggio e problemi di equilibrio, cose che noi associamo alla commozione cerebrale e alla sindrome post-concussione.

Andando avanti è il momento di chiedere che i campionati sportivi smettano di ignorare il problema e affrontarlo in modo più efficace. Smettere di guardare gli atleti come materie prime quasi usa e getta. Invece di aderire a un approccio obsoleto che ricorda i dinieghi dei collegamenti fumo e cancro, e cercare di trovare migliori strumenti di valutazione, un migliore monitoraggio degli effetti e un migliore follow up per gli atleti esposti a incidenti concussivi. Un recente studio del British Journal of Sports Medicine di Markku Tuominen e colleghi in Finlandia, negli Stati Uniti e in Canada ha dimostrato che nell'hockey internazionale, i cambiamenti nell'attrezzatura, la superficie di gioco e una migliore applicazione delle regole possono ridurre l'incidenza di trauma.

È ora di capire che il mondo del trauma cranico non è piatto. Ignorare le prove e negare i problemi della commozione cerebrale e della sindrome post-concussione non li farà andare via. Dobbiamo andare verso la soluzione dei problemi invece di valutare la colpa; investire in soluzioni di prevenzione e gestione piuttosto che plausibili negazioni.

È il 2017 e il mondo? Non è piatto. Oh e fumando? Provoca il cancro Che dire delle pesanti collisioni nello sport? Quelle collisioni possono causare commozioni cerebrali e ignorare le prove non farà sparire il problema.

(c) E. Paul Zehr (2017)

Solutions Collecting From Web of "L'ignoranza non è beatitudine e non farà andare via le commozioni cerebrali"