Life Coaching e questioni relative ai bambini

eric maisel
Fonte: eric maisel

Benvenuti in Childhood Made Crazy, una serie di interviste che analizza in modo critico l'attuale modello dei "disturbi mentali dell'infanzia". Questa serie comprende interviste con professionisti, genitori e altri sostenitori dei bambini, nonché pezzi che indagano questioni fondamentali nel campo della salute mentale. Visita la pagina seguente per saperne di più sulla serie, per vedere quali interviste stanno arrivando e per conoscere gli argomenti in discussione:

Interview Series

Rosie Kuhn, PhD, ha iniziato la sua carriera oltre 30 anni fa come terapista clinica per programmi di recupero da dipendenza in Nuova Scozia, in Canada. Nel 1999 ha fondato The Paradigm Shifts Coaching Group e nel 2001 ha creato il Transformational Coaching Training Program nella Silicon Valley, dove ha agevolato il programma per oltre un decennio. Attualmente è un allenatore, autore e formatore.

www.theparadigmshifts.com/

EM: Il tuo lavoro come Life Coach transpersonale e trasformazionale abbraccia una prospettiva di benessere molto più ampia di quella di psicologi, psicoterapeuti e psichiatri. Che cosa ti ha aiutato a scegliere un orientamento così diverso alla salute mentale e al benessere?

RK: Inizialmente, attraverso il mio master in Matrimonio, Famiglia e Terapeuta, ho coltivato la prospettiva fondamentale che siamo membri di molti sistemi. I sintomi di una persona, in particolare i sintomi di un bambino, sono indicazioni di una rottura all'interno del sistema familiare o di uno qualsiasi dei sistemi primari all'interno dei quali un bambino interagisce. Ciò comporterà una rottura all'interno del singolo membro del sistema.

Attraverso un secondo master, nel servizio sociale, sono stato esposto a pazienti all'interno del sistema ospedaliero di salute mentale. Tutti erano stati diagnosticati e venivano trattati con farmaci. E dalla mia umile esperienza, ciò che ha contribuito al loro ricovero è stato raramente riconosciuto, né sono state date molte opportunità di rivelare ciò che ha innescato i loro problemi di salute mentale. Stavano imparando a gestire e ad affrontare la vita e la loro diagnosi. La loro identità si affezionava alla loro diagnosi, che limitava la loro capacità di vedere se stessi al di là dell'handicap e delle disabilità definite dalla loro diagnosi.

Ho trascorso otto anni nel campo delle dipendenze e del recupero. Lavorare con le famiglie che si occupano di dipendenza e problemi di recupero mi ha rivelato l'enorme assenza di supporto per la crisi spirituale all'interno del modello terapeutico. E, con l'influenza incredibilmente positiva che il programma in 12 fasi ha sulle persone che lavorano con questi programmi, aveva senso per me iniziare a trovare un programma che mi permettesse di capire più pienamente l'influenza che la spiritualità ha sulla nostra esperienza umana .

Attraverso la mia laurea finale, un dottorato di ricerca in Psicologia Transpersonale, mi sono specializzato nel campo della guida spirituale. Dopo tre master, un dottorato di ricerca e 30 anni di esperienza nel supportare e responsabilizzare tutte le persone, compresi i bambini, vedo ogni singolo bambino e adulto come intero e completo, e abbastanza brillante nel modo in cui vengono a creare la miriade delle strategie che usano per sopravvivere alle loro circostanze. Il mio lavoro consente al mio cliente di vedere quanto sono autorizzati a creare queste strategie e a sopravvivere. Se riescono a potenziare se stessi nel modo in cui sono sopravvissuti fino a quel momento, hanno certamente la capacità di scegliere strategie più che si autoavviano.

EM: Qual è il singolo trigger più comune per i bambini che cercano valutazioni della salute professionale?

RK: L'infanzia è piena di novità, presentando ognuno di noi con così tanti momenti di test noi stessi in un mondo sconosciuto. Ogni bambino sperimenta ansie mentre entrano continuamente in reami di esperienze umane che non sono familiari e forse difficili da comprendere. Ogni bambino valuta la propria situazione dal proprio orientamento giovanile unico. A seconda del temperamento di ogni bambino, tutti affrontano l'ansia in un modo o nell'altro. E, a seconda del grado in cui un bambino si sente sicuro e protetto nel proprio ambiente, gestiscono lo stress quotidiano e l'ansia con facilità o con la paura.

Vedo che il trigger più comune per i bambini che potenzialmente richiedono il supporto di un operatore sanitario è una crisi di fiducia. Molto spesso succede qualcosa; potrebbe essere qualcosa di significativo o qualcosa che, per molti, potrebbe sembrare molto banale. Ma, in quel momento, per quel singolo bambino, la loro realtà è in frantumi. Nella loro esperienza, ciò che credevano fosse vero, e la persona che credevano di poter fidare, fu tolto e il loro modo di essere richiesto un cambiamento. Cominciano a trovare modelli di pensiero, sentimento e recitazione che permettano loro di compensare qualsiasi irrequietezza, irritabilità e ansia che si sono manifestate. Creano strategie di sopravvivenza nella loro mente logica e razionale, che credono li manterrà invulnerabili dal provare mai più quel tipo di frantumazione.

Più un bambino è angosciato, più intense sono le strategie di sopravvivenza. Quando i genitori e gli altri tutori ignorano, negano o si distraggono dai sintomi del bambino, forse sperando che i sintomi spariscano, è probabile che il bambino intensificherà i sintomi fino a quando non saranno riconosciuti. Una buona genitorialità richiede una concentrazione intenzionale su ciò che funziona, e cosa no.

Nel mio lavoro come life coach, non è raro che i miei clienti adulti condividano quel momento specifico in cui la loro innocenza infantile è stata distrutta. Ricordano in particolare come hanno cominciato a pensare e ad agire in modo diverso per aiutarli a non sentire il trauma della distruzione o nasconderlo agli altri. Ancora una volta, il grado in cui un bambino si sente sicuro di essere visto e ascoltato all'interno del loro sistema familiare è il grado in cui possono condividere e forse essere supportati attraverso queste crisi infantili.

EM: Che trattamento suggerisci?

RK: Il mio suggerimento è che tutta la famiglia entri in terapia familiare. Il mondo di un bambino, i sistemi in cui opera, contribuisce al suo modo di essere. Il sistema familiare è la fonte numero uno di supporto e conforto, tranne quando non lo è. Se la famiglia non partecipa al trattamento, un'enorme componente della realtà del bambino viene esclusa dal processo di guarigione.

EM: Hai scritto un libro per genitori chiamato Cultivating Spirituality in Children: 101 modi per far volare lo spirito di ogni bambino. Perché hai scritto questo libro?

RK: Ho scritto Coltivare la spiritualità nei bambini perché credo che sebbene molti genitori, nonni e tutori abbiano grandi speranze per i nostri figli, non prendiamo sul serio il nostro ruolo nella creazione di un ambiente che autorizzi veramente i nostri figli a realizzare il loro pieno potenziale umano esseri.

Non prendiamo sul serio il nostro ruolo nel loro sviluppo, a tutti i livelli. Siamo principalmente preoccupati di assicurarci che i loro bisogni di sopravvivenza siano curati e che abbiano l'istruzione richiesta. Assistendo ai bisogni di sopravvivenza, insegniamo ai nostri figli a prestare attenzione ai loro bisogni di sopravvivenza e non ai bisogni del loro spirito, ciò che li ispira a prosperare oltre la prospettiva limitante della realtà del consenso. Non stiamo assistendo ai loro bisogni umani oltre la loro sopravvivenza. Non stiamo assistendo ai loro bisogni come esseri spirituali.

Nei sistemi familiari disfunzionali (sistemi aziendali, religiosi e scolastici disfunzionali), gli individui non sono autorizzati a sapere cosa pensano, sentono, hanno bisogno o vogliono. Date tali circostanze in cui la creatività, l'immaginazione e l'abilità di esprimere se stessi completamente è diminuita, le emozioni e le energie psichiche si accumulano e devono essere espresse in un modo o nell'altro. La depressione è causata dal processo di auto-deprecazione. Privati ​​della libertà di scoprire la propria espressione, i bambini imparano a privarsi della propria conoscenza delle proprie verità e della naturale esuberanza. Di nuovo, cominciano a sopprimere la loro naturale esuberanza e sviluppano strategie che minimizzeranno le ansie che si presentano. L'ansia sorge quando ci sentiamo insicuri.

EM: Secondo te, in che modo la spiritualità contribuisce alla salute mentale e alle malattie mentali?

RK: Vedo la spiritualità come una componente essenziale della salute mentale. Siamo nati cercando l'amore e l'espressione di tutto noi stessi. Siamo addestrati a desiderare sbocchi creativi e modi per esprimere noi stessi – attraverso il linguaggio, l'affetto, la connessione, l'attività e il nostro bisogno di conoscere veramente chi siamo – come il nostro sé essenziale, intuitivamente.

Sentiamo i desideri del nostro cuore e siamo ispirati a soddisfare quei desideri. Siamo incoraggiati a usare la nostra immaginazione per creare – ciò che vogliamo essere quando cresciamo. Sentiamo ciò che è vero nei nostri cuori. Siamo forse portati in chiese, sinagoghe o moschee, così possiamo imparare a credere in coloro che sono invisibili, coltivando la fede e la capacità di cedere la nostra volontà a un potere più elevato. Creazione, amore, connessione, ispirazione, fede e intuizione sono tutti aspetti del nostro io spirituale.

Allo stesso tempo, la maggior parte dei nostri sistemi familiari, educativi e religiosi forniscono messaggi contrastanti. Ai bambini che cantano, ridono o giocano spontaneamente, viene detto di smettere di fare tanto rumore. Viene detto loro che sono sbagliati o cattivi per essere se stessi. Viene detto loro che non possono avere i loro sogni o i loro desideri. Ora, come genitore o insegnante, queste possono essere tattiche necessarie per controllare il comportamento di un bambino, ma per il bambino, può essere molto confuso. Questo può innescare una crisi di fiducia. E, ancora, cominciano a compensare sviluppando modi di essere che sono più accettabili per le autorità, ma possono devastare il loro sé spirituale.

Ogni adulto sa che questo sé spirituale esiste. Ed è così comprensibile che con lo stress di oggi, è così impegnativo assistere allo sviluppo spirituale dei nostri figli, per non parlare dei nostri. Ecco perché ho scritto: Coltivare la spiritualità nei bambini.

EM: Qual è il ruolo di un genitore come difensore del proprio bambino?

RK: Il ruolo di un genitore è quello di essere un difensore del proprio figlio. Troppo spesso i genitori consegnano il potere a coloro che si considerano autorità. Il bambino si sente spesso impotente, così come i genitori. È logico che i genitori guardino agli esperti nel campo della salute mentale come supporto, tuttavia, affidare il loro potere a chiunque significa che spesso rinunciano alla responsabilità per le circostanze attuali. Ciò significa che lasciano che altre persone prendano decisioni che potrebbero non essere nel miglior interesse del bambino, anche se sono esperti. Dal punto di vista del bambino, se un genitore rinuncia al controllo o alla responsabilità, il bambino può sentirsi abbandonato o tradito, il che aggrava solo la situazione sia per i genitori che per i figli.

Il genitore come avvocato richiede che partecipino a tutti gli aspetti del processo decisionale. Richiede che si istruiscano su sintomi, farmaci e modalità di trattamento, sia standard che alternative. I genitori hanno bisogno di parlare con i loro figli, discutere di cosa è giusto per loro – quali sono le loro idee e pensieri. Troppo spesso quelli che abbiamo messo in posizioni potenti non agiscono sempre nel miglior interesse dei loro clienti o pazienti. Utilizzano procedure standard e perdono importanti aspetti personali della realtà di una persona, in particolare in relazione al nostro spirito umano.

EM: Cosa suggerisci ai genitori di evitare problemi di salute mentale?

RK: Fai attenzione ai tuoi figli, dai loro un tempo di qualità ogni giorno – anche solo 15 minuti al giorno daranno ai tuoi figli un buon senso di valore e dignità. Dagli la tua presenza – metti via iPhone, iPad, computer e allontanati dal televisore. Un genitore non può essere presente ai propri figli mentre si trova su un dispositivo elettronico.

Ascolta tuo figlio come se quello che hanno da dire sia importante. Piuttosto che dire loro cosa pensare o cosa provare, poni loro delle domande su ciò che sta accadendo per loro. Prima inizierai a coltivare un rapporto aperto e fiducioso con loro, prima avranno fiducia che potranno venire da te quando la vita diventa troppo, troppo confusa, o quando succede qualcosa che semplicemente non sanno come affrontare con. Se imparano a fidarsi di te in giovane età, entrambi possono continuare a coltivare e coltivare quella relazione di fiducia nell'adolescenza, nella prima età adulta e oltre.

Scopri chi è tuo figlio, come pensa e sente dentro di sé. Poni domande che permettano loro di usare la loro intelligenza innata – estendendo la loro intuizione e immaginazione e di sentire in ciò che è vero per loro – non solo costrutti mentali che sono alimentati a loro. Questo modo di stare con tuo figlio permette loro di sviluppare interpretazioni salutari su se stessi – che contano nel tuo mondo e nel loro, a prescindere da cosa.

In conclusione, quando un bambino ha problemi mentali, i genitori e i tutori devono ottenere terapia, istruzione e supporto per se stessi. In sostanza, il bambino potrebbe aver bisogno di riabilitazione, ma i genitori hanno bisogno di cure, sostegno e formazione per difendere e potenziare la vita dei loro figli, in modo che il loro spirito sia in grado di librarsi.

**

Per ulteriori informazioni su questa serie di interviste, visitare http://ericmaisel.com/interview-series/

Per ulteriori informazioni sui workshop, i corsi di formazione e i servizi del Dr. Maisel, visitare http://ericmaisel.com/

Per ulteriori informazioni sulle guide, i single e le lezioni del Dr. Maisel, visitare http://www.ericmaiselsolutions.com/

Solutions Collecting From Web of "Life Coaching e questioni relative ai bambini"