Libido Lane

Per qualsiasi ragione, gli attori sono stati notoriamente attratti dalla terapia da quando c'era una cosa del genere, ma probabilmente non più di mezzo secolo fa negli Stati Uniti. Le celebrità di ritorno a est potrebbero aver gravitato sulla psicoanalisi come un modo per trattare con i loro demoni, ma la gente di Hollywood lo considerava una necessità virtuale. La psicoanalisi e Tinseltown erano una coppia perfetta, il metodo che aiuta gli attori ad affrontare le intense pressioni derivanti dall'essere un artista e una figura pubblica.

Nel 1960, ad esempio, Elaine Stritch lasciò Manhattan per Hollywood per realizzare un pilota televisivo per My Sister Eileen, una mossa importante ma qualcosa per cui si sentiva preparata. "Non sono pazzo, ma sono contento di aver passato [sic] quattro anni di analisi", ha spiegato, credendo che il tempo sul divano "ti aiuta a prepararti per la TV a Hollywood." Earl Holliman, una televisione di Hollywood e il cavallo di battaglia del cinema, stava colpendo il divano cinque giorni alla settimana nonostante fosse uno scapolo alto, bello, ricco e in buona salute nei suoi primi anni '30. "Sono infelice e onestamente sto cercando di trovare la pace", ha detto Holliman nel 1962, tutto ciò che apparentemente non aveva fornito. Come la psicoanalisi in generale, la dipendenza di Hollywood dal metodo sembrava essere un fenomeno chiaramente americano. "Non abbiamo la corsa all'impulso per dirigere i restringitori", ha detto Peter Sellers a Hedda Hopper durante la sua prima visita a Hollywood lo stesso anno, credendo che "il divano dell'analista non è la risposta per noi". è stata l'esperienza della Gran Bretagna in due guerre mondiali che ha reso la psicoanalisi inutile per i suoi attori (e per i cittadini in generale), e il pestaggio del paese ha messo in prospettiva le preoccupazioni di carriera e le questioni personali.

Natalie Wood stava attraversando un bel cambiamento di personalità a metà degli anni Sessanta, con la psicoanalisi la ragione di quello che un insider del settore chiamava "l'intero pezzo di Pigmalione". "Hai sentito parlare di Natalie Wood?", Sussurrò a Peter la fonte affidabile ma senza nome. Bart del New York Times ad un cocktail party di Hollywood, con le voci che giravano per la città che la star del cinema stava ora collezionando arte e frequentando corsi di letteratura inglese presso l'UCLA. Dopo un'indagine, Bart ha trovato le voci vere, con Wood il nuovo fiero proprietario di un Bonnard e un Courbet e una lista di opere di Burns, Blake, Shaw e Eliot. Il suo recente tuffo nel mondo letterario e l'improvviso interesse per l'arte derivano dal suo tempo sul divano, durante il quale si rende conto di "mancare la capacità di divertirmi, di essere solo." Da bambino attore, Wood era costantemente circondato dalle persone, questo la priva della possibilità di sviluppare la sua vera identità. (Wood ha iniziato a fare film all'età di cinque anni e, quando aveva ventisette anni nel 1966, era apparso in quaranta film.) Ora tirando fuori $ 1 milione l'anno, Wood stava recuperando il tempo perduto, facendo un abbuffata culturale che come diceva lei, "ha fatto emergere i miei interessi latenti". Ora che Wood si era trovata apparentemente, avrebbe continuato con la psicoanalisi, doveva chiedere Bart? "Oh, non lo so", ha risposto, aggiungendo le parole molto vere, "è molto difficile iniziare ed è molto difficile da fermare".

Dato che Hollywood era ciò che Joe Hyams chiamava "la comunità più orientata alla psichiatria della nazione", non era sorprendente che la gente del settore volesse fare film di cui sapessero qualcosa. Mentre John Huston faceva Freud a Vienna nel 1961, la Warner Brothers stava girando The Chapman Report, un film chiaramente ispirato alla ricerca di Alfred Kinsey, con un altro film di psichiatri come l'eroe, The Couch, anch'esso in lavorazione. Si potrebbe dire che l'arte stava semplicemente imitando la vita. Un tratto di tre isolati di Beverly Hills era così popolato di psichiatri che era conosciuto come "Libido Lane", la costa occidentale equivalente alle contrazioni di Central Park West e Greenwich Village. C'era uno psichiatra per ogni centosessantanove abitanti di Beverly Hills – più di ottanta volte la media nazionale -, molti dei quali specializzati in quelli che venivano definiti nel commercio come "problemi delle star del cinema". Anche se solo alcuni di quelli centottantadue psichiatri a Beverly Hills (con oltre un terzo di loro su Libido Lane) erano psicoanalisti a pieno titolo, la presenza di Freud non poteva mancare, le sue idee erano così popolari in Tinseltown come Brown Derby.

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

In effetti, la psichiatria era così popolare a Beverly Hills nei primi anni '60 che gli analisti non stavano assumendo nuovi pazienti se non in casi di emergenze reali (come un attore che non ottiene un ruolo a cui ambisce). In effetti, molte delle celebrità che facevano un viaggio a Libido Lane (una lista molto lunga comprendente personaggi come Jerry Lewis, Ava Gardner e Jonathan Winters) avevano problemi di personalità e identità, la loro personalità pubblica non era in linea con quella personale. "Sono quasi sempre persone che non si sono mai trovate nell'adolescenza", ha affermato Herbert J. Kupper, un importante analista di Roxbury Drive nel cuore di Libido Lane, parlando della sua clientela ricca e famosa. Kupper pensava che molti attori entrassero nella professione per trovare se stessi attraverso ruoli diversi ma colpire il muro quando una parte dopo l'altra non portava a un'illuminazione. "I grandi attori sono quelli che imparano a sopportare la consapevolezza che tra i ruoli sono persone molto ordinarie, spesso noiose", pensò Kupper, il che significava che gli attori di meno di grandi attori avevano una brutta sorpresa quando scoprirono che non erano la figura sfacciata che erano sul grande schermo. La fama e la ricchezza improvvise erano una ricetta perfetta per battere uno per un ciclo, con nulla in realtà per prepararsi a diventare un successo durante la notte.

Mentre tutti soffrivano di "problemi con le star del cinema", le ragioni particolari per cui gli attori affluivano agli psicoanalisti ovviamente variavano. Su suggerimento del regista Blake Edwards, Tony Curtis è andato a trovare Marcel Frym della Hacker Psychiatric Clinic, un corso di trattamento durato tre anni. Curtis era depresso, non dormiva di notte e combatteva con la moglie Janet Leigh, la diagnosi classica "sindrome del successo improvviso". (Il genio del Bronx Bernard Schwartz aveva recitato recentemente in Sweet Smell of Success, Some Like It Hot e The Defiant Quelli, quest'ultimo gli è valso una nomination all'Oscar.) Leigh, un'attrice di successo a sé stante (aveva appena terminato Psycho), sembrava essere stata la protagonista dei problemi di Curtis, credendo che "il matrimonio è particolarmente difficile per le mogli di stelle. "Rhoda Borgnine, moglie di Ernest (che aveva vinto un Oscar nel 1955 per il suo ruolo in Marty), aveva una storia simile da raccontare (" vivere con una stella è come camminare sulle uova ", confessò), rendendola comprensibile come le sale d'attesa degli analisti fossero piene di damigelle in pericolo. "La star del cinema riceve un'eccessiva adulazione in studio tutto il giorno ed è soggetta ad adulazioni da parte di donne giovani e disponibili", ha spiegato un analista anonimo, mettendo le mogli in difficoltà. Le star maschili e, senza dubbio, alcune delle principali donne avrebbero anche avuto spesso delle avventure romantiche per dimostrare a se stesse che erano i sexpots che erano sullo schermo, anche questo non era un buon modo per tenere insieme un matrimonio.

Come Curtis, Ben Gazzara aveva un periodo di tre anni sul divano, il suo problema era l'incapacità di far fronte all'auto-assorbimento che la recitazione richiedeva. "Mi ha disgustato e lo fa ancora a volte", ha detto, "ma grazie all'analisi mi sono adattato ora e ho una prospettiva su me stesso e il mio mestiere." Nanette Fabray ha avuto un esaurimento completo negli anni '50 ma, attraverso la psicoanalisi, ha recuperato , qualcosa di cui è stata profondamente riconoscente. "Grazie alla psicoanalisi e ai miei sforzi, ho fatto tornare il viaggio in tempesta alla salute mentale", annunciò pubblicamente, sperando che gli altri avrebbero fatto lo stesso se in simili rettilinei. Gene Tierney ha anche ammesso di aver toccato il fondo negli anni Cinquanta, prima di entrare in un ospedale a Hartford, nel Connecticut, per poi andare due volte alla Clinica Menninger prima di tornare a recitare (e sposare un petroliere del Texas). Sid Caesar era ugualmente aperto sul suo tempo sul divano, vedendo saggiamente la psicoanalisi come qualcosa che non poteva far scomparire i propri problemi, ma che poteva consentire di manovrarli intorno a loro. Rod Steiger ha avuto un'esperienza simile, pensando che la psicoanalisi "mi permettesse di sostituire un insieme di problemi con un altro, ma il secondo set era più facile da affrontare", un sentimento condiviso da molte persone non famose dopo le loro intense sessioni di terapia del linguaggio .

Con tutte queste analisi in corso a Beverly Hills, un certo numero di aziende locali produttrici di divani stavano facendo abbastanza affari, così come i decoratori di interni che si specializzarono negli uffici di psichiatri. Le sale d'attesa erano quasi inevitabilmente dipinte di verde pastello, tappezzate da una parete all'altra e illuminate dolcemente per un effetto calmante. Stampe di quadri impressionisti e musica classica completarono la scena, la stanza come arte diretta come produzione hollywoodiana. Gli uffici di Shrink includevano spesso un divano di vinile marrone per il paziente e una sedia a dondolo sagomata danese per l'analista, ognuno dei quali decisamente più moderno dei mobili che si trovano tipicamente nel sancta sanctorum di uno psicoanalista di New York. E mentre la scena della psicoanalisi stava iniziando a perdere un po 'della sua lucentezza nella Grande Mela, il fatto di essere in terapia aveva ancora un ruolo considerevole tra la folla di Hollywood. "Alla prima visita di una stella devo scoprire perché mi sta visitando", ha osservato Kupper, incerto se fosse perché "la psichiatria è di moda o perché ha davvero bisogno di aiuto".

Ancora più alla moda di Libido Lane (dove le sessioni andavano da $ 25 a $ 35 l'ora) andava a una classe privata guidata da Laura Huxley. Huxley, moglie della devota di psicoanalisi Aldous, offriva terapia fisica e mentale per amici e amici di amici, l'autodefinita "analista laica" che aiuta gli attori a usare più efficacemente il proprio talento creativo. Altre persone del settore hanno preso più di un percorso accademico frequentando corsi di estensione in psicologia e psichiatria presso l'UCLA, questo anche visto come un modo per capire meglio non solo se stessi, ma la condizione umana. Indipendentemente dal contesto, la psicoanalisi è stata una grande impresa a Los Angeles nei primi anni sessanta, un'opportunità per riconciliare la realtà con l'illusione.

Solutions Collecting From Web of "Libido Lane"