Libertà dai disturbi del sonno Questo giorno dell'Indipendenza

Laura Arredondo Hernandez/Dreamstime Stock Photos
Fonte: Laura Arredondo Hernandez / Dreamstime Stock Photos

Ogni sera ognuno di noi, da solo e alla luce delle proprie circostanze, si arrende a dormire … o ci prova.

Il sonno rappresenta circa un terzo del nostro tempo. Tuttavia, secondo la National Sleep Foundation, il 48% degli americani riferisce insonnia occasionale, mentre il 22% sperimenta l'insonnia ogni o quasi ogni notte. Le donne hanno 1,3 volte più probabilità di riportare l'insonnia rispetto agli uomini.

Sono cresciuto in una famiglia di terribili dormienti. Ho ereditato il sonnambulismo (sonnambulismo) e il terrore notturno da mia madre e l'insonnia da mio padre. Ogni condizione ha esacerbato l'altra. Per anni ho nascosto o ridotto al minimo i miei disturbi del sonno. Ero isolato, solo ed esausto. Sentivo che il mio sonnambulismo in particolare era un fenomeno raro che doveva rimanere nascosto.

Ma era, davvero?

Il primo studio sul sonnambulismo negli Stati Uniti in oltre trent'anni è stato rilasciato pochi anni fa dalla Stanford University. Con oltre 15.000 partecipanti, ha rivelato che "con una percentuale del 29,2 percento, la prevalenza una tantum di Nocturnal Wandering è alta".

Le persone che avevano meno di sette ore di sonno a notte corrono un rischio più elevato di vagabondaggio notturno. Un terzo delle persone con una storia familiare di sonnambulismo l'ha sperimentato personalmente, sebbene la genetica non sia stata compresa. In effetti, la comunità medica è stata al buio per quanto riguarda molti aspetti del sonnambulismo e sta appena cominciando a raggiungere i suoi veri pericoli.

La maggior parte dei sonnambuli sono troppo imbarazzati per cercare aiuto finché non fanno del male a se stessi o a qualcun altro. Alcuni hanno scambiato i loro compagni di letto con assalitori e hanno subito danni fisici, addirittura li hanno uccisi. Altri sono caduti dalle finestre mentre fuggivano da un terrore immaginario e le loro morti sono state scambiate per il suicidio.

Durante il sonno e il terrore del sonno, la parte del cervello che genera comportamenti complessi è sveglia, mentre la parte del cervello che normalmente controlla ciò che facciamo e registra i ricordi di ciò che abbiamo fatto è addormentata. Il cervello è lasciato in uno stato di veglia / sonno misto, capace di comportamenti selvaggi senza consapevolezza cosciente e quindi senza colpevolezza.

Da bambino, aspetti della mia vita da sveglio hanno influenzato il modo in cui ho dormito. Sono stato vittima di bullismo: uno studio in Pediatria mostra tassi più alti di incubi e terrori notturni tra le vittime del bullismo. La violenza nella mia casa mi ha lasciato un disturbo da stress post-traumatico che mi ha messo a un rischio ancora maggiore per i terrori notturni. Ho scoperto il bere come un modo per svenire prima di andare a letto, ma i miei sforzi per auto-medicare con l'alcol sono falliti miseramente.

Lane Erickson/Dreamstime Stock Photos
Fonte: Lane Erickson / Dreamstime Foto stock

La mia famiglia ha una lunga storia di schizofrenia ed ero terrorizzata di essere stata istituzionalizzata nel bel mezzo di un episodio notturno. Le mie malattie hanno influenzato ogni aspetto della mia vita, specialmente le mie relazioni. Immagina di essere il mio compagno di letto al culmine della mia angoscia, svegliandomi da me urlando o scappando dal letto nel tentativo di sfuggire a chiunque mi abbia cacciato dal mio incubo.

Quando avevo 30 anni, un grave incidente sonnambulo mi convinse finalmente a visitare una clinica del sonno. Inizialmente, un piccolo dosaggio notturno di Klonopin e una regolare terapia gestaltica ha ridotto gli episodi. La medicina mi ha immobilizzato mentre dormivo, e la psicoterapia ha guarito il PTSD. Allo stesso tempo, ho incontrato un uomo gentile e mi sono innamorato. Credo davvero che affrontare l'intimità del sonno sia ciò che mi ha permesso di entrare in una relazione intima.

Elaboriamo le nostre emozioni durante il sonno ma, a causa della mancanza di un vero riposo, ero emotivamente stentato. Impegnarsi con un'altra persona era fuori discussione. Quando ho imparato ad amare me stesso, i disturbi del sonno e tutto il resto, mi sono rilassato nella vulnerabilità e nell'intimità. Diventai una persona diversa, immersa nella mia ricerca di salute, e finalmente potei offrire una vera collaborazione.

Ci siamo sposati e sono uscito dalla medicina senza effetti collaterali mentre concepivamo nostra figlia. Ho continuato a dormire sano attraverso una combinazione di meditazione, nutrizione, esercizio fisico, terapia e ipnosi.

Se ho imparato una cosa da tutto quel vagabondaggio notturno, è che il corpo non mente.

Prima della mia guarigione, ho recitato il mio trauma quasi ogni notte, il che mi ha portato ad evitare il mio letto per paura. Se i disturbi del sonno o l'insonnia ti impediscono di dormire bene, informati sulla buona igiene del sonno. Se i problemi persistono, ti esorto a chiedere aiuto a uno specialista del sonno.

Sono grato di aver affrontato le mie paure e sopravvissuto alla mia lunga e oscura notte dell'anima. Il mio percorso per dormire bene includeva la sorpresa del romanticismo e, da questa intimità, ho imparato il legame tra conforto, fiducia e sonno tranquillo.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su MindBodyGreen.

Somyot Sutprattanatawin/Dreamstime Stock Photos
Fonte: Somyot Sutprattanatawin / Dreamstime Stock Photos

Solutions Collecting From Web of "Libertà dai disturbi del sonno Questo giorno dell'Indipendenza"