Liberazione della vergogna e buddismo

Sto seguendo un corso di studi che include la formazione per assistere le persone che stanno morendo e le loro famiglie e amici in lutto. Parte dello studio include lo studio delle pratiche buddiste per i morenti e i morti. Sono stato felice di trovare materiale per affrontare sentimenti di vergogna nel libro Se il Buddha si è bloccato: un manuale per il cambiamento su un percorso spirituale di Charlotte Kasl. Qui di seguito aggiungo, sottraggo e riorganizzo molti dei passi che lei menziona per aiutare ad "alleviare" i sentimenti di vergogna.

Mentre l'esperienza della vergogna può essere un'esperienza atroce, di solito interferisce anche con l'armonia relazionale. Quando siamo auto-focalizzati sul dolore che la vergogna suscita, non siamo presenti agli altri, che possono sentirci abbandonati o soli in nostra presenza.

1. Riconosci. Nominalo. Osservalo
Quando inizi a sentirti impoverito, inferiore, non abbastanza buono, difettoso è vergogna. Impara a riconoscere la sua energia. Solo nominarlo lo rende meno intenso. (Proprio come dare un nome a qualcosa, dire che la bellezza del tramonto, compresso in "tramonto" lo rende meno intenso.)

Poi guarda indietro e guarda cosa è successo (hai perso un lavoro, non hai ricevuto una chiamata di ritorno, qualche forma di ciò che sembra un rifiuto, ecc.) O quello che hai detto a te stesso, (non ho mai capito bene, nessuno lo farà mai amami perché sono troppo vecchio, ecc.) proprio prima di provare la vergogna.

2. Realizza o ricorda a te stesso che TU non sei il sentimento di vergogna. Sei molto più grande di ogni sentimento. Tu contiene i sentimenti. Conti anche, gioia, pace, amore, ecc. Tutti i sentimenti sono temporanei; non sei bloccato in alcun sentimento; passano.

3. Prendi una posizione educativa verso te stesso. Puoi dire qualcosa a te stesso come, "Questa sensazione è dolorosa, tossica, invadente! Ho imparato a sentirmi così quando sono stato maltrattato, lasciato, ferito, vergognoso, preso in giro, trascurato, rimproverato o non autorizzato a esprimere i miei pensieri o sentimenti.

4. Pensa a ciò che non hai fatto per te stesso a causa della tua vergogna e impegnati a farlo comunque . Sto pensando a un cliente musicista che ha provato vergogna per qualcosa di doloroso che aveva fatto a suo marito mentre si esibiva. Ha poi smesso di esibirsi per sei mesi fino a quando non ha ripreso a crescere. Adesso sta tagliando i CD. E suo marito è felice con lei.

5. Lavora contro la tendenza a nasconderti e isolarti. La vergogna spesso ci porta a ritirarci dalla vicinanza molto umana che vogliamo e di cui abbiamo bisogno. Quindi, invece di permettere a te stesso di ritirarti dal contatto, raggiungere e chiamare qualcuno che sai che puoi contare per essere comprensivo.

Kasl consiglia di tenere una lista di persone che capiscono al telefono perché, in uno stato di vergogna, "probabilmente dimenticherai di avere degli amici".

5. Pratica nella tua immaginazione alcune risposte alternative a situazioni vergognose. Ecco alcuni esempi.
Per favore chiedimi quello che vuoi, piuttosto che dirmi cosa non ti ho dato.
Questa conversazione non mi fa sentire bene ora, quindi ho intenzione di riattaccare.
Sembra un'affermazione vergognosa, intendevi farlo?
Ti dispiacerebbe dirmi cosa intendevi per quello?

6. Evita di discutere con opinioni vergognose su di te. Se qualcuno dice: "Quel vestito ti fa sembrare grasso", se sei d'accordo, dì qualcosa del tipo "Avevo paura che potesse, ma mi sentivo come se avessi un blu". O, se non sei d'accordo, "Davvero? (ridendo della tua stessa battuta) Non hai idea di quanto fossi davvero grassa senza il vestito. "

Per ulteriori informazioni su Dr. Bolton, visitare www.DrJaneBolton.com

Solutions Collecting From Web of "Liberazione della vergogna e buddismo"