Lezioni di Leadership dal Padrino

Cosa può insegnarci un film sui boss della mafia e sui gangster sulla leadership? Se guardi da vicino i personaggi principali de Il Padrino – Don Vito Corleone e suo figlio, Michael Corleone, puoi imparare molto sui principi della leadership, sia nel bene che nel male.

Le lezioni positive

La leadership transazionale può funzionare. La leadership transazionale comporta uno scambio: soldi per il lavoro, un favore per un altro. Tutta la leadership transazionale di The Godfather è in piena mostra. La famosa frase "Gli farò un'offerta che non può rifiutare" suggerisce che tutti hanno un prezzo (o un punto di pressione). I capi saggi, tuttavia, assicurano che le transazioni siano giuste per tutte le parti per evitare il risentimento in seguito.

Le relazioni sono importanti. Il Padrino è pieno di illustrazioni del potere della leadership relazionale. In effetti, è il potere delle relazioni familiari che rende la mafia un'efficace organizzazione (realizzo che ho detto "efficace", non etico – più sull'etica in seguito). Infatti, il termine stesso "Padrino" suggerisce che un individuo può avere un legame familiare pur non essendo un parente di sangue. I buoni leader lavorano duramente per sviluppare forti relazioni con i seguaci.

I leader di successo sono strategici. Gran parte del film descrive le strategie che Don Corleone e i suoi consulenti utilizzano per gestire le loro operazioni, affrontare la concorrenza di altre famiglie mafiose e superare battute d'arresto. Pensare in anticipo, avere piani di emergenza, essere resilienti, sono tutti elementi importanti di una leadership efficace.

I migliori leader sviluppano la capacità di leadership negli altri. Gran parte della seconda parte del film del Padrino descrive lo sviluppo di Michael Corleone da un "estraneo" nel "business" familiare, al leader finale e successore di suo padre, Don Corleone. Il film illustra l'emergere di Michael come leader (ad esempio, la scena nell'ospedale in cui si occupa di proteggere suo padre dagli assassini), e lo sviluppo del Don di Michael attraverso il suo, e il suo fidato consulente, Tom Hagen, di mentoring di Michael.

Le lezioni negative

Questioni di carattere. Nonostante Don Vito Corleone sia "l'eroe" del film e un leader efficace di una famiglia mafiosa di successo, è un criminale, di scarso carattere morale. C'è una distinzione tra essere un leader "efficace" ed essere un leader "buono" ed etico, e la differenza è il carattere. I leader etici promuovono il bene comune. Le operazioni di mafia, come descritto in The Godfather, sfruttano le persone e lasciano sulla loro scia un percorso di vittime. Sebbene Vito Corleone possa avere delle qualità ammirevoli e un successo finanziario, alla fine è un criminale e, per definizione, un leader "cattivo".

La potenza può essere danneggiata. Forse il tema più chiaro del film Il Padrino , che è meglio raffigurato in Padrino II , è il processo attraverso il quale Vito Corleone, operoso e rispettoso della legge, ottiene potere e denaro e, attraverso l'intimidazione e poi l'omicidio, diventa una testa potente di una famiglia criminale. Nel corso del film, vediamo Vito razionalizzare il suo comportamento criminale ("è solo affari", "le autorità sono corrotte"). I buoni leader devono lavorare sodo per evitare le tentazioni del potere.

Riferimento

Warner, Nicholas, & Riggio, Ronald E. (2012). Leadership italo-americana nei film di Hollywood: immagini e realtà. Leadership, 8 (3), 211-227.

Seguimi su Twitter:

http://twitter.com/#!/ronriggio

Solutions Collecting From Web of "Lezioni di Leadership dal Padrino"