Lezioni dall'insegnamento sul nostro ultimo scandalo in psicologia

Post di blog ospite di Amanda Larsen, MA

[ Nota di Blogger: nel luglio 2015, David Hoffman e i suoi colleghi hanno pubblicato un rapporto sulle loro indagini sulle accuse secondo cui l'American Psychological Association ha colluso con il Dipartimento della Difesa in un modo che promuova la tortura dei prigionieri a Guantanamo Bay. Il "Rapporto Hoffman" ha trovato, tra le altre cose:

  • "I funzionari dell'APA hanno intrapreso un modello di collaborazione segreta con i funzionari del DoD per sconfiggere gli sforzi del Consiglio dei rappresentanti dell'APA per introdurre e approvare risoluzioni che avrebbero definitivamente vietato agli psicologi di partecipare agli interrogatori a Guantanamo Bay e in altri centri di detenzione statunitensi all'estero".
  • "In numerosi scambi e conversazioni di e-mail confidenziali, il Direttore Etica dell'APA ha regolarmente cercato e ricevuto il pre-autorizzazione da un influente leader psicologo senior nel Comando Operazioni Speciali dell'esercito USA prima di determinare quale posizione dell'APA dovrebbe essere, quali dovrebbero essere le dichiarazioni pubbliche e quale strategia da perseguire su questo tema. "
  • "La gestione delle denunce di etica nei confronti di eminenti psicologi della sicurezza nazionale è stata gestita in modo improprio, nel tentativo di proteggere questi psicologi dalla censura.

Questa primavera ho insegnato il mio corso di etica per la prima volta da quando è uscito il rapporto Hoffman. È stato straziante avere i miei studenti leggere parti del Rapporto e discutere di come gli psicologi sono stati coinvolti in "tecniche di interrogatorio migliorate" o torture e in che modo colleghi e associazioni di fiducia hanno violato, sorpassato e mancato il nostro Codice Etico.

Alla fine del semestre ho partecipato ad una conferenza e ho incontrato Amanda Larsen, che è allo stesso tempo una studentessa e un'insegnante, ed è stata molto attenta a ciò che ha appreso sulla relazione Hoffman. Le ho chiesto di condividere alcune impressioni sulla sua esperienza. -cosa ]

Amanda Larsen
Amanda Larsen, MA
Fonte: Amanda Larsen

Nel mio primo semestre del mio programma di dottorato in Psicologia del counseling, presi una lezione di etica in cui leggo il Rapporto al Comitato speciale del Consiglio di amministrazione dell'American Psychological Association: Revisione indipendente relativa alle linee guida sull'etica dell'APA, interrogazioni sulla sicurezza nazionale e Tortura (il rapporto Hoffman) e presentata ai miei compagni di classe, molti dei quali erano studenti di master in Counselling professionale. Ho letto l'intero rapporto, molti documenti correlati e la cronologia pubblicata dall'APA. Come membro della divisione 19: la Society for Military Psychology, ho anche integrato la loro prospettiva. Da quando ho presentato la mia lezione di Etica, mi è stato chiesto di tenere una lezione in altre classi e di presentarmi a conferenze regionali. Ecco un'istantanea di ciò che ho imparato nel processo.

Lo scandalo e il rapporto Hoffman ci hanno cambiato. Per sempre. Come altri eventi importanti nella storia della psicologia, lo scandalo della tortura e il rapporto Hoffman hanno lasciato un segno permanente nel nostro campo. Questo non è qualcosa di cui parleremo per un anno e quindi non parleremo mai più. Ci sono conseguenze reali e profonde del rapporto Hoffman e il domino non ha smesso di cadere. I dirigenti senior dell'APA se ne sono andati. Ci saranno certamente cause legali. Si parla di modifiche all'attuale codice etico dell'APA (modificato di recente nel 2010), che avrebbe conseguenze diffuse e di lunga durata per il nostro settore. Questo problema ha inciso una posizione permanente nei programmi di molte classi – Etica, questioni contemporanee, sviluppo professionale, ecc. Come imbarazzante un episodio come questo è per quelli in psicologia, esorto studenti e insegnanti ad immergersi negli eventi e problemi- per continuare i dialoghi importanti che hanno prodotto.

Lo scandalo fa emergere molte emozioni complesse, e sono davvero difficili da parlare. Dopo ogni lezione che do, la stanza sembra pesante. Se c'è una discussione immediata, è difficile e spesso basata sui contenuti. Le persone sono riluttanti a elaborare le emozioni evocate. Il rapporto Hoffman ci colpisce profondamente, non solo come psicologi ma come persone. Mi vengono in mente le mie reazioni immediate e viscerali all'apprendimento dello scandalo. Ricordo di essere stato confuso, sopraffatto e arrabbiato. Ricordo di essermi sentita strappata, a causa del mio interesse per la psicologia militare. Ricordo anche il mio modo di fare il terapeuta, il lato di me che crede che ognuno stia facendo il meglio che può nelle circostanze date. Faccio ancora fatica a bilanciare le mie reazioni contrastanti.

    Imparo di più ogni volta che presento. Le persone che si avvicinano a me quando presento hanno esperienze e aree di competenza molto diverse da me. Ogni conversazione va in una direzione diversa. Ho avuto persone che mi hanno insegnato la ricerca sulle tecniche di interrogatorio efficaci, le somiglianze tra il rapporto Hoffman e altri eventi storici in psicologia, e le differenze che esistono tra culture civili e militari. A causa di quelle conversazioni, il mio fondamento per l'insegnamento è diventato più forte. La famosa citazione, "Chi osa insegnare non deve mai smettere di imparare", è stata nella mia mente per ogni presentazione. È un costante richiamo alla bidirezionalità e alla natura costruttivista dell'educazione.

    Come cerco di continuare ad imparare e di mantenere una mente aperta, mentre insegno. Questi "consigli per insegnare" possono essere utili praticamente per qualsiasi insegnamento, ma a causa della natura emotiva degli argomenti in questione li considero indispensabili quando si insegna lo scandalo.

    1. Invito gli studenti a rivedere il resoconto della relazione Hoffman prima della lezione. A seconda delle richieste della classe, fornisco loro un breve sommario del rapporto di sintesi (che è di circa 70 pagine).
    2. Includo un documento supplementare per aiutare gli studenti a tenere traccia dei pezzi in movimento. Il rapporto Hoffman ha una lunga cronologia, una varietà di acronimi e molti, molti giocatori. Avere queste informazioni di fronte a loro aiuta gli studenti a prestare maggiore attenzione al quadro generale e alle proprie reazioni.
    3. Includo discussioni in piccoli gruppi, perché ho difficoltà a ottenere una classe di 25 da elaborare nel suo complesso. Avviando discussioni in piccoli gruppi e poi venendo insieme come un grande gruppo, aiuto gli studenti a digerire ciò che hanno sentito e iniziare a elaborarlo in un ambiente sicuro.
    4. Penso attentamente al "messaggio da portare a casa" che desidero ricevere dal mio pubblico. Ad esempio, considero il livello di studenti (laurea, master o dottorato) e il loro investimento nel campo:
    • Quando insegno a studenti di dottorato, la mia speranza è che possano ingerire il quadro generale e i dettagli. Supponendo che abbiano avuto qualche esperienza nel campo, c'è meno attenzione su cosa siano l'etica e l'APA. Trascorriamo più tempo a parlare delle conseguenze dello scandalo e del rapporto Hoffman e di come avranno un impatto sugli studenti dopo la laurea (in particolare le modifiche proposte alla politica APA e al Codice etico).
    • Invito gli studenti del master (che di solito non sono membri dell'APA) a discutere i propri messaggi da portare a casa. Voglio che apprezzino il loro ruolo nelle organizzazioni professionali e la loro voce nelle professioni scelte.
    • Sto insegnando il mio primo corso di laurea questo autunno. Gli studenti non hanno seguito una lezione di etica psicologica e probabilmente non sono coinvolti in organizzazioni professionali come l'APA. Potrebbero non essere nemmeno i maggiori di psicologia! Per questo gruppo, i dettagli potrebbero essere meno importanti. Tuttavia, voglio che se ne vadano con una panoramica di base delle problematiche coinvolte, cosa dice il Rapporto Hoffman e come influisce sul campo della psicologia. Questa è una meravigliosa opportunità per discutere di quali siano l'etica e le organizzazioni professionali, i ruoli benefici che svolgono per i professionisti della salute mentale e le loro potenziali carenze.

    ————————-

    Amanda Larsen è una studentessa di dottorato in Psicologia Counseling del secondo anno presso l'Università del Nord Colorado. Prima di trasferirsi in Colorado, ha conseguito un master in terapia familiare e coppia presso la Adler University di Chicago, Illinois. I suoi principali interessi di ricerca comprendono le percezioni e i comportamenti della salute, la psicologia militare e i sistemi familiari.

    Mitch Handelsman è professore di psicologia all'Università del Colorado, Denver. Con Samuel Knapp e Michael Gottlieb, è il coautore di Ethical Dilemmas in Psychotherapy: Positive Approaches to Decision Making (American Psychological Association, 2015). Mitch è anche coautore (con Sharon Anderson) di Ethics for Psychotherapists and Counselors: A Proactive Approach (Wiley-Blackwell, 2010) e un editor associato del manuale in due volumi dell'APA Handbook of Ethics in Psychology (American Psychological Association, 2012). Ma ecco di cosa è più orgoglioso: ha collaborato con il musicista pionieristico Charlie Burrell sull'autobiografia di Burrell.

    © 2016 di Mitchell M. Handelsman. Tutti i diritti riservati

    Solutions Collecting From Web of "Lezioni dall'insegnamento sul nostro ultimo scandalo in psicologia"