Lezioni da mio nonno III: Epoxy, filo interdentale e comprensione causale

Mio nonno, Manny Gold, è scomparso all'inizio di luglio. Ho scritto alcuni post su cose che ho imparato da lui. Apprezzo le risposte meravigliose che ho ricevuto da persone su questi post. Questo è l'ultimo della serie.

Non mi rendevo conto di quanto fossi fortunato da bambino. Pochi di noi, credo. I miei nonni visitavano ogni domenica d'inverno, e in estate scendevamo a visitarli sulla riva del New Jersey. Quando mio nonno venne a trovarci, trascorse molto tempo con noi, portandoci al parco o semplicemente passeggiando per il quartiere. Ma, un punto centrale della visita settimanale era una breve lista di cose che dovevano essere risolte di cui si sarebbe preso cura mentre era in visita.

Durante la settimana, se qualcosa si rompeva (come un ombrello, un frullatore, o il quadrante della stazione su una radio), lo mettiamo da parte per attendere la sua prossima visita. Negli anni '70 e '80, la maggior parte delle cose conteneva parti meccaniche, e quindi c'era in realtà qualche speranza che le cose potessero essere risolte.

Mio nonno era un farmacista, quindi non aveva particolari competenze meccaniche dal suo lavoro. Ma si sedeva a un tavolo armato di resina epossidica, filo interdentale, scovolini e spago, e si guardava attorno per vedere cosa si era rotto. Lo avrebbe smontato, lo avrebbe guardato, avrebbe tracciato il modo in cui funzionava, e in breve tempo aveva messo a punto una soluzione per la giuria che avrebbe continuato a funzionare.

Ciò che trovo interessante ora, è che mio nonno ha trovato un modo per capire veramente come funzionano le cose. Molti di noi hanno ciò che Frank Keil chiama un'illusione di profondità esplicativa . Cioè, pensiamo di sapere come funzionano le cose nel nostro mondo, ma in realtà non lo facciamo. Ad esempio, pensa ai dispositivi che hai in casa come il campanello, i servizi igienici e gli ombrelli. Sai davvero come funzionano? Quando trovi qualcosa che pensi di capire, prova a spiegare a te stesso come funziona.

Aspetterò…

Ok. Come hai fatto? Potresti sorprendervi scoprendo che la tua spiegazione non era così buona. Potresti aver perso alcuni passaggi o ti sei reso conto che hai visto l'oggetto funzionare ma non hai capito come funziona. Non ti preoccupare Se hai difficoltà a spiegare come funzionano le cose, sei in buona compagnia. Molte persone credono di sapere di più sul modo in cui funzionano le cose di quanto non facciano realmente.

Il problema è che se non riesci a spiegare come funziona, avrai difficoltà a capire cosa c'è che non va e correggerlo.

Allora, dove è nato mio nonno con la conoscenza esplicativa che ha usato per sistemare le cose? Micki Chi e Kurt Van Lehn sostengono che le persone imparano come funziona il mondo attraverso un processo di auto-spiegazione . Cioè, ogni volta che ci imbattiamo in qualcosa di nuovo, dobbiamo spiegarlo a noi stessi per trovare le lacune nella nostra conoscenza del modo in cui funziona e quindi colmare queste lacune. Alcune persone naturalmente spiegano le cose a se stesse, mentre altre devono essere costrette a farlo. Quelli che lo fanno naturalmente sono quelli che hanno le conoscenze di cui hanno bisogno per sistemare le cose.

Mio nonno era un auto-spiegatore naturale. Quando ha dovuto riparare qualcosa che non aveva riparato prima, ci passava del tempo, immaginando come è stato messo insieme e come ha funzionato. Capendo innanzitutto come funzionava, poteva quindi prendere una combinazione di filo interdentale, resina epossidica e scovolini e rimetterlo insieme.

Da lui, ho sicuramente imparato il valore della resina epossidica. Ancora più importante, però, ho anche imparato che ci vuole uno sforzo per capire come funzionano le cose. Sforzo che viene rapidamente ricompensato.

Solutions Collecting From Web of "Lezioni da mio nonno III: Epoxy, filo interdentale e comprensione causale"