Lezioni da mio nonno II: amare gli altri per quello che sono.

Questa serie di post è dedicata alla memoria di mio nonno, Emanuel (Manny) Gold. Il suo funerale fu l'8 luglio 2009. I miei due cugini e io parlammo al funerale. I miei cugini e io andiamo d'accordo. Siamo cresciuti a meno di un miglio l'uno dall'altro per la maggior parte della nostra infanzia, e sono ancora abbastanza fortunato da vederli ogni volta che torno sulla costa orientale. Abbiamo avuto interessi diversi nella scuola, tuttavia, e abbiamo intrapreso percorsi di carriera diversi. Eppure, ognuno di noi ha avuto un'esperienza molto simile a mio nonno.

Ognuno di noi sentiva che il nonno era orgoglioso dei nostri risultati qualunque essi fossero. Non importa quale sia l'attività in cui eravamo impegnati, potremmo sentire il suo godimento per i nostri successi. Al funerale, ognuno di noi ha ricevuto rapporti da amici di lunga data di mio nonno che avrebbe detto agli altri delle nostre realizzazioni.

Ciò che trovo meraviglioso di questo è che mio nonno non ha giocato i preferiti. Non ha riservato il suo orgoglio per determinati tipi di risultati in una particolare area. La sua gioia per i nostri successi era la felicità che avevamo raggiunto qualcosa di valore per noi . La sua reazione non fu mai attenuata dal valore del nostro successo per lui .

Non è un'impresa facile da realizzare. Ci sono molte prove che le simpatie e le antipatie della gente sono fortemente guidate dagli obiettivi che sono attivi per loro. Avere preferenze che sono influenzate dai nostri obiettivi è importante per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi. Essenzialmente, avere un obiettivo per raggiungere un risultato particolare rende gli oggetti che ci aiuteranno a raggiungere quegli obiettivi si sentono più desiderabili, e quindi ci tiene concentrati sulla soddisfazione dei nostri obiettivi.

È interessante notare che spesso ignoriamo gli obiettivi specifici che stanno guidando queste valutazioni. Poiché spesso ignoriamo gli obiettivi che influenzano le nostre preferenze, abbiamo la tendenza a valutare le cose che fanno gli altri che si adattano ai nostri obiettivi. E questo può essere vero senza nemmeno renderci conto che lo stiamo facendo.

Sovrapposti a queste preferenze inconsce sono obiettivi coscienti che possiamo adottare per i nostri parenti. So che come genitore, ci sono alcune speranze che ho per i miei figli. Una delle cose più difficili che ho dovuto fare da genitore è determinare come bilanciare le mie speranze per i miei figli con gli obiettivi che si sono prefissati.

Ciò che mio nonno era in grado di fare era di lasciare le sue preferenze fuori dall'equazione quando si godeva le realizzazioni della sua famiglia. Sospetto che la maggior parte delle cose che ho fatto nella mia vita non siano cose che mio nonno ha avuto anche il minimo interesse a fare se stesso. Tuttavia, è sempre stato davvero felice di ricevere buone notizie da me.

Quindi, mio ​​nonno mi ha insegnato che è facile dare a qualcuno vicino a te una cosa di grande valore che non ha alcun costo per te stesso. Se sospendi il tuo giudizio sulle azioni altrui e ti godi ciò che hanno ottenuto a causa del suo significato per loro, allora tutti vincono. Ottieni un colpo di orgoglio familiare, e ottengono il calore di sapere di essere amati per quello che sono, piuttosto che per quello che potresti aver desiderato.

Solutions Collecting From Web of "Lezioni da mio nonno II: amare gli altri per quello che sono."