L'evoluzione delle dipendenze tecnologiche

Nell'ottobre 2014, la stampa mondiale ha riportato la storia di un uomo trattato per il disturbo da dipendenza da Internet causato dal suo uso eccessivo di Google Glass . Secondo un rapporto del quotidiano su The Guardian :

"L'uomo utilizzava la tecnologia da circa 18 ore al giorno – rimuovendolo solo per dormire e lavarsi – e si lamentava di sentirsi irritabile e polemico senza il dispositivo. Nei due mesi successivi all'acquisto del dispositivo, aveva anche iniziato a sperimentare i suoi sogni come se fosse stato osservato attraverso la piccola finestra grigia del dispositivo … [Il paziente] si era sottoposto al Sarp [Programma per il recupero delle dipendenze da sostanze] nel settembre 2013 per il trattamento dell'alcolismo. La struttura richiede ai pazienti di evitare comportamenti di dipendenza per 35 giorni – niente alcool, droghe o sigarette – ma porta via anche tutti i dispositivi elettronici. I dottori hanno notato che il paziente picchiettava ripetutamente sulla tempia destra con l'indice. Ha detto che il movimento era una mimica involontaria del movimento usato regolarmente per accendere il display heads-up sul suo Google Glass ".

La storia era basata su un caso di studio che è stato pubblicato sulla rivista Addictive Behaviors della Dr. Kathryn Yung e dei suoi colleghi del Dipartimento di Salute Mentale, Naval Medical Center di San Diego (Stati Uniti). Gli autori affermano che il documento (i) ha riportato il primo caso di disordine da dipendenza da Internet che comporta l'uso problematico di Google Glass, (ii) ha dimostrato che l'uso eccessivo e problematico di Google Glass nel loro paziente può essere associato a movimenti involontari verso il tempio area e problemi di memoria a breve termine, e (iii) ha evidenziato che l'uomo nel loro caso di studio mostrava frustrazione e irritabilità correlate ai sintomi di astinenza dall'uso eccessivo di Google Glass . Per coloro che leggono questo che non hanno ancora incontrato ciò che Google Glass è, gli autori hanno fornito una breve descrizione:

"Google Glass ™ è stato nominato come una delle migliori invenzioni dell'anno da Time Magazine nel 2012. Il dispositivo è un dispositivo portatile per l'elaborazione indossabile con connettività Bluetooth per dispositivi predisposti per Internet. Google Glass ™ ha un display ottico montato sulla testa, simile agli occhiali; visualizza le informazioni in un formato simile a uno smartphone, ma a mani libere che è controllato tramite comandi vocali e tocco ".

L'uomo che è venuto per il trattamento era un membro di servizio arruolato di 31 anni che aveva scontato sette mesi in Afghanistan. Sebbene non abbia sofferto di alcun tipo di disturbo da stress post-traumatico (PTSD), gli autori hanno riferito di avere "un disturbo dell'umore, più coerente con un'ipomia indotta dalla sostanza che ricopre un disturbo depressivo, disturbo d'ansia con caratteristiche di fobia sociale, disturbo ossessivo-compulsivo e gravi disturbi da alcol e tabacco ". Il suo riferimento al programma di uso di sostanze era perché aveva ripreso a bere alcolici dopo un precedente trattamento ambulatoriale intensivo di otto settimane. Fu solo dopo aver reinserito il programma che lo staff notò altri comportamenti che non avevano nulla a che fare con il suo problema con l'alcol. Più specificamente, hanno riferito che:

"Il paziente indossava il dispositivo Google Glass ™ ogni giorno fino a 18 ore per due mesi prima del ricovero, rimuovendo il dispositivo durante il sonno e il bagno. Gli è stato dato il permesso dai suoi superiori di utilizzare il dispositivo al lavoro, poiché il dispositivo gli consentiva di funzionare a un livello elevato accedendo rapidamente a informazioni dettagliate e complicate. Il paziente ha condiviso che Google Glass ™ ha aumentato la sua confidenza con le situazioni sociali, in quanto il dispositivo è diventato spesso un argomento di discussione iniziale. Tutti i dispositivi elettronici e i dispositivi di mobile computing vengono solitamente rimossi dai pazienti durante il trattamento di riabilitazione della sostanza. Il paziente ha notato significativa frustrazione e irritabilità legate al non essere in grado di utilizzare il dispositivo durante il trattamento. Ha dichiarato: "Il ritiro da questo è molto peggio del ritiro che ho subìto dall'alcol", ha osservato che quando ha sognato durante il suo trattamento residenziale, ha immaginato il sogno attraverso il dispositivo. Avrebbe vissuto il sogno attraverso una piccola finestra grigia, che era coerente con ciò che vedeva quando indossava il dispositivo mentre era sveglio. Ha riferito che se gli fosse stato impedito di indossare il dispositivo mentre era al lavoro, sarebbe diventato estremamente irritabile e polemico. Quando le domande sono state poste dall'esaminatore, il paziente è stato notato durante l'esame per raggiungere la sua mano destra fino alla zona della tempia e toccarlo con l'indice. Ha spiegato che questo si sentiva quasi involontario, in quanto era il movimento familiare che avrebbe fatto per accendere il dispositivo al fine di accedere alle informazioni e rispondere alle domande. Ha scoperto di aver quasi "bramato" l'uso del dispositivo, soprattutto quando cercava di richiamare informazioni ".

Anche se la mia principale area di ricerca interessava le dipendenze comportamentali, la cosa che attirò la mia attenzione nella descrizione di cui sopra fu l'osservazione che i suoi sogni erano vissuti nel modo in cui vedeva le cose attraverso Google Glass mentre era sveglio. In prima lettura ho pensato che questo sembrasse molto simile a una ricerca che ho fatto con la mia collega Angelica Ortiz de Gortari su Game Transfer Phenomena (GTP) in cui i giocatori trasferiscono aspetti del loro gioco giocando in situazioni di vita reale. Il nostro lavoro è un'estensione del cosiddetto 'Effetto Tetris ' in cui i giocatori di Tetris vedono blocchi che cadono davanti ai loro occhi anche quando non stanno giocando. Sembra che gli autori di questo case study abbiano anche fatto la stessa connessione che hanno riportato:

"Le esperienze del paziente di vedere i suoi sogni attraverso il dispositivo sembrano essere meglio spiegate unicamente dal suo uso intensivo del dispositivo e possono essere coerenti con quello che viene definito" Effetto Tetris ". Quando gli individui giocano il gioco Tetris per lunghi periodi di tempo, segnalano di aver visto immagini invasive del gioco nel sonno (Stickgold, Malia, Maguire, Roddenberry, e O'Connor, 2000). È interessante notare che Stickgold et al. ha osservato che i pazienti con amnesia dovuta a trauma cranico, che hanno avuto problemi con il richiamo della memoria a breve termine, hanno riportato immagini invasive del gioco durante il sonno, anche se non ricordavano di aver giocato al gioco (Stickgold et al., 2000). I dispositivi di apprendimento assistito dalla tecnologia e i videogiochi sembrano essere metodi potenti per aiutare nell'acquisizione di nuove informazioni. Sono necessari ulteriori studi nel campo delle lesioni traumatiche del cervello che utilizzano il gioco e l'apprendimento assistito dalla tecnologia ".

Alla fine dei 35 giorni di degenza ospedaliera, il risultato è stato giudicato positivo. Il paziente riferì che si sentiva meno irritabile e che stava facendo meno movimenti compulsivi alla tempia. Tuttavia, nessun altro follow-up è stato segnalato da Yung e dai suoi colleghi. Ci sono, naturalmente, domande più ampie sulla possibilità che la dipendenza da Internet esista anche se l'articolo di The Guardian forniva un link a una revisione completa e sistematica della dipendenza da Internet che ho co-autore con il Dr. Kuss e altri sulla rivista Current Design farmaceutico . Come i lettori abituali del mio blog saranno a conoscenza, credo che esista una differenza fondamentale tra dipendenze su Internet e dipendenze da Internet. La stragrande maggioranza delle persone sembra avere dipendenze su Internet (come la dipendenza da gioco d'azzardo, la dipendenza da gioco, la dipendenza dal sesso, la dipendenza da shopping, ecc.) In cui Internet facilita altri comportamenti di dipendenza. Tuttavia, vi è una crescente evidenza del comportamento di dipendenza da internet (la dipendenza da social network è la più comune).

In relazione a questo caso di studio, alcuni hanno affermato che lo studio non ha validità per il fatto che la durata della batteria di Google Glass è così ridotta che è impossibile trascorrerla fino a 18 ore al giorno. (Per esempio, guarda un interessante articolo scritto da Taylor Hatmaker pubblicato dal Daily Dot ). Devo aggiungere che uno dei coautori dello studio, il dott. Andrew Doan, ha detto a vari organi di stampa che:

"Un dispositivo indossabile è costantemente lì – quindi la ricompensa neurologica associata all'uso è costantemente accessibile. Non c'è niente di negativo in Google Glass. È solo che c'è poco tempo tra questi rush. Quindi per un individuo che sta cercando di fuggire, per un individuo che ha una disregolazione mentale sottostante, per le persone con una predisposizione alla dipendenza, la tecnologia fornisce un modo molto conveniente per accedere a questi impeti. E il pericolo con la tecnologia indossabile è che ti è permesso di essere quasi costantemente nell'armadio, mentre ti sembri come se fossi presente nel momento ".

Sulla base del documento di due pagine che è stato pubblicato, non penso che ci fossero prove sufficienti per dire se l'uomo in questione fosse dipendente da internet tramite Google Glass. C'erano certamente elementi associati alla dipendenza, ma ciò non significa che qualcuno sia sinceramente dipendente. Inoltre, i comportamenti più avvincenti devono essere presenti da almeno sei mesi prima di essere diagnosticati come una vera dipendenza. In questo caso, l'uomo aveva utilizzato Google Glass solo per due mesi prima di accedere al programma di trattamento.

Riferimenti e ulteriore lettura

Ghorayshi, A. (2014). Google utente di vetro trattato per la dipendenza da Internet causato dal dispositivo. The Guardian, 14 ottobre. Si trova su: http://www.theguardian.com/science/2014/oct/14/google-glass-user-treated…

Griffiths, MD (2000). Dipendenza da Internet – Tempo da prendere sul serio? Ricerca sulle dipendenze, 8, 413-418.

Griffiths, MD (2010). Abuso di Internet e dipendenza da Internet sul posto di lavoro. Journal of Worplace Learning, 7, 463-472.

Hatmaker, T. (2014). Non esiste una cosa come la dipendenza da Google Glass. The Daily Dot , 15 ottobre. Si trova su: https://www.dailydot.com/technology/google-glass-internet-addiction/

Kuss, DJ, Griffiths, MD & Binder, J. (2013). Dipendenza da Internet negli studenti: prevalenza e fattori di rischio. Computer nel comportamento umano, 29, 959-966.

Kuss, DJ, Griffiths, MD, Karila, L. & Billieux, J. (2014). Dipendenza da Internet: una revisione sistematica della ricerca epidemiologica nell'ultimo decennio. Attuale design farmaceutico , 20, 4026-4052.

Kuss, DJ, Shorter, GW, van Rooij, AJ, Griffiths, MD, e Schoenmakers, TM (2014). Valutare la dipendenza da Internet usando il parsimonioso modello di componenti di dipendenza da Internet – Uno studio preliminare. International Journal of Mental Health and Addiction, 12, 351-366.

Kuss, DJ, van Rooij, AJ, Shorter, GW, Griffiths, MD e van de Mheen, D. (2013). Dipendenza da Internet negli adolescenti: prevalenza e fattori di rischio. Computer nel comportamento umano, 29, 1987-1996.

Ortiz de Gotari, A., Aronnson, K. & Griffiths, MD (2011). Fenomeni del trasferimento di giochi nel gioco dei videogiochi: uno studio dell'intervista qualitativa. International Journal of Cyber ​​Behavior, Psychology and Learning , 1 (3), 15-33.

Ortiz de Gortari, AB & Griffiths, MD (2012). Un'introduzione ai Fenomeni di Game Transfer nel gioco dei videogiochi. In J. Gackenbach (a cura di), Videogioco e coscienza (pp.223-250). Hauppauge, NY: Nova Science.

Ortiz de Gortari, AB & Griffiths, MD (2014). Percezione visiva alterata nei fenomeni di trasferimento dei giochi: uno studio empirico di autovalutazione. International Journal of Human-Computer Interaction , 30, 95-105.

Ortiz de Gortari, AB & Griffiths, MD (2014). Esperienze uditive nei fenomeni di trasferimento del gioco: uno studio empirico di autovalutazione. International Journal of Cyber ​​Behavior, Psychology and Learning , 4 (1), 59-75.

Ortiz de Gortari, AB & Griffiths, MD (2014). Processi mentali automatici, azioni e comportamenti automatici nei fenomeni di trasferimento dei giochi: uno studio empirico di autovalutazione che utilizza i dati del forum online. International Journal of Mental Health and Addiction , 12, 432-452.

Stickgold, R., Malia, A., Maguire, D., Roddenberry, D., e O'Connor, M. (2000). Riproduzione del gioco: immagini ipnagogiche in normali e amnesia. Scienza, 290, 350-353.

Widyanto, L. & Griffiths, MD (2006). Dipendenza da Internet: una revisione critica. International Journal of Mental Health and Addiction, 4, 31-51.

Yung, K., Eickhoff, E., Davis, DL, Klam, WP e Doan, AP (2014). Disturbo da dipendenza da Internet e uso problematico di Google Glass ™ in pazienti trattati in un programma di trattamento di abuso di sostanze residenziali. Comportamenti avvincenti, 41, 58-60

Solutions Collecting From Web of "L'evoluzione delle dipendenze tecnologiche"