L'evoluzione della parola scritta

Wikipedia Commons
Fonte: Wikipedia Commons

La scrittura è tecnologia. Come gli spettacoli di accoppiamento degli uccelli del paradiso e le scie di feromoni delle formiche, è una forma di comunicazione. Tuttavia, a differenza dei sistemi di comunicazione governati dall'evoluzione genetica, la comunicazione scritta ha seguito le regole dell'evoluzione culturale. Come la ruota si è evoluta da qualcosa che i ceramisti sumerici hanno usato per presentare i radiali Michelin, così la scrittura umana si è evoluta più o meno nello stesso periodo di tempo. Questa evoluzione è stata tutt'altro che casuale. In questo momento la scrittura si è evoluta per essere più facile da apprendere, per fornire maggiori informazioni e per essere più rapidamente letta senza errori. Se prendiamo l'arco storico della scrittura umana e lo gettiamo sotto il macroscopio, esso predice l'eventuale morte di personaggi cinesi e l'ascesa di Twitterese.

Le prime forme di comunicazione scritta, se così possiamo chiamarla, provengono da pitture rupestri. Alcuni dei nostri primi antenati amavano il Sud della Francia tanto quanto le stelle del cinema moderno e vivevano nelle Grotte Chauvet vicino a Vallon-Pont-d'Arc. Queste grotte sono ospitate in falesie calcaree sopra un antico letto del fiume. I dipinti risalgono a circa 30.000 anni fa e sono principalmente dipinti di animali, come rinoceronti, leoni, cervi e iene. Con centinaia di dipinti, le grotte sono un museo letterale di arte preistorica della fauna selvatica.

Gli archeologi non sono sicuri di cosa questi dipinti siano stati progettati per comunicare, siano essi sciamanici, ritualistici o solo esposizioni di accoppiamento precoci. Il fatto che non siamo in grado di decifrarli oltre a dire "bei dipinti" è la prova che le informazioni che contengono non sono esattamente loquace. Ma a volte forse una pittura rupestre è solo una pittura rupestre.

Circa 25.000 anni dopo i Sumeri, nel sud della Mesopotamia, iniziarono a scrivere su tavolette di argilla ea cuocerle per conservare le informazioni. Le prime tavolette d'argilla contenevano pittogrammi, in quello che viene chiamato proto-cuneiforme. Questi comunicano rappresentando l'oggetto della comunicazione, nello stesso modo in cui un bambino che disegna un uomo significa "papà". Verso il 3000 aC questo era avanzato in uno script cuneiforme, un sistema logografico in cui le parole rappresentano concetti. Anche se i primi cuneiformi erano solo una sceneggiatura parziale, molto simile alla matematica, capace solo di comunicare su certi argomenti, questo era ancora un enorme progresso rispetto ai pittogrammi. Innanzitutto, ha ridotto il numero di simboli possibili che un lettore avrebbe dovuto interpretare per capire cosa stava comunicando lo scrittore. Regolando il sistema di scrittura su un insieme di caratteri concordato, ha trasformato la comunicazione scritta in prodotti di gruppo, non in individui. Questo aveva il vantaggio aggiunto che gli scrittori potevano comunicare idee più complicate con meno confusione.

Entro il 2000 BCE, questa scrittura stava diventando una sceneggiatura completa, in grado di comunicare una varietà di idee, anche quelle astratte come l'amore, la paura, il tradimento e la speranza. Ciò è stato rispecchiato da script completi che sono emersi quasi contemporaneamente in Egitto, Cina e società precolombiane come Olmec e Zapotec. Questa transizione a script completi ha aperto enormi porte alla comunicazione e alla posterità delle idee. Le persone non solo potevano annotare i saldi pagati e debiti, ma registrare i movimenti delle stelle, sviluppare argomenti che richiedevano più linee per comunicare e discutere idee a distanza. Potevano persino registrare storie immaginarie e mitologiche, come l'epopea sumera di Gilgamesh. I primi cuneiformi potevano comunicare cinque bushel di grano pagati al re, ma probabilmente fu meglio interpretato dalla persona che lo scrisse. Entro il 1000 BCE, una persona potrebbe scrivere un'altra lettera d'amore.

Intorno al 700 BCE i Greci inventarono un sistema alfabetico, che consentiva di ridurre il numero di simboli a soli 24 caratteri. Questo è stato un enorme progresso nell'economia della parola scritta, che ha ancora implicazioni fino ad oggi. Molti altri sistemi di scrittura riprendono rapidamente questo sistema alfabetico, portando infine all'alfabeto romano che attualmente utilizziamo.

Con i progressi delle superfici su cui scrivere, passando attraverso l'argilla, le tavolette di cera, il papiro egiziano e l'invenzione cinese della carta, la scrittura divenne più accessibile, più duratura e più facile da distribuire. Ciò ha creato opportunità per l'ulteriore evoluzione della parola scritta.

I monaci erano impegnati per centinaia di anni a copiare testi religiosi, ma curiosamente (a noi) non si preoccupavano di mettere spazi tra le parole. Scripta continua , come è stato chiamato, era la norma. Ciò era in parte dovuto al fatto che i testi dovevano essere letti ad alta voce, anche quando il lettore era solo, e nessuno ancora vedeva la necessità di separare una parola da un'altra. Quando ci parliamo, spesso non separiamo le nostre parole, ei primi scrittori non le separano nemmeno nel testo. L'attenzione era concentrata su come suonavano le parole e meno su quello che intendevano.

Nel XIII secolo, gli spazi tra le parole furono inventati e la punteggiatura seguì in breve tempo. Questo fu seguito nel quattordicesimo secolo da paragrafi e capitoli. Anche se di tanto in tanto mi imbatto in uno studente che non ha ancora sentito parlare di nessuna di queste cose, Dio le benedica.

Con l'invenzione della stampa di Johannes Gutenberg negli anni 1450, la produzione libraria decollò. L'offerta di libri e la crescente domanda per loro si alimentarono a vicenda e i due entrarono a spirale nella stratosfera. Alcune stime suggeriscono che sono stati prodotti più libri nei 50 anni successivi all'invenzione di Gutenberg di quanti ne siano stati prodotti nei precedenti 1000 anni.

La produzione su vasta scala porta alla standardizzazione nello stesso modo in cui il testo sumero è stato regolarizzato. La produzione di libri ha portato a font standardizzati, alcuni più facili da leggere rispetto ad altri. Anche in questo caso, un processo di selezione potrebbe concentrarsi sui caratteri più facilmente leggibili, mentre alla fine lasciare che quelli meno facilmente elaborati a cadere sul ciglio della strada. Il font Fraktur (o Blackletter) di difficile lettura, che era un font calligrafico stilizzato usato in tutta Europa, rimase in uso nei testi tedeschi fino all'inizio della Seconda Guerra Mondiale. Nel 1941 fu convenientemente considerato Judenlettern (lettere ebraiche); alcuni ipotizzano che l'eliminazione di questo copione fosse in previsione del bisogno di comunicare con i nuovi territori della Germania, dopo la fine della guerra. In ogni caso, è uno script complicato da leggere, e anche le tecnologie di riconoscimento ottico dei caratteri all'avanguardia hanno difficoltà a dare un senso a questo.

A differenza della maggior parte della diffusione dell'alfabeto romano da parte del mondo, i caratteri cinesi sono rimasti in gran parte logografici per diverse migliaia di anni. Ma anche questo ha visto i moderni tentativi di semplificazione per rendere più facile scrivere e leggere. L'alfabetizzazione in gran parte del mondo occidentale è stata vicina al 100 percento per quasi 50 anni. L'alfabetizzazione cinese, d'altra parte, è rimasta indietro. Una ragione è che l'alfabetizzazione cinese richiede l'apprendimento di circa 4000 caratteri. Le autorità cinesi hanno sospettato che questo sia da biasimare e hanno tentato di semplificare il cinese (con caratteri più semplici) e in alcuni casi hanno adottato alfabeti occidentali. Se la storia è una indicazione, possiamo prevedere l'eventuale scomparsa del sistema di caratteri cinese, specialmente perché l'economia cinese aumenta l'attrattiva della lingua per gli studenti di seconda lingua.

La scrittura moderna si sta evolvendo mentre parliamo (e scriviamo). I romanzi più venduti in Giappone nel 2007 sono stati tutti scritti su telefoni cellulari e leggono più messaggi di testo rispetto al formato di capitolo standard a cui molti di noi sono abituati. Con messaggi di testo che richiedono brevità sull'eleganza e la nostra crescente tendenza a scansionare titoli invece di leggere articoli, la qualità della scrittura continua a comprimere le informazioni e la facilità di comunicarle in pacchetti sempre più piccoli.

Un paio di anni fa, James Adelman ed io (Hills & Adelman, 2015) abbiamo scoperto che la parola scritta in inglese americano ha continuato ad evolversi anche negli ultimi 200 anni. In linea con l'immigrazione (immigrazione quasi interamente europea), l'inglese americano ha risposto diventando più facile da apprendere e comunicare. In poche parole, l'inglese americano diventa più veloce ora di quanto non abbia mai fatto. Ma puoi facilmente dire che è diventato più infantile.

Se si confronta la scrittura moderna con quasi qualsiasi cosa scritta più di cento anni fa, il cambiamento nello stile di scrittura è come la differenza tra ciottoli e fango. Nel 1850, in The Scarlet Letter , Nathanial Hawthorne scrisse questo:

"I bambini hanno sempre una simpatia per le agitazioni di coloro che sono connessi con loro; sempre, soprattutto, il senso di ogni problema o rivoluzione imminente, di qualsiasi tipo, in circostanze domestiche; e perciò Pearl, che era la gemma del seno inquieto di sua madre, tradiva, per la stessa danza dei suoi spiriti, le emozioni che nessuno poteva rilevare nella passività marmorea della fronte di Hester. "

Questa è una frase. Infatti, lo riconosco dal liceo come la frase esatta che mi ha fatto mettere giù il libro.

Nel 1994, in Barrel Fever, David Sedaris ha scritto questo:

"Se stai cercando simpatia lo troverai tra merda e sifilide nel dizionario."

Entrambi gli esempi precedenti riguardano la simpatia. Ma Sedaris ha più simpatia per il lettore moderno di Hawthorne. Poi, di nuovo, i lettori di Hawthorne non avevano videogiochi e sexting per distrarli, quindi forse hanno ottenuto i loro calci attraverso un po 'di alta letteratura. È difficile da dire.

Uno dei più grandi cambiamenti nella scrittura moderna è il lento decadimento di quelle che vengono chiamate parole funzionali. Questi sono gli articoli ( il e un ) e le particelle ( se , allora , e bene ); questi sono gli stessi tipi di parole che vengono lasciati cadere nei testi. Se la tendenza continua, dovremmo tutti parlare e scrivere qualcosa come Twitterese nei prossimi centinaia di anni. Molti dei miei studenti lo fanno già.

* Seguendo la mia visione di Rogue One , mi sento un po 'sedizioso. Per onorare la morte immaginaria, ho deciso di utilizzare ora il sistema britannico per mettere la punteggiatura al di fuori del testo citato, a cui appartiene.

Solutions Collecting From Web of "L'evoluzione della parola scritta"