L'evoluzione della fede

Come neurochirurgo che cura i pazienti con tumori cerebrali maligni, ci sono molte volte in cui devo dare alla gente notizie molto, molto brutte. Ho detto a un'ampia varietà di uomini e donne che hanno una diagnosi che sta per togliersi la vita. Sono momenti in cui non vedo l'ora. Indipendentemente dalla razza, dalla ricchezza e dall'istruzione, il paziente e la sua famiglia sono spesso sotto shock dopo la notizia. Quello che fanno dopo, comunque, varia un bel po '. A un'estremità dello spettro, alcuni sembrano riuscire con una forza d'animo e una grazia che sono davvero ispiratrici. Altri possono impantanarsi in una depressione che paralizza la loro capacità di recupero.

Un filo interessante che sembra unificare quei pazienti e le loro famiglie che sembrano superare la loro diagnosi sta avendo una forte fede religiosa, o un senso di scopo superiore. Sono spesso colpito dal modo in cui i miei pazienti più orientati allo scopo possono trovare un significato più alto nella loro sofferenza e, di conseguenza, sembrano più felici e più capaci nell'affrontare la loro malattia. Di fronte alla terribile domanda del "perché", hanno un'architettura psicologica che ospita alcuni dei misteri ingiusti della vita.

Mettendo da parte la metafisica per un momento, non voglio discutere sulla presenza o l'assenza di Dio. Né voglio esprimere alcun giudizio su persone che credono o non credono in un essere superiore. Piuttosto, penso che la cosa interessante della fede e il modo in cui aiuta un paziente ad affrontare la malattia è che ci dice qualcosa di fondamentale su come gli esseri umani sono messi insieme.

Gli inquilini fondamentali dell'evoluzione sono che esiste una pressione selettiva per i tratti all'interno di una specie che favorisce la sua capacità di sopravvivere. Così pensando a vari animali e piante che hanno un gruppo di variabilità genetica all'interno del gruppo (alcuni sono più grandi, alcuni sono più piccoli, alcuni sono di questo colore o di quel colore, ecc.). In ogni caso, poiché l'ambiente cambia qualche aspetto di quella creatura, favorisce la sopravvivenza e rende più probabile la riproduzione e quindi aumenta la presenza di quel tratto nella popolazione. In un semplice esempio, è la ragione per cui è più probabile vedere le falene marrone e nere, perché quelle bianche sono state mangiate in passato. Ma i tratti di sopravvivenza possono andare ben oltre il colore e le dimensioni. Se irradi un ragno (e ferisci il DNA nel suo sperma e nelle sue uova), la sua progenie avrà delle ragnatele distorte. Il punto qui è che i comportamenti molto complessi possono essere codificati geneticamente.

Nonostante la moderna percezione del libero arbitrio, gli esseri umani non sono immuni dai comportamenti dettati geneticamente. Studio su studio ha mostrato l'influenza dei propri geni sulla propensione alla depressione e ai disturbi della personalità. In modo che si pone la domanda, quanto in alto la catena del cibo cognitivo di pensieri e idee fanno andare i nostri geni?

Joseph Campbell ha trascorso la sua vita studiando religioni in tutto il mondo. Egli documenta chiaramente attraverso i suoi studi multiculturali che la religione (cioè la credenza in una più alta realtà divina) è presente in ogni angolo della vita umana. Ancora più interessante è che non solo la fede è intrinseca a una cultura sociale, ma molto spesso i temi delle religioni sono sorprendentemente simili.

Allora perché? Perché gli umani credono nelle cose e perché credono in cose simili. Proprio come certe configurazioni di una ragnatela danno a quell'aracnide una migliore possibilità di trasmettere i suoi geni, così anche certe predisposizioni cognitive migliorano (in media) la capacità della specie umana di sopravvivere al loro ambiente. Penso che persino il più stridente ateo-evoluzionista e fondamentalista evangelico hardcore possa probabilmente convenire che la società umana ha fatto molto bene alla propagazione della specie umana. Attraverso la formazione di gruppi sociali raccogliamo risorse (ad esempio silos di grano, riserve petrolifere e torri idriche), sottospecializzate le mansioni lavorative (ad esempio agricoltori, minatori, medici, ecc.) E creiamo infrastrutture (aerei, treni e autostrade). Quindi, nessuna persona deve fare tutto per sopravvivere.

Detto questo, sappiamo tutti che il gruppo non è sempre gentile con l'individuo e molte volte una società può essere piuttosto negativa per la salute di un essere umano (ad esempio la guerra). Inoltre, tieni presente che l'evoluzione è per la sopravvivenza della specie. Ripensando a Homo Erectus alcuni milioni di anni fa, cosa li spinse a iniziare a lavorare insieme? Si sono resi conto che potevano ottenere più cibo e avere più figli agendo come un gruppo. Di nuovo potrebbe esserci stato il "go-it-alone Erectus". Ma lui, come una falena bianca, non ha fatto molto bene. Quindi, affinché la specie prosperasse davvero, doveva diventare iper-specializzata. Persone diverse dovevano fare cose diverse. Alcuni dovevano ottenere di più e altri dovevano ottenere di meno. C'era bisogno di essere gerarchia. Se supponiamo che i nostri geni egoisti stiano solo cercando il numero uno, questo non accadrà mai e anche la specie ne risentirà. Inserisci il bisogno di sopravvivenza per la religione, o credendo in qualcosa che va al di là di se stessi. Qualcosa di più grande consente a un individuo di sacrificarsi, di rinunciare a qualcosa per il tutto. Di conseguenza, il gruppo fa meglio e la specie umana nel suo insieme ha un vantaggio di sopravvivenza migliore.

La convenzione cognitiva fornisce anche all'Homo Sapiens alcuni ulteriori benefici in termini di sopravvivenza. Man mano che i nostri lobi frontali aumentavano di dimensioni e iniziamo a cercare di capire il funzionamento del nostro ambiente e di noi stessi, gli umani si sono confrontati con misteri che non potevano spiegare (siccità, carestia e l'intero quadro della sofferenza umana). All'inizio c'erano molte cose inspiegabili. Di nuovo, coloro che potrebbero creare un sistema che metta queste cose in un quadro che consenta loro di operare nella loro vita in un modo più ordinato e sociale, probabilmente permetteranno loro di sopravvivere e avere figli. O per lo meno essere più compiacente con un ordine sociale (pensa ai faraoni e a tutti gli schiavi), che ha servito bene il gruppo dove molti individui forse no. Ad ogni modo, avere una predisposizione a credere in una realtà superiore di fronte alla sofferenza ha reso la specie umana collettivamente più resiliente.

Quindi, proprio come siamo cablati per le pulsioni di auto-conservazione e propagazione (fame, sete e desiderio sessuale), gli umani hanno una spinta fondamentale a credere in qualcosa di più grande, un bisogno di significato. E proprio mentre cerchiamo di soddisfare tali bisogni, dobbiamo stare attenti a non farlo troppo o troppo poco. Se mangiamo troppo diventiamo grassi e malsani e se mangiamo troppo poco moriremo di fame e moriremo. Allo stesso modo, "credere troppo" – o cercare di credere all'esclusione di qualsiasi altra cosa – porta a comportamenti bizzarri come i teorici della cospirazione e "il mondo è stato fatto in sette giorni" che protestano l'insegnamento dell'evoluzione nelle nostre scuole- credenza essenzialmente all'esclusione della conoscenza. Se crediamo troppo poco, prendiamo l'esistenzialista a cui piace dire "Dio è morto" ma cade a pezzi quando muoiono o sono sotto stress. Quindi, per citare un'altra famosa figura religiosa, "il percorso verso la libertà dalla sofferenza è uno tra gli estremi delle austerità e l'indulgenza sensuale", cioè la "Via di mezzo".

Copyright 2013 di Brains and Machines

Per saperne di più visita Dr. Eric Leuthardt

Live Interview: Surgeon e inventore Eric Leuthardt

Solutions Collecting From Web of "L'evoluzione della fede"