L'etologia non è stata soffiata: gli animali hanno bisogno di aiuto

L'etologia ha davvero una copertura da soffiare?

Mentre stavo scrivendo "Good News For Animals as we Move Into 2016" e notando che gli animali non umani (animali) hanno bisogno di tutto l'aiuto che possono ottenere da accademici, altri ricercatori e non ricercatori allo stesso modo, sottolineando quanto fortemente transdisciplinare i campi di gli studi sugli animali e l'antropozoo lo sono davvero, due persone mi hanno informato di un saggio del dott. Gay Bradshaw di cui non ero a conoscenza "Perché gli animali hanno bisogno di psicologia: la ricerca soffia sulla copertina dell'etologia." Sono rimasto davvero sorpreso mentre meditavo sul sottotitolo: cos'è l'etologia? copertura presunta e come è stato soffiato? – Così l'ho messo nella mia lista di cose da leggere il prima possibile. Poi, un'altra persona è entrata in gioco e mi ha chiesto cosa io, un etologo orgoglioso pensasse del soffiare della copertina dell'etologia, così ho deciso di scrivere qualcosa ora. Temeva che l'etologia potesse essere morta e voleva essere un'etologa! Niente può essere più lontano dalla verità. L'etologia non è morta: l'etologia è viva, sana e prospera, come dovrebbe essere.

La mia risposta all'accusa che la copertina dell'etologia è stata soffiata sarà breve, poiché altri, a cui mi riferisco di seguito, hanno ampiamente dimostrato quanto sia importante l'etologia per lo studio della sensibilità animale e per la protezione degli animali. Gli animali hanno bisogno di psicologia e molto aiuto da numerose discipline diverse. Ad esempio, i dati comparativi che provengono da studi nel campo chiamato etologia cognitiva (lo studio delle menti animali e cosa c'è in essi) sono davvero incredibili e possono veramente aiutare altri animali mentre impariamo di più sulle loro vite cognitive ed emotive . Quindi, la mia conclusione è che la copertura dell'etologia non è stata soffiata perché non c'era nessuna copertura da soffiare, e nessun etologo che conosca tenterebbe di sostenere che l'etologia o qualsiasi altra disciplina da sola potrebbe eventualmente insegnarci tutto ciò di cui abbiamo bisogno per conoscere altri animali o per "salvarli" da un abuso sfrenato e inimmaginabile. In effetti, una recente discussione ad ampio raggio sulla questione se i pesci provano dolore nel nuovo diario chiamato Animal Sentience mostra quanto siano realmente importanti le discussioni transdisciplinari.

In "Perché gli animali hanno bisogno di psicologia" leggiamo le seguenti dichiarazioni (in corsivo):

Lo studio sull'orso illustra chiaramente la necessità di un approccio psicologico allo studio del benessere e delle condizioni degli animali rispetto all'approccio etologico (cioè comportamentale degli animali).

– Non vedo come si potrebbe effettivamente sostenere che un approccio etologico che si concentra sulle prospettive evolutive ed ecologiche del comportamento animale e della sensibilità animale non sarebbe anche prezioso oltre ad un approccio psicologico, che, secondo i miei amici psicologi, si concentra più sui meccanismi e le cause prossime del comportamento rispetto a un approccio etologico. Non si oppongono l'un l'altro, ma piuttosto si completano a vicenda. Certo, ci sono alcuni psicologi che studiano anche l'evoluzione e l'ecologia e alcuni etologi che studiano anche meccanismi e cause prossime del comportamento.

I dati etologici hanno prodotto un falso negativo, indicando che il comportamento da solo non è sufficiente come misura del benessere degli animali.

– Non conosco nessun etologo che affermi che il comportamento da solo può essere sufficiente come misura del benessere animale. Mentre il comportamento spesso è un buon indicatore di ciò che gli animali pensano e sentono, è logico che abbiamo bisogno di sapere cosa sta accadendo nel cuore e nella testa di un animale. In effetti, nel suo classico libro The Study of Instinct, l' etologo Nobel Nobel ha sottolineato, agli albori dell'etologia, come molti altri, che dobbiamo preoccuparci delle cause esterne e interne del comportamento. Il superbo libro di Richard Burkhardt, Patterns of Behavior: Konrad Lorenz, Niko Tinbergen, e il fondatore di Ethology espongono chiaramente gli ampi interessi degli etologi classici e fornisce "una riccamente strutturata ricostruzione della trasformazione dell'etologia da un tranquillo scenario naturale della storia alla all'avanguardia delle scienze biologiche ". Esistono anche informazioni preziose nei Fondamenti di etologia comparata di Gordon Burghardt.

Mentre il comportamento animale, o l'etologia come è anche noto, è stata la tradizionale autorità designata di cosa e perché gli animali fanno quello che fanno, è giunto il momento per un approccio intellettuale più ampio se gli interessi degli animali devono essere ben serviti.

– Un approccio intellettuale più ampio dovrebbe essere transdisciplinare, accogliendo input da molte aree diverse. E, in effetti, questo è ben dimostrato dalle persone che lavorano nei vasti campi degli studi sugli animali, antropologia, conservazione compassionevole e comportamento di conservazione. Pochi, se non nessuno, sono esperti nei molti campi diversi che generano informazioni che possono aiutare altri animali bisognosi.

C'è un " bisogno di ricondurre la ricchezza della competenza e del metodo etologico sotto l'ombrello sinottico della psicologia e della sua controparte di substrato, la neuroscienza. Ci sono ragioni etiche e pratiche per la fusione disciplinare dell'etologia con la psicologia ".

– Non vi è alcuna ragione, o via, che l'etologia sarà, o potrebbe essere, sussunta dalla psicologia (si prega di vedere la mia risposta alla prossima richiesta per maggiori dettagli sul campo dell'etologia). Quando il classico libro del famoso biologo EO Wilson ha chiamato Sociobiology: The New Synthesis è apparso nel 1975, sono state fatte delle previsioni che la sociobiologia avrebbe inghiottito altre discipline come l'etologia e l'ecologia comportamentale, tuttavia, è successo esattamente il contrario, dato che ogni campo è sbocciato e ha contribuito in diversi modi, quando i dati lo consentivano, all'agenda ampia della sociobiologia. La larghezza è buona e la riduzione di numerose discipline diverse a una singola non può, e semplicemente non ha funzionato.

Ignorando la psiche, il comportamento animale riduce l'esperienza soggettiva dell'individuo a semplici segni, marcatori passivi che presuppongono l'incapacità di un animale di esprimere la voce. Al contrario, un inquadramento psicologico vede il comportamento come uno tra molti sintomi attraverso i quali parla un animale.

– Gli etologi hanno sempre pensato che il comportamento fosse solo un modo in cui gli animali ci parlano. In effetti, gli etologi non hanno ignorato le psiche animali. Seguendo il lavoro classico dell'etologia del premio Nobel Niko Tinbergen in cui sottolineava che gli studi sul comportamento dovrebbero incentrarsi su quattro aree di indagine, vale a dire l'evoluzione, l'adattamento, la causalità e l'ontogenesi (sviluppo), in un saggio chiamato Amending Tinbergen: Un quinto obiettivo per l'etologia, Gordon Burghardt ha aggiunto una quinta area che ha definito "esperienza privata" alla lista di Tinbergen. Inoltre, Dale Jamieson e io abbiamo scritto un documento intitolato "Scopi e metodi dell'etologia cognitiva" in cui abbiamo dimostrato quanto il lavoro di Tinbergen sia stato fruttuoso e influente nello studio delle menti animali. Quindi, mentre alcuni etologi e altri studenti di comportamento animale, inclusi gli psicologi, potrebbero aver cancellato e continuare a cancellare le menti degli animali, numerosi etologi hanno notato che dobbiamo conoscere e apprezzare le menti animali e ciò che è in esse, quindi l'enorme crescita del campo dell'etologia cognitiva.

Mentre gli etogrammi silenziano, oggettivizzano e negano la sensibilità e l'azione degli animali non umani, i sintomi psicologici comunicano in un linguaggio condiviso da tutti gli esseri senzienti. In tal modo, la psicologia trans-specie emerge come l'architettura intellettuale dei diritti degli animali e l'autodeterminazione. [5]

– Mentre gli etogrammi, elenchi descrittivi di modelli comportamentali eseguiti dagli animali, possono mettere a tacere e smentire la sensibilità animale, gli etologi stessi non hanno sicuramente, come ho notato sopra. Gli etogrammi sono tradizionalmente solo elenchi di modelli comportamentali che possono cambiare nel tempo man mano che gli animali vengono studiati, il cui sviluppo attento è un primo passo cruciale in qualsiasi studio sul comportamento. Dovrebbe essere chiaro che non vedo nessun singolo campo emergere come un'architettura intellettuale e quindi includere tutti gli altri mentre procediamo per saperne di più e per proteggere altri animali da abusi sfrenati e senza precedenti in quella che viene definita l'era dell'umanità, l'antropocene. E, ancora una volta, posso facilmente indicare il nuovo diario chiamato Animal Sentience che rende molto chiara l'importanza del contributo da molti diversi campi di indagine.

Molti lavorano assiduamente per salvare i nostri parenti della fauna selvatica, ma i metodi di conservazione spesso contribuiscono a risolvere il problema. La maggior parte degli "strumenti" di conservazione sono difficili da distinguere da quelli di estirpazione.

Mentre molti altri e io ho sostenuto che la conservazione deve essere ripulita e lo spargimento di sangue "nel nome della conservazione" deve cessare immediatamente, la compassionevole conservazione e il comportamento di conservazione stanno emergendo e stanno davvero aiutando molti altri animali. In effetti, la conservazione compassionevole è fondata sui principi del "Primo non nuocere" e che la vita dei singoli animali è importante, e ci sono stati un buon numero di cambiamenti nelle pratiche di conservazione che funzionano a favore di altri animali. In effetti, numerose persone stanno lavorando duramente per fermare le pratiche insanguinate della conservazione tradizionale (si veda, ad esempio, il sito Web del Centro per la conservazione compassionevole).

L'etologia non è morta, non ha una copertura da soffiare e non sarà divorata dalla psicologia

Quindi, per concludere, la copertura dell'etologia, qualunque cosa possa essere stata presa per essere, non è stata soffiata – non c'è davvero copertura quando l'etologia è incassata come la scienza che è – e nessun ramo della psicologia o di qualsiasi altra disciplina sta per Trump o sussume tutti gli altri campi in cui le persone stanno cercando di conoscere e per proteggere altri animali. Le persone con interessi e programmi diversi devono collaborare e, ovviamente, la ricerca non invasiva è la strada da seguire. L'etologia non è morta. In effetti, l'etologia è viva, vegeta e prospera, come dovrebbe essere.

Quindi, la psicologia è importante? Ovviamente è. Ma lo sono anche molti altri campi di indagine, e proprio come la sociobiologia non ha inghiottito altre discipline correlate, né la psicologia né la volontà lo possono mangiare e creare un ordinato pacchetto di metodi, interpretazioni e spiegazioni.

Nessun campo è la panacea dorata. L'etologia non è la risposta, né la psicologia è la risposta. Né solo può fare il duro lavoro che deve essere fatto. Sicuramente non abbiamo bisogno di guerre di torba né di altri animali che dipendono da noi per le loro stesse vite.

Ecco perché dobbiamo lavorare tutti insieme e non cercare di sconfiggere o sottomettere gli altri che stanno anche lavorando duramente per conto di altri esseri animali.

L'apprendimento del comportamento, delle menti e dei cuori di altri animali è sicuramente uno sforzo eclettico. L'affascinante schiera di animali a cui siamo interessati, i modelli di comportamento incredibilmente diversi che mostrano e l'enorme varietà di problemi con cui i non umani e gli umani sono affrontati, sostengono con forza e chiarezza un ampio approccio transdisciplinare in cui le persone lavorano insieme , mentre procediamo verso una pacifica convivenza e la fine di un orribile abuso globale di animali una volta per tutte.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di Jasper: Saving Moon Bears (con Jill Robinson), Ignorando la natura non più: il caso di una conservazione compassionevole , perché i cani e le api si deprimono , risvegliano i nostri cuori: costruendo percorsi di compassione e convivenza e Jane Effetto: celebra Jane Goodall (edita con Dale Peterson). (marcbekoff.com; @MarcBekoff)

Solutions Collecting From Web of "L'etologia non è stata soffiata: gli animali hanno bisogno di aiuto"