"L'etichettatura del peso" è dannosa e legata all'obesità successiva

"Sheila" è stata consapevole del suo peso per tutto il tempo che riesce a ricordare. Quando ripercorre a sé le foto di se stessa, nota che, sebbene fosse lontana dalla donnina, anche lei era tutt'altro che obesa. Tuttavia, lei ricorda i frequenti giudizi dei suoi genitori sui pesi propri e degli altri. "Per i miei genitori, la magrezza rappresentava tante cose: attrattiva, autocontrollo, persino essere moralmente superiori in qualche modo."

Quando Sheila ha guadagnato peso durante la pubertà, il feedback dei suoi genitori a lei è stato inequivocabile: "Non importa cosa, non ingrassare ." Sheila ora crede che le sue precedenti paure sull'aumento di peso, i sentimenti di vergogna per il suo corpo, l'ansia per le opinioni altrui di lei, e il risentimento dei tentativi dei suoi genitori di controllarla hanno contribuito alla sua attuale obesità.

Ho visto un certo numero di "Sheila's" nel mio lavoro clinico e le loro storie hanno molte somiglianze. Sheila e altri hanno notato che la perdita di peso è controproducente per i loro sforzi di perdita di peso, e recenti ricerche sostengono che etichettare i bambini come grassi può comportare conseguenze significative e malsane per loro lungo la strada.

Gli individui in sovrappeso sono spesso stereotipati come pigri, senza successo o con un autocontrollo inadeguato, e la stigmatizzazione può venire da estranei e da coloro che sono vicini all'individuo. Spesso, i sovrappeso sono bersagli di commenti ipercritici, discriminazione e bullismo. La discriminazione basata sul peso ha gravi conseguenze, tuttavia, tra cui una minore autostima, depressione, riduzione della soddisfazione di vita e una minore salute fisica. Inoltre, la stigmatizzazione del peso è stata collegata a comportamenti alimentari problematici, tra cui abbuffate, così come l'evitare l'esercizio fisico – tutti fattori che aumentano il rischio di obesità.

In una società in cui il sovrappeso è associato ad attributi negativi e dove molti eguagliano la magrezza con la virtù, la famiglia e gli amici possono tentare di affermare il controllo sul comportamento di un bambino attraverso l'etichettatura o inducendo vergogna legata all'aumento di peso. Come per gli adulti, lo stigma del peso e il bullismo sono associati ad effetti negativi sui comportamenti e sul benessere della salute dei bambini. Inoltre, un nuovo studio ha scoperto che etichettare semplicemente le ragazze come "grasse" è significativamente correlato con il diventare obesi dieci anni dopo.

Ricercatori finanziati dall'Istituto Nazionale Cuore, Polmone e Sangue hanno seguito oltre 2000 ragazze dai 10 ai 19 anni. Hanno scoperto che le ragazze che erano state etichettate come "troppo grasse" all'età di 10 anni avevano statisticamente una maggiore probabilità di diventare obese a 19 anni. , questo effetto era indipendente dagli indici di massa corporea (BMI) delle ragazze durante l'infanzia. In altre parole, l'etichettatura dei grassi nell'infanzia era associata a un aumento delle probabilità di diventare obesi a 19 anni, indipendentemente dal fatto che il bambino fosse sovrappeso o meno all'inizio dell'etichettatura. Questi risultati si sono mantenuti anche dopo aver controllato gli effetti del reddito familiare, del livello di educazione dei genitori, della razza e dell'età del primo periodo mestruale. L'impatto negativo dell'etichettatura del peso era leggermente più pronunciato quando i membri della famiglia erano la fonte dell'etichettatura. I ricercatori hanno concluso che l'etichettatura può mettere in moto processi "ossessogeni" legati allo stress e innescare comportamenti di coping che si traducono in un eccesso di peso.

In sintesi, la discriminazione basata sul peso e la stigmatizzazione sono entrambe comuni e legate a una minore salute emotiva e fisica in quelle t

Fat Shaming è dannoso

argeted. L'etichettatura del peso nell'infanzia è stata collegata a una maggiore probabilità di diventare obesi da giovane età adulta. "Fat shaming" e altre risposte negative al peso sono controproducenti per lo sviluppo di abitudini sane e dannose in generale.

Hunger, JA, & Tomiyama, AJ (2014). Weight Labelling and Obesity: uno studio longitudinale su ragazze di età compresa tra 10 e 19 anni. JAMA Pediatr . Pubblicato online il 28 aprile 2014. doi: 10.1001 / jamapediatrics.2014.122

Sutin AR, Terracciano A (2013) Perceived Weight Discrimination and Obesity. PLoS ONE 8 (7): e70048. doi: 10.1371 / journal.pone.0070048

Solutions Collecting From Web of ""L'etichettatura del peso" è dannosa e legata all'obesità successiva"