L'etica sessuale di Star Wars

Ora che quasi tutti hanno visto l'ultimo film di Star Wars, Episodio VII, Il Risveglio della Forza, la speculazione sulla blogosfera abbonda a quella di Rey. Chi è lei comunque? Quali membri della famiglia non tornano mai a prenderla?

Due teorie prevalgono. È la figlia di Luke, come il film ci porta a credere (sottintendendo che ha generato un figlio poco dopo la fine dell'episodio VII)? O è la nipote di Obi Wan (sottintendendo che Obi Wan ha generato un figlio nel deserto tra gli Episodi III e IV, mentre aspettava che Luke crescesse)?

Trovo entrambe le opzioni preoccupanti: o un cavaliere Jedi ha infranto il codice Jedi e ha formato un attaccamento personale a una donna, oppure ha fatto sesso con qualcuno con il quale non ha coltivato un attaccamento personale. Ad ogni modo, entrambe le interpretazioni mettono a nudo un grosso problema che ho con il mondo Jedi fino ad oggi: l'amore erotico è una trasgressione.

Se si suppone che i Jedi siano modelli di onestà e integrità, allora perché aspettarsi che rompano i loro voti? Non abbiamo imparato dall'esperienza di Anakin nell'episodio II? Anakin era il Jedi che si innamorò-chi ha infranto il codice Jedi (Episodio II). Era il Jedi il cui amore per Padme lo faceva impazzire così tanto da temere di soccombere al Lato Oscuro, nella (falsa) speranza di assicurarsi potere sulla sua vita e morte (Episodio III).

Potresti rispondere che Luke non avrebbe potuto violare un voto Jedi perché non ne prendeva alcuno ufficiale. Non c'era alcun Consiglio Jedi durante i suoi anni di addestramento (Episodio VI & V); i membri del Consiglio erano stati tutti uccisi. Eppure Luca si è allenato con due dei migliori Jedi-Yoda e Obi Wan. Si è allenato con i due Jedi che erano stati più vicini a suo padre Anakin.

Forse Yoda e Obi Wan hanno imparato dall'esperienza di Anakin che il celibato non funziona. È più probabile, tuttavia, che l'incidente abbia affermato la loro convinzione che l'amore erotico ostacola la capacità di una persona di usare la Forza per il bene comune.

Inoltre, la pratica Jedi di distaccarsi da particolari relazioni umane appare come parte integrante della loro chiamata. Come suggerito nell'Episodio II, i Jedi considerano la mancanza di attaccamento personale una chiave per percepire e usare la Forza. Ascolta Obi Wan: "Non lasciare che i tuoi sentimenti personali interferiscano".

Oppure ascolta Anakin, quando ti innamori di Padme: "L'attaccamento è proibito. Il possesso è proibito La compassione, che definirei amore incondizionato, è essenziale per la vita di un Jedi. "Anakin, piegando l'insegnamento al suo stesso desiderio, aggiunge:" Quindi potresti dire che siamo incoraggiati ad amare ".

Ma questo amore lo fa impazzire. "Il pensiero di non essere con te – non posso respirare. Sono ossessionato dal bacio che non avresti mai dovuto darmi. Il mio cuore batte … sperando che quel bacio non diventi una cicatrice. Sei nella mia stessa anima, tormentandomi … cosa posso fare? Farò qualsiasi cosa tu chieda "(Episodio II).

In breve, la pratica Jedi di distaccarsi da particolari relazioni umane è rappresentata come condizione abilitante della loro capacità di usare il potere della Forza per il Bene . Solo in assenza di attaccamenti e possedimenti, solo senza sentimenti personali per offuscare il loro giudizio, un Jedi sarà libero di amare incondizionatamente e mostrare compassione per tutti gli esseri allo stesso modo. La logica ricorda quella che si insinua nel sacerdozio cattolico.

Un voto Jedi del celibato, a questo riguardo, non funziona come un vincolo esterno; serve come affermazione pubblica di una svolta interiore che i Jedi coltivano in ogni momento della loro vita. Esprime la realtà che hanno praticato dall'età di 5 o 6 anni, quando sono separati dalle loro famiglie e inviati all'Accademia Jedi.

Agire diversamente, come Jedi, richiederebbe l'inganno. Come Padme avverte Anakin: "Vivremmo una bugia. Uno che non siamo riusciti a mantenere, anche se volessimo. Non potrei farlo. Potresti, Anakin? Potresti vivere così? "(Episodio II) Si scopre che potrebbe; e così poteva lei. Fino a quando non possono.

Data l'importanza di questa pratica, è improbabile che Luke o Obi Wan rinuncino semplicemente al non attaccamento a meno che non desiderino più servire come Jedi. Obi Wan dice a Luke: "Una volta ero un Jedi, lo stesso di tuo padre"; tuttavia, dice anche criptico, dicendo a Luke: "Darth Vader ha ucciso tuo padre", quando Darth Vader è suo padre (episodio IV). È evidente che Obi Wan vuole suscitare in Luke il desiderio di prendere il mantello e diventare anche un Jedi.

Per quanto riguarda Luke, appare alla fine dell'episodio VII in piedi da solo sul bordo di una scogliera, in attesa di Rey. Sul pianeta terra, questa scogliera in cima a un piccolo sperone roccioso, un'ora di navigazione dalla costa occidentale dell'Irlanda. Su quest'isola, Skellig Michael, dal sesto al tredicesimo secolo, un gruppo rotante di monaci cristiani celtici visse come eremiti in capanne alveari costruite in pietra sovrapposta, in attesa che Dio venisse dall'Occidente.

World Heritage Ireland/Skellig Michael
Fonte: Patrimonio mondiale Irlanda / Skellig Michael

Certo, sia Obi Wan che Luke sono umani. O uno potrebbe aver fatto un "errore". Ma perché allora l'amore erotico è considerato un errore? Forse hanno concluso che avevano bisogno di rompere i loro voti al fine di produrre bambini con un alto conteggio midi-chlorian (un segno di una sensibilità alla Forza (episodio I)). Ma non sappiamo che questa caratteristica genetica sia ereditaria. Luca dice che la Forza è "forte nella mia famiglia" (episodio VI); Anche Leia ce l'ha. Ma appare anche a caso – come ha fatto con Anakin in primo luogo, egli stesso la progenie di una nascita verginale (episodio I).

Nelle Episodi I-VI, l'unico altro incidente di un Jedi sulla soglia dell'amore erotico (Luca in relazione a Leia) è facilmente risolto con la rivelazione che i due sono gemelli.

Non siamo pronti per qualcosa di più? Non siamo pronti per un amore erotico che non appare come distrazione o tentazione dalla più alta vocazione? Non siamo pronti per un eroe che si rende conto che la sua abilità e addestramento con la Forza è in realtà una condizione abilitante di amore appassionato per tutta la vita? Non siamo pronti ad affermare che fare sesso e fare figli non è solo per "gente comune", ma in realtà richiede le stesse virtù e valori – i quasi superpoteri – associati al lavoro della Jedi Force?

Tutto ciò ci riporta a Rey. Una nuova speranza, davvero. L'episodio VII termina mentre offre a Luke la sciabola leggera che ha lasciato dietro di sé – la sciabola leggera che le è venuta quando l'ha chiamata – quando ha usato la Forza senza che gli sia mai stato insegnato come. Potrebbe Rey inaugurare una Riforma di Star Wars?

A quella deliziosa possibilità, offro alcune note preliminari per una "Guida Jedi all'amore appassionato per tutta la vita".

1. Usa la forza . Quando Obi Wan consiglia a Luke di usare la Forza quando affina il bersaglio della Morte Nera, lo incoraggia ad aprire un campo di consapevolezza sensoriale che non è dominato da pensieri razionali, emozioni travolgenti o attaccamenti personali. Il pensiero è troppo lento. Le emozioni sono troppo volatili. Attacchi all'orgoglio, autocoscienza, o vendetta, intenzione della nuvola e piegare l'attenzione.

Qui, la Forza è un campo di consapevolezza sensoriale caratterizzato dalla ricettività. Non è solo una ricettività alla presenza di altre persone, ai pensieri e ai sentimenti di altre persone (come quando Luke avvisa Leia di dove si trova, e di essere nei guai (episodio V)).

Ancor più al punto, la Forza segna l'abilità di ricevere e seguire attraverso gli impulsi per muovere che sorgono nel momento, per il momento, allineando l'azione del Jedi con ciò che è meglio per il bene comune, con il compito che deve essere fatto per salvare ciò che può essere salvato. Un Jedi risponde a ciò che sta accadendo nel momento, istantaneamente, abilmente, rimuovendo brillantemente l'arma dall'avversario nascosto prima ancora che appaia.

Un amore appassionato per tutta la vita non richiede niente di meno. I partner coltivano un campo di consapevolezza sensoriale in cui sono ricettivi, non solo ai reciproci pensieri e sentimenti, ma a impulsi di movimento, che sorgono in essi, che esprimono l'amore che più vogliono creare. Fare ciò richiede libertà – dal sovra-pensiero, dalle ferite del passato, dai modelli abituali e dall'ego personale.

2. Fai o non fare, non c'è prova . Sviluppare la capacità di usare la forza richiede pratica – e non il tipo "Penso di poter, forse domani". Stai usando la Forza o meno, e se non funziona, lo fai di nuovo.

Questa persistenza è essenziale, poiché i Jedi sono umani. Saranno dati a un eccesso di razionalizzazione. Sentiranno le emozioni, forse anche quelle rese più grandi dalla loro consapevolezza sensoriale. C'è sempre un pericolo. Come dice Yoda: "La paura porta alla rabbia. La rabbia porta all'odio. L'odio porta alla sofferenza "(Episodio I). Atti di paura e odio distruggono le vite. Distruggono l'amore.

Allo stesso tempo, quando si usa la Forza, i Jedi aprono uno spazio dove queste emozioni possono riverberarsi – uno spazio in cui i Jedi possono discernere la verità di quelle emozioni, il desiderio al centro – come quando Luca, di fronte a Darth Vader, non crogiolarsi nella rabbia e nell'amarezza, nell'odio o nella vendetta, ma trova compassione e amore nel cuore del proprio dolore. Usando la Forza, Luke apre uno spazio dentro di sé in cui la paura si trasforma in qualcosa di diverso dalla rabbia – e così facendo, Luke invita e consente ad Anakin di rispondere a turno. L'equilibrio nella Forza viene ripristinato. L'amore vince.

Un amore appassionato per tutta la vita non richiede niente di meno.

3. Controllo mentale Jedi . Rey ha capito come usare la Forza per costringere altre persone ad agire quando catturato da Kylo Ren (Ben Solo) e sorvegliato da un clone. Deve farlo un paio di volte, prima che funzioni: "Libererai le mie restrizioni e lascerò la cella con la porta aperta" (Episodio VII).

La chiave qui è che Jedi Mind Control funziona non solo cambiando la mente di qualcuno. Funziona inserendo nella mente dell'altro un pensiero che il Jedi vuole che l'altro pensi.

Un amore appassionato per tutta la vita richiede qualcosa di simile – vissuto esternamente piuttosto che interiormente. I partner devono chiedersi l'un l'altro per ciò di cui hanno bisogno; e a volte ciò implica dare alla persona partner un suggerimento su cosa dire o fare che possa aiutare quel partner a riuscire a fare ciò che lui o lei vuole fare: connettersi. Fatto senza paura o rabbia, e forse un cenno della mano.

Ogni partner insegna; ognuno impara. E quando il ciclo di insegnamento e apprendimento continua, la Forza si risveglia.

*

Ci sono un paio di momenti allettanti nell'episodio VII che danno speranza per una Riforma di Star Wars.

Il primo è all'inizio, quando Rey rimprovera Finn: "Smettila di tenermi la mano." Basta con il patriarcato paternalistico. Lei può prendersi cura di se stessa. Eppure, quando necessario, Rey e Finn si aiutano a vicenda, e poi, senza scrupoli. Lavorano insieme.

Inoltre, Finn sta ovviamente sviluppando un affetto per Rey. Se diventerà o no un Jedi è in aria. Tuttavia, già il suo affetto non distorce la sua capacità di agire per il bene comune. In effetti, lo abilita. Quando Finn è pronto a girare la coda e scappare dal Primo Ordine, il suo legame con Rey lo attira, per allineare il suo cuore e la sua mente con la Resistenza.

Possa continuare ad essere il caso che l'amore per gli altri particolari catalizzi il nostro desiderio di lavorare per la giustizia e la pace in un mondo in cui tutti noi possiamo vivere. Ovunque sia.

Rimanete sintonizzati.

Solutions Collecting From Web of "L'etica sessuale di Star Wars"