L'etica medica è più sana dell'etica aziendale

Rispetto alla maggior parte degli altri nella società, i medici approvano, e sono tenuti a, standard etici più elevati. (Per illustrare, qui ci sono i codici etici da AMA e World Medical Association.) Gli alti standard si applicano anche ai professionisti di altri settori, in particolare fiduciari come avvocati, commercialisti, insegnanti di scuola e giudici. Ma gli standard di etica medica possono essere tra i più severi. Mettiamo il benessere del paziente al primo posto e qualsiasi cosa interferisca con questo obiettivo primario, in particolare il guadagno personale, è considerato un conflitto di interessi (COI). Ad esempio, è legittimo fare soldi come medico, vale a dire, per guadagnarsi da vivere, ma non in alcun modo che toglie il benessere del paziente. Queste non sono distinzioni in bianco e nero, tuttavia, e le polemiche di disegno a tratteggio abbondano. Offrire un trattamento non necessario unicamente per aumentare il reddito è sempre immorale. Ma che dire del limitare la propria pratica in modi redditizi o comunque piacevoli: i chirurghi ortopedici che praticano nelle località sciistiche, i chirurghi plastici che fanno solo interventi di chirurgia estetica? Che ne dici di scegliere una specialità più redditizia in primo luogo? Accettando solo determinati tipi di assicurazione o nessuna? Ricarica per sessioni perse o tardive? Senza tentare di risolvere nessuno di questi esempi qui, è degno di nota quanta preoccupazione è espressa, e inchiostro versato, su come i medici praticano. Per sfuggire completamente alle controversie, dovremmo fare voto di povertà e offrire i nostri servizi gratuitamente.

Al contrario, molte altre attività che influenzano la salute non condividono l'etica del medico. Il disegno a linee precise non si applica chiaramente. Le aziende produttrici di bibite vendono il diabete insieme al ristoro, gli integratori vengono adornati con dubbi sulla salute. Lo snack può essere malsano. I produttori e i rivenditori di attrezzature per esercizi non hanno bisogno di indirizzare i clienti verso prodotti più adatti dalla concorrenza. Si può persino sostenere che le nuove auto, per non parlare dei videogiochi, dei film e di molti altri prodotti, scoraggiano le persone dall'esercitarsi. "Il benessere del paziente" non è una priorità per la maggior parte delle aziende, non si tratta di pazienti. Non esiste un codice generale di etica aziendale che renda la salute il suo obiettivo primario. Quindi, in casi estremi, il governo – noi la gente – interviene limitando ad esempio le pubblicità di tabacco e alcolici o ispezionando la carne. Questa è una delle ragioni per cui abbiamo un governo: stabilire priorità, comprese le priorità etiche, che un libero mercato non governativo non possa o meno.

Alcune aziende si occupano esplicitamente di pazienti, ma non condividono ancora gli standard etici del medico. Le compagnie di assicurazione pubblicano annunci di buon umore che oscurano il loro mandato di contenimento dei costi. Le società mediche attirano clienti o abbonati che sono "vite coperte" rispetto ai singoli pazienti. Le aziende farmaceutiche attirano il pubblico con tutti i trucchi irrazionali usati per vendere altri prodotti, quindi attaccano "chiedi al tuo dottore" per assolverti da qualsiasi responsabilità medica. I benefit manager della farmacia (PBM) possono non consentire la prescrizione di un medico esclusivamente in base al costo e senza assumersi la responsabilità medica. Questi sono tutti enormi "conflitti di interesse" dal punto di vista di un medico. Ma il COI non si applica allo stesso modo alle entità con un'etica professionale meno rigorosa, in cui l'obiettivo primario è il profitto, non la salute.

Questo rende il nostro fardello più difficile. Per la maggior parte, non spetta alle case farmaceutiche evitare di influenzare i medici con i loro sforzi promozionali. Sta a noi. Inoltre, tocca a noi contrastare i pregiudizi malsani instillati nel pubblico, come la volontà di usare un antipsicotico con significativi effetti collaterali per curare la depressione di routine. Allo stesso modo, fintanto che gli assicuratori e le PBM sono corporazioni, nessuno li costringerà a persuadere la morale o codici etici per mettere in secondo piano i loro interessi economici. Non è un conflitto per un'azienda massimizzare il rendimento per i suoi azionisti; è la ragione principale per cui esistono. Infatti, troppa preoccupazione per il benessere del paziente potrebbe essere criticata, ad esempio, in una riunione degli azionisti, come un COI che impedisce questo obiettivo primario.

I medici sono tenuti a norme che sarebbero assurde praticamente in qualsiasi altra attività. Storicamente, questi standard etici più elevati ci hanno dato uno status speciale nella società e hanno guadagnato la fiducia dei nostri pazienti. L'erosione di questo stato speciale e della fiducia dei pazienti è sia una causa che un effetto di un ambiente sanitario con standard etici più bassi, più professionali. L'accelerazione della corporatizzazione della medicina americana sostituisce l'etica medica tradizionale con lo standard più ampio di etica degli affari. Le decisioni MD sono ora bloccate dal veto degli MBA. Di conseguenza, i pazienti possono vederci come tecnici sostituibili in un'infrastruttura aziendale e perdere i benefici di un medico personale. Parallelamente, i medici che sono visti dai loro pazienti e datori di lavoro come semplici ingranaggi nella ruota di un grande sistema sono più adatti a rilassare i loro elevati standard etici. Ho paura sia per la nostra professione che per il pubblico, mentre questo circolo vizioso continua.

Mentre noi medici siamo impegnati a mantenere la nostra etica e ad osservare le COI, gli altri "soggetti interessati" nell'assistenza sanitaria operano con meno vincoli etici e godono di maggiori profitti, spesso direttamente a nostre spese. Può essere esasperante, ma i medici non hanno una voce unificata per difendere noi stessi e il nostro lavoro. Le soluzioni proposte sono inevitabilmente politiche e ci polarizzano lungo linee politiche profondamente divise, sinistra contro destra. In definitiva, però, l'etica medica tradizionale e il benessere pubblico sono dalla stessa parte. I medici esistono per aiutare i singoli pazienti – e saremo tutti pazienti individuali un giorno. La sfida incombente è se possiamo mettere da parte le nostre lotte intestine abbastanza a lungo da salvare noi stessi, le nostre famiglie e i nostri vicini.

Immagine del teaser per gentile concessione di Stuart Miles su FreeDigitalPhotos.net

© 2015 Steven Reidbord MD. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "L'etica medica è più sana dell'etica aziendale"