L'etica del credito extra: un caso da meditare

Nel nostro recente articolo, Ethical Teaching in the Classroom and Beyond , Doug Woody e io presentiamo il seguente caso:

Credito extra. In un corso introduttivo di psicologia il professore, il dott. Hamilton, decide di offrire crediti extra se gli studenti si registrano per votare nelle prossime elezioni. Hamilton lavora per un gruppo di voto favorevole affiliato a un'iniziativa di voto per aumentare la spesa per l'istruzione e offre agli studenti l'aiuto per il giorno delle elezioni per alcuni punti extra di credito.

E 'etico per il Dr. Hamilton fare questa offerta? Qual è la tua reazione a livello di pancia? Come potresti decidere? Quali sono i criteri per giudicare l'etica del credito extra? Perché tutte queste domande?

Sto facendo queste domande perché il credito extra è un problema comune, complesso e controverso. Secondo un'interessante indagine di Hill, Palladino, & Eison (1993), molti professori di psicologia usano assegnazioni di credito in più, e la maggior parte sembra pensarci. Una scoperta è che i professori hanno maggiori probabilità di utilizzare assegnazioni di crediti extra quando vedono in essi un valore educativo. Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che dare quiz pop extra-credit aiuta gli studenti a imparare meglio (Fuad & Jones, 2012). Alcune opportunità di credito extra che Hill e i suoi colleghi hanno chiesto sembrano molto pertinenti e utili, ad esempio "fare un documento di ricerca", "riassumere un documento di ricerca" e "rispondere correttamente a domande di saggi facoltative su un esame".

Un criterio per il credito extra etico, quindi, è la beneficenza . L'attività dovrebbe avere valore o beneficio educativo. E il valore deve essere correlato al contenuto del corso. Hill e i suoi colleghi presentano alcune idee per crediti extra che non hanno alcun rapporto con il corso. Adottare un animale domestico. (Davvero?) Donare il sangue. Queste sono cose carine da fare, ma non correlate al contenuto del corso. Se il dottor Hamilton stava insegnando scienze politiche, l'esperienza della registrazione al voto potrebbe (potrebbe!) Essere OK, ma probabilmente non nella psicologia dell'introduzione.

Nella misura in cui il Dr. Hamilton sta portando avanti la sua agenda personale / politica a spese dell'istruzione dei suoi studenti, ha un evidente conflitto di interessi . Ad esempio, sarebbe chiaramente sbagliato dare un credito extra solo agli studenti che votano in un certo modo. Il conflitto sarebbe meno ovvio (ma ancora lì) se la registrazione fosse l'unico motivo di credito.

Ecco un interessante conflitto di interessi: l'attività di credito extra più comune nei corsi di psicologia è quella di far partecipare gli studenti a ricerche fatte da docenti o dottorandi. Ai professori piace dire che tale partecipazione è legata alla psicologia, che è. A loro piace anche dire che ha qualche valore educativo, che spesso fa. Alcuni professori, tuttavia, amano dire che la ragione per cui danno credito extra (o richiedono) tale partecipazione è a beneficio degli studenti. La mia opinione: non è questo il caso: il credito o il requisito extra esiste principalmente a beneficio dei ricercatori . Le mie prove per questa opinione? Nella mia esperienza, non ho mai visto un dipartimento creare esperienze di partecipazione alla ricerca per gli studenti quando i membri della facoltà non hanno bisogno di partecipanti. La mia soluzione: cerchiamo di essere onesti con noi stessi e con i nostri studenti che gli interessi dei docenti svolgono un ruolo e rendono l'esperienza di partecipazione alla ricerca il più possibile educativa per gli studenti.

La giustizia è un altro principio etico rilevante. L'opportunità di credito extra è disponibile per tutti gli studenti? La maggior parte degli psicologi (Hill et al., 1993) sembrano ritenere che il credito extra dovrebbe essere disponibile per tutti gli studenti, non solo quelli con voti brutti o quelli che lo chiedono. Cosa succede se molti studenti della classe di Dr. Hamilton si sono già registrati per votare, o non sono idonei a registrarsi, o sono impegnati nel giorno delle elezioni?

Un'altra considerazione per ora: un professore nel sondaggio Hill ha detto: "Credo che il credito extra sconfigga lo scopo di conoscere il materiale." Se gli studenti ottengono un voto più alto a causa dello sforzo tangenziale al corso, che cosa significa il voto? Prendiamo questo all'estremo: immaginati sul tavolo operatorio, e il tuo chirurgo dice: "Non ho mai imparato a rimuovere un'appendice, ma mi sono laureato dalla mia residenza perché ho adottato un cucciolo!"

Mi piacerebbe sentire le tue opinioni su questi problemi. Sarei disposto a offrire un credito extra …

Riferimenti:

Fuad, M .M., & Jones, EJ Usando crediti extra per facilitare l'apprendimento extra negli studenti. International Journal of Modern Education and Computer Science, 4 (6), 35-42.

Handelsman, MM, & Woody, WD (in corso di stampa). Insegnamento etico in classe e oltre. In DS Dunn (a cura di), The Oxford Handbook of Undergraduate Psychology Education (in The Oxford Library of Psychology Series). New York: Oxford University Press.

Hill IV, GW, Palladino, JJ, & Eison, JA (1993). Sangue, sudore e curiosità: valutazioni della Facoltà di opportunità di credito extra. Teaching of Psychology, 20 (4), 209-213.

=======================

Mitch Handelsman
Fonte: Mitch Handelsman

Mitch Handelsman è professore di psicologia all'Università del Colorado, Denver. Il suo libro più recente è una collaborazione con il musicista pionieristico Charlie Burrell sull'autobiografia di Burrell. Mitch è anche coautore (con Sharon Anderson) di Ethics for Psychotherapists and Counselors: A Proactive Approach (Wiley-Blackwell, 2010) e un editor associato del manuale in due volumi dell'APA Handbook of Ethics in Psychology (American Psychological Association, 2012).

© 2015 di Mitchell M. Handelsman. Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "L'etica del credito extra: un caso da meditare"