Let It Hurt, Let It Heal

In un dato giorno negli Stati Uniti, vengono erogate quasi 700.000 prescrizioni per i farmaci antidolorifici. Se questo numero ti sembra sconcertante, è perché lo è, soprattutto se consideri che i tassi di dipendenza da oppioidi e overdose in questo paese sono ai massimi storici. Ciò che può iniziare come una pillola qui o là per gestire il dolore può rapidamente districarsi in una dipendenza debilitante. Non tendiamo (o vogliamo) a pensarci in questo modo, ma molte delle persone che muoiono per overdose di eroina sono iniziate in uno studio medico. Abbiamo un'epidemia inquietante nelle nostre mani in questo paese e negli ultimi anni della mia carriera sono stato in prima linea.

Ho lavorato con molte persone che soffrono di dipendenza da oppiacei e altre sostanze; e mentre tratto ciascuno dei miei clienti in base alle loro circostanze uniche, trovo spesso che le mie conversazioni con loro si avventurino in un territorio familiare. Uno degli argomenti che si presentano più spesso quando parlo con questi clienti è comune anche quando parlo con i miei altri clienti non dipendenti. Questo perché è un argomento che riguarda molto di più l'esperienza umana in generale piuttosto che l'esperienza unica di diventare un tossicodipendente.

L'argomento a cui mi riferisco è il dolore. Non solo dolore fisico, ovviamente. Sto parlando del dolore della vita di tutti i giorni. Dalla tristezza momentanea al rimpianto paralizzante; da un cuore spezzato dopo una rottura alla perdita devastante di un compagno vicino. Non importa chi sei, non importa quanto tu sia stato fortunato, il dolore è (o sicuramente lo sarà) parte della tua realtà. E la verità è che la tua salute mentale e la capacità complessiva di funzionare nella tua vita dipendono in modo critico dalla tua capacità di gestirlo efficacemente. Quando vedo il numero schiacciante di persone che perdono la vita e i loro cari per la dipendenza ogni giorno in questo paese, non posso fare a meno di pensare a come potrebbero essere diverse cose se potessimo tutti imparare modi più adattivi per gestire il disagio e far fronte a le cose difficili. Le persone stanno soffrendo, e molte di loro lo stanno facendo per evitare di provare dolore.

Anche se non tutti si rivolgono alle sostanze, tutti noi abbiamo modi per cercare di intorpidire noi stessi ed evitare di affrontare le parti della vita che si sentono a disagio e spiacevoli. Noi mangiamo troppo, dormiamo troppo, lavoriamo troppo o altrimenti ci disconnettiamo dalla nostra esperienza al momento. E, in qualche modo, questo ha senso. L'evitamento del dolore è intessuto nel tessuto di ciò che ci rende umani, quindi è naturale che cerchiamo modi per farci sentire meglio ogni volta che sorge il dolore. Il problema è che la gratificazione immediata e il sollievo immediato sono terribili strategie a lungo termine. Servono ad abbassare la nostra tolleranza al dolore in modo che siamo meno equipaggiati (e più spaventati) a gestirlo la prossima volta che si presenta. Non c'è da meravigliarsi se la nostra società è più obesa, dipendente e depressa che mai. I nostri sforzi per sintonizzarsi e sentirsi bene nel momento finiscono per danneggiarci nel lungo periodo.

La vita si trasforma drammaticamente quando impariamo a lasciarci provare dolore. Fidati di me; Mi guadagno da vivere aiutando le persone attraverso questo processo. Molte persone passano la vita a sviluppare strategie – sia consapevolmente che inconsciamente – per resistere ed evitare il dolore. Ma questa è la cosa peggiore che possiamo fare con emozioni dolorose una volta che sono sorti. La resistenza serve solo a rafforzare il dolore, rendendo più difficile per noi attraversarlo. Pensa a quanto sia difficile nuotare controcorrente. Quando resisti alla corrente e provi a muoverti nella direzione opposta a quella in cui scorre, rendi il viaggio verso la tua destinazione molto più difficile. Ti blocchi. Ti esaurisci dallo sforzo. Quando, tuttavia, ti muovi nella direzione dell'attuale andare con ciò che sta già fluendo, ti muovi molto più rapidamente. Questo è il modo in cui funziona anche con le nostre emozioni. Sebbene siamo naturalmente inclini a non provare emozioni dolorose come rabbia, tristezza, rimpianto o solitudine, possiamo muoverci attraverso loro molto più rapidamente e facilmente quando ci permettiamo di sentirli – andando con la corrente, per così dire – di quando resistiamo.

La nostra società ci costringe a credere che dovremmo sempre voltare le spalle al rovescio o trovare il rivestimento argentato su ogni nuvola scura. Ma la verità è che la vita riguarda tanto le difficoltà quanto i trionfi, tanto i sentimenti felici quanto quelli dolorosi. Il dolore assume un significato completamente nuovo quando possiamo imparare a salutarlo e tenerlo in compagnia. Una volta che impariamo a far male, abbiamo fatto il primo passo per lasciarlo guarire.

Se qualcosa fa male per un po ', o provi emozioni difficili ogni volta che pensi a una parte particolare della tua vita, non significa che qualcosa non va. Il dolore fa parte della guarigione e talvolta il processo di guarigione richiede più tempo di quanto vorremmo o aspettiamo. Se ti trovi bloccato in questo processo e non sai come gestirlo da solo, potrebbe aiutarti a lavorare con un terapeuta, che può fungere da compagno compassionevole nel tuo viaggio attraverso il dolore. Ma se lavori con qualcuno durante questo processo o lo fai da solo, credi che i tuoi sforzi per entrare in contatto con il tuo dolore ti condurranno verso la guarigione. E non solo guarirai, rafforzerai anche la tua capacità di affrontare la vita coraggiosamente e con cuore aperto, sapendo di poter gestire qualsiasi cosa ti capiti.

Se scegliamo di vederlo in questo modo, essere nel dolore può essere un'opportunità per noi di stare con noi stessi, rallentare e sintonizzarci sulla nostra esperienza in modo da poterla attraversare il più elegantemente possibile, imparando cosa c'è da imparare per noi lungo la strada. Vi invito a iniziare il processo di lasciare andare e venire le vostre emozioni dolorose; permetti a te stesso di fluire attraverso di loro, supportato dalla consapevolezza che passeranno, a patto che tu li lasci.

Solutions Collecting From Web of "Let It Hurt, Let It Heal"