L'età fa la differenza

In un recente post, ho parlato dell'importanza di considerare l'età dei bambini nel tentativo di capire cosa stanno vivendo quando hanno a che fare con la morte di un membro della famiglia chiave. Mi riferisco in genere a un fratello o un genitore. Ho parlato prima di come è questa esperienza per i bambini in età prescolare e scolare. Tuttavia, quando i bambini maturano, sviluppano una nuova capacità di guardare al significato della morte. Se la morte si verificava quando un bambino era giovane, lei o lui lo rivisitavano e possono porre domande per trovare un nuovo modo di affrontare la perdita che sia coerente con la nuova comprensione che porta il crescere. Quando ciò accade, non è il risultato di un dolore irrisolto; piuttosto, lei o lui sta facendo ciò che viene naturale. Rivisitiamo tutti gli eventi importanti della nostra vita, con nuove competenze che si spera derivino dalla crescita e dalla continua maturazione. Ho parlato con una giovane donna il cui padre era morto quando era in prima elementare. Ha fatto un viaggio speciale a casa dal college per chiedere del padre che davvero non sapeva. Ogni volta che sua madre aveva cercato di parlare di lui quando era a casa, non poteva ascoltare. Ora, per ragioni che non le erano chiare, lei poteva ascoltare.

Un adolescente può capire che la morte fa parte della condizione umana e che ci sarà un domani, ma potrebbe non essere in grado di usare questa comprensione per esprimere i propri sentimenti. I bambini più grandi possono vedere tutti i cambiamenti che la morte di qualcuno di importante porta alla loro famiglia. Se vedono il loro genitore sconvolto, possono sentirsi protettivi verso quel genitore e non condividere ciò che sentono. I genitori spesso si preoccupano perché pensano che i loro figli dovrebbero parlare dei loro sentimenti. Non ci sono "doveri" nel modo in cui le persone oi bambini affrontano il loro dolore; né c'è un orario. Se i bambini non sono aperti riguardo ai loro sentimenti, ciò non significa che essi subiranno quindi seri problemi emotivi in ​​un secondo momento. Significa che non è pronto. Prima che possano affrontare i propri sentimenti, forse devono prima imparare a vivere in un mondo che è radicalmente cambiato a causa della morte di un genitore o di un bambino o di un amico. Quando si verifica una morte, perdiamo non solo la persona, perdiamo la relazione vivente, perdiamo il sé che eravamo in quella relazione e perdiamo uno stile di vita.

Nei capitoli centrali del nostro libro, A Parent's Guide to Raising Grieving Children, Madelyn Kelly e io scriviamo su come aiutare i bambini e gli adolescenti a capire cosa sta succedendo quando qualcuno sta morendo e una volta che qualcuno è morto. Alcuni dei nostri messaggi includono: 'Non cercare di togliere il dolore di un bambino negando il tuo; e "Non aspettarti che reagiscano con la tua comprensione e prospettiva". Non sempre sanno che quando qualcuno molto vicino a loro (cioè un genitore) muore, il mondo non si ferma e che ci sarà un domani . Eppure anche gli adulti hanno gli stessi sentimenti. Spesso sento persone che chiedono: "Come può il mondo continuare quando mio marito (o mio figlio) è morto?" Se i bambini vanno a giocare, questo non significa che non siano in lutto. Il loro mondo potrebbe sentirsi come se fosse distrutto. Spesso cercano ciò che capiscono in posti in cui si sentono al sicuro, come giocare con gli amici e fare cose che hanno significato per loro e in cui hanno un po 'di controllo. Nelle parole di un diciassettenne: "Quando ho saputo che mia madre era morta, sono salita in bicicletta e sono andata a casa del mio amico. Andammo in spiaggia. Mia madre adorava la spiaggia … non dicevamo molto, ma eravamo insieme e sentivo un po 'di silenzio in me. Alla fine ho capito che mio padre sarebbe preoccupato e siamo tornati a casa ". A 15 anni ha parlato della saggezza dei suoi genitori dopo la morte di suo fratello. Ha saputo di come la sua amica è venuta a trovarla solo un anno dopo la morte. Ha detto: "La cosa migliore che hanno fatto per me è stato chiamare i genitori della mia ragazza e chiedere loro di lasciare che il mio amico venga a stare con me. Non dovevo preoccuparmi se piangevo troppo e potevo condividere la mia confusione. Conosceva mio fratello e potevamo condividere ciò che sentivamo. I miei genitori non dovevano preoccuparsi di essere solo. Avevano così tanto da prendersi cura di. È stato tutto così improvviso. "Ad ogni età, fare ciò che viene naturale è una parte importante del processo di lutto.

Solutions Collecting From Web of "L'età fa la differenza"