L’esposizione al trauma infantile è troppo comune

Tutto ciò aumenta i rischi per la salute fino all’età adulta.

Followtheflow/Shutterstock

Fonte: Followtheflow / Shutterstock

Uno studio a lungo termine di 1.420 persone ritiene che il trauma infantile sia più comune di quanto spesso si presuma e che i suoi effetti sulla transizione all’età adulta e al funzionamento degli adulti non si limitino solo a sintomi di stress post-traumatico e depressione, ma siano basati su una base più ampia .

Queste conclusioni sono state riportate il 9 novembre 2018 da un team guidato dal giovane investigatore del BBRF del 2009 William E. Copeland, Ph.D., del Vermont Center for Children, Youth and Families presso l’Università del Vermont. Lui ei suoi colleghi fanno parte del Great Smoky Mountain Study, uno studio su bambini in 11 contee prevalentemente rurali della Carolina del Nord.

A partire dal 1993 e proseguendo fino al 2015, lo studio ha osservato ogni anno 1.420 bambini, selezionati casualmente da un gruppo di 12.000 bambini locali, fino all’età di 16 anni e ancora quando hanno raggiunto i 19, 21, 25 e 30 anni. I risultati si basano sull’analisi di oltre 11.000 interviste individuali. Il campione è stato progettato per sovrastimare le comunità rurali e native americane frequentemente trascurate.

Una prospettiva sorprendente che emerge dallo studio è che “è un mito credere che il trauma infantile sia un’esperienza rara che interessa solo pochi”, dicono i ricercatori. Piuttosto, il loro campione di popolazione suggerisce: “È un’esperienza normativa – colpisce la maggior parte dei bambini ad un certo punto”. Un sorprendente 60% di quelli nello studio sono stati esposti ad almeno un trauma all’età di 16 anni. Oltre il 30% è stato esposto a più eventi traumatici.

Il “trauma” ai fini dello studio includeva eventi violenti (ad esempio, la morte violenta di una persona cara, l’abuso o il danno fisico, la guerra o il terrorismo, la prigionia); trauma sessuale; assistere a un trauma che ha causato o potrebbe aver causato la morte o gravi lesioni; conoscere un evento traumatico che coinvolge una persona cara; e altri traumi, come diagnosi con una malattia grave, lesioni gravi o incendi.

“Il nostro studio ha suggerito che il trauma infantile proietta un’ombra lunga e ampia”, dicono i ricercatori, associati a un elevato rischio per molti disturbi psichiatrici adulti che interessano molti “importanti ambiti di funzionamento”, con conseguenze sotto forma di salute ridotta, problemi finanziari e successo accademico e vita sociale.

L’impatto del trauma nel corso della vita è stato notato in molti studi precedenti. Lo studio recentemente riportato, che appare sul sito web del Journal of American Medical Association (JAMA), differiva, perché seguiva i bambini di anno in anno. Gli studi precedenti si basavano su resoconti basati sulla memoria di eventi infantili fatti dai partecipanti durante la loro età adulta, che tendono ad essere meno precisi. Il nuovo studio ha inoltre compensato statisticamente la presenza di altri fattori infantili che spesso si verificano in concomitanza con i traumi infantili, come la povertà e l’instabilità familiare o la disfunzione.

I ricercatori dicono che i loro risultati sono coerenti con un modello di “trauma” di trauma che assegna un maggiore rischio per tutta la vita dell’impatto psicosociale con ogni ulteriore esposizione traumatica durante l’infanzia. Anche se non fanno luce sulla questione di quali bambini hanno maggiori probabilità di subire un trauma, il team spera che i risultati informino le politiche pubbliche, attraverso “interventi o politiche che mirano ampiamente a questo ammasso in gran parte prevenibile di esperienze infantili”.

Il gruppo di ricerca comprendeva: E. Jane Costello, Ph.D., 2009 Ruane Prizewinner e 2007 BBRF Distinguished Investigator; ed Edwin JCG van den Oord, Ph.D., 2002 Investigatore indipendente BBRF.

  • 19 motivi per cui abbiamo bisogno della settimana nazionale dei single
  • Come si manifesta l'alienazione nel sistema di educazione pubblica
  • Evitare i coetanei tossici: come gli amici on-line diventano frenetici
  • Dodici consigli per leggere di più.
  • Tristezza o depressione
  • Quando le frustrazioni neurologiche sono personali
  • Il nuovo workaholism
  • Le community inclusive possono ripristinare le abilità perse
  • Sostituire con successo successo
  • Non avevo nessuno con cui giocare alla ricreazione
  • Lobotomy taglia entrambi i modi (diametralmente parlando)!
  • La ricerca della felicità
  • La distinzione dolorosamente incompresa tra le spiegazioni finali e approssimative
  • In terapia è una grande televisione ma una psicoterapia terribile
  • Vuoi la soddisfazione? Non usare questa strategia di impostazione degli obiettivi!
  • "A Plea for the Animals" di Matthieu Ricard è assolutamente da leggere
  • Il denaro ti rende felice ... almeno una parte del tempo
  • Roy R. Grinker, Sr., MD (1900-1993)
  • Sapori di Reclusiveness
  • La solitudine non è causata da una mancanza di abilità sociali
  • Perché i genitori influenzano i bambini meno di molte persone
  • Perché la vittoria non sarebbe stata sufficiente: note sul movimento Occupy, l'11 novembre
  • "Esci": dalla prospettiva di una donna bianca
  • I dater online trovano i profili conservativi molto attraenti
  • Dipendenza da smartphone, rivisitata
  • Le persone in coppia hanno il diritto di masturbarsi?
  • Camille Noe Pagán: The Art of Forgetting
  • Quattro modi per iniziare la tua settimana di lavoro nella parte superiore del tuo gioco
  • Perché la vittoria non sarebbe stata sufficiente: note sul movimento Occupy, l'11 novembre
  • Privilegio e natura della disuguaglianza
  • Vivere una vita sociale dei media
  • Come un'immagine con gli amici può farti avere un appuntamento!
  • Cosa può dire "Alice nel paese delle meraviglie" sulla vita online?
  • Quattro motivi per cui paganesimo e poliamore sono collegati
  • Decisioni cardine che creano i tuoi successi
  • Il libro degli psicopatici