L'esperienza vissuta della discriminazione

Youtube.com
Fonte: Youtube.com

Sono appena tornato dalla terza conferenza annuale internazionale sullo stigma del peso, tenutasi quest'anno in Islanda. Sono stato invitato a tenere un discorso, dato che ho studiato e scritto sul peso e sulla salute negli ultimi cinque anni circa. Mi aspettavo di passare un momento piacevole e imparare alcune cose.

Quello che ho imparato mi ha sconvolto. Ho imparato qualcosa su di me che non avevo idea era vero.

Come giornalista che è stato immerso nell'argomento, come donna che si identifica come grasso, come oratore frequente su questioni di peso e stigmatizzazione, ho pensato di essere più o meno immune al tipo di odio grasso contenuto nel video qui sopra. Uso la parola "grasso" e di solito non mi infastidisce. Fat, come ha detto l'attivista e attrice Joy Nash, è solo una parola di tre lettere. Un descrittore, non un definitore.

Ho avuto alcuni esempi evidenti di discriminazione basata sul peso, ma non molti. E di solito non mi disturbano perché so che provengono da un luogo di ignoranza e odio. Mi piace il video qui sopra.

Quello che non sapevo era che, nonostante tutte le mie conoscenze e ricerche e i relativi privilegi, sono ancora influenzato dalla discriminazione ogni singolo giorno. Come faccio a saperlo? Essendo in questa conferenza, in stanze piene di persone il cui lavoro professionale e personale si limita a cancellare lo stigma del peso, persone che non giudicano il corpo degli altri come fa la maggior parte della gente, provavo un incredibile senso di sollievo. Ho pianto a ogni presentazione dalla liberazione pura e inaspettata di sentirmi come se potessi abbassare la guardia, una guardia che non sapevo nemmeno con cui vivessi. Ero con i miei capricci, il mio gruppo.

È stata una delle esperienze più potenti che abbia mai avuto. Conosco lo stress mentale, emotivo e fisico del vivere con giudizio costante e pregiudizio. Insegno anche un corso sulla diversità del corpo nella mia università, dove parliamo di questi problemi. Ma in qualche modo non pensavo mi avessero applicato. In qualche modo pensavo che la mia conoscenza mi proteggesse dall'avere tutti quei sentimenti.

Mi sbagliavo.

E capire che ho sbagliato mi ha fatto pensare a milioni di persone in questo paese e in questo mondo che vivono con uno stigma e una discriminazione molto più severi di quanto io abbia esperienza. Chi affronta non solo il ridicolo e il giudizio per le loro differenze, qualunque esse siano, ma ferite e morte. Chi ha paura per le vite dei propri figli, non solo per i loro sentimenti, a causa del colore della loro pelle o delle dimensioni dei loro corpi.

Ho letto la ricerca e so come la discriminazione ci ferisce fisicamente e psicologicamente. Ma non lo sapevo veramente fino a quando, per due giorni, sono stato in grado di lasciar andare un po 'di esso. E che la vera conoscenza è cambiata non solo nel modo in cui io capisco me stesso, ma come vedo lo stigma e la discriminazione in senso lato.

Il mondo offrirà sempre uno stigma a coloro che sono diversi; la teoria dell'identificazione sociale ci dice che, e io ci credo. Ma come hanno detto diversi relatori alla conferenza, la differenza non deve essere associata alla devianza. Possiamo vedere le differenze l'un l'altro senza odiarle.

Pensaci quando la prossima volta ti sentirai disgustato alla vista di qualcuno diverso da te. Pensa a ciò la prossima volta che provi vergogna o disprezzo di te stesso perché qualcuno ti ha sentito disgustato da te. Le differenze di alcune persone non si mostrano all'esterno; alcune persone sono sempre in mostra. Ma siamo tutti diversi, non fare errori. E il modo in cui trattiamo le differenze degli altri può letteralmente cambiare le loro vite, nel bene e nel male.

È una lezione di cui sarò sempre grato.

Solutions Collecting From Web of "L'esperienza vissuta della discriminazione"