L'esperienza non è competenza nella comunicazione non verbale

10.000 ore. Questo è l'importo frequentemente citato come il numero di ore che richiede per essere un esperto in qualcosa. Malcolm Gladwell è probabilmente la persona più famosa per aver portato questo commento al mainstream nel suo libro The Outliers , comunque molte persone hanno fatto riferimento ad esso nei loro libri. Joseph T. Hallinan lo menziona nel suo libro Why We Make Mistakes .

Hallinan lo menziona dal punto di vista della spiegazione della differenza tra esperienza e competenza. Solo perché hai fatto qualcosa molte volte non ti rendi esperto. Guardando questo dall'obiettivo di cercare di essere più efficaci nell'usare la comunicazione non verbale e nel capire come gli altri la usano, la nostra pratica deve essere con l'intenzione di essere migliori.

Hallinan menziona l'importanza della pratica corretta (pagina 173):

"… la pratica deve essere indirizzata al miglioramento della memoria della performance. Se eseguita correttamente, una pratica prolungata e deliberata produce un grande corpo di conoscenze specialistiche, una biblioteca se si vuole, nella mente della persona che fa la pratica. "

La consapevolezza degli auto adattatori, come qui usata da Ellen Degeneres, richiede molto più della semplice pratica.

Se vuoi essere più bravo nell'usare la comunicazione non verbale, compreso il tuo linguaggio del corpo, ci vorrà pratica. Non sto suggerendo che devi diventare un esperto e dedicare 10.000 ore, ma dedicare un po 'di tempo alla pratica farà la differenza.

Tuttavia, proprio come essere bravi in ​​qualsiasi cosa, ci vuole tempo. Ad esempio, l'apprendimento del sistema di codifica delle azioni facciali per apprendere i vari movimenti facciali e le emozioni corrispondenti che possono emettere richiede circa 200 ore per completare un esame alla fine.

Un primo passo è assicurarsi che ciò che si sta esercitando in merito a suggerimenti e suggerimenti nella comunicazione non verbale sia basato sulla ricerca. Ci sono un sacco di libri e persone che sostengono di essere esperti: è il tuo lavoro e parte della tua pratica assicurarti che lo siano davvero.

Quanto sopra si adatta bene come più tardi Hallinan aggiunge: "Semplifica dove puoi e costruisci vincoli per bloccare gli errori (189)". Ancora una volta, da una prospettiva di comunicazione non verbale:

1) Semplificare le cose: usando il mio acronimo METTA (movimento, ambiente, tatto, tono e aspetto – vedi più qui) o creando uno dei tuoi ti aiuterà a essere consapevole di tutti gli elementi non verbali.

2) Costruire i vincoli per bloccare gli errori: ancora una volta, l'uso dell'acronimo METTA può aiutare a prevenire errori che si manifestano come eccessiva enfasi su un elemento non verbale a scapito di altri. Inoltre, è fondamentale per garantire che si sta utilizzando, ad esempio, il linguaggio del corpo positivo, include la lettura di letteratura che offre esempi specifici di gesti e ottenere feedback dagli altri.

Se pensi di essere positivo, ma una dozzina di persone ti dice quando fai un certo gesto o ti siedi in un certo modo, li fa sentire a disagio, potresti voler rivalutare l'uso continuo di esso.

Anche ammetto che ci vuole più di un dottorato di ricerca per essere un 'esperto' nella comunicazione non verbale

Offro tre suggerimenti, basati sulla ricerca di Danielle Blanch-Hartigan, per aiutarti a praticare, indipendentemente dal fatto che tu stia lavorando per 1 ora o 10.000 ore per diventare più consapevole e comprendere la comunicazione non verbale:

1) Ricerca di insegnanti credibili e dei loro libri, siti Web e tweet. Spesso, molti forniscono informazioni gratuite per iniziare (come questo blog e i miei tweet!) Compresi i video. Tuttavia, solo perché qualcuno afferma di essere un esperto non li qualifica automaticamente come tale. È importante verificare le proprie credenziali per vedere cosa le qualifica a condividere tali informazioni. Verifica la loro esperienza professionale, l'istruzione e le ricerche che hanno condotto.

2) Devi effettivamente praticare. Affidarsi esclusivamente alla lettura di libri, seguire le persone su Twitter e guardare video è come pensare che sarai un buon giocatore di baseball guardando molti giochi in televisione. Devi esercitarti per comprendere e utilizzare in modo efficace la comunicazione non verbale.

3) Coinvolgere gli altri . Ancora una volta, leggere libri da soli e praticare da solo non è sufficiente e molto probabilmente non lo manterrai. A molte persone piace parlare di comunicazione non verbale (fai attenzione, molte persone fanno molte supposizioni) – cerca di coinvolgere gli altri che sono anche interessati a essere più efficaci e condividere l'uno con l'altro ciò che hai letto e anche quello che hai provato. Combinando questo punto con i due precedenti, questo ti consente anche di ottenere un feedback per scoprire come stai e se la tua pratica e le tue osservazioni sono accurate.

Mentre prosegui nel tuo viaggio, indipendentemente dalla quantità di ore, sentiti libero di condividere con me le tue esperienze, pensieri e domande sia qui su questo blog che su Twitter (@NonverblaPhD).

Solutions Collecting From Web of "L'esperienza non è competenza nella comunicazione non verbale"