Lesioni invisibili: sindrome post-concussionale.

Concussion from boxing

"Non riesco a mettere la testa insieme. Penso che sto impazzendo. "Questo commento del mio cliente, il ventenne Bill, ha espresso un sentimento che ho sentito molte volte da adolescenti e giovani adulti, soprattutto uomini, che praticano sport di contatto che li mettono a rischio per un condizione chiamata sindrome post-concussionale (PCS).

Bill è venuto a trovarmi dopo aver lottato con le lezioni universitarie per mesi. Di solito uno studente eccellente, ora trovava che la concentrazione per una lezione di 45 minuti era impossibile. Non poteva concentrarsi sul compito a portata di mano,

Brain and concussion

specialmente in un ambiente rumoroso o distraente, la velocità con cui elaborava le informazioni complesse era rallentata e si sforzava di apprendere nuovi fatti. La sua ragazza lo ha lasciato perché non riusciva a sopportare il suo cattivo umore e irritabilità. Ha smesso di andare alle feste perché non sopportava il rumore. Perse anche la sua capacità di trattenere il suo drink: due birre e lui stava mettendo a tacere le sue parole. A peggiorare le cose, i suoi schemi di sonno erano dappertutto. Durante il giorno era sempre stanco e andava spesso a letto alle 8 di mattina, ma alle 1 del mattino. si stava agitando e girando e preoccupandosi di cosa fosse successo a lui.

A Bill non era venuto in mente che i suoi problemi potevano essere collegati a tre "colpi alla testa" che aveva sofferto negli ultimi mesi. Era stato stordito almeno due volte quando ha provato per un breve periodo il pugilato dilettantistico quattro mesi fa, e due mesi fa durante una partita di rugby si era scontrato con un altro giocatore e pensava di aver perso conoscenza per un minuto o due. Fu espulso e controllato dal suo medico, che gli disse di non giocare ancora per due settimane. Tornò al gioco dopo quello, ma in retrospettiva pensò che i suoi altri problemi avevano cominciato a stanarlo da quel momento. Seguendo una valutazione neuropsicologica che mostrava chiare difficoltà con la concentrazione e la velocità con cui elaborava le informazioni, mi sentivo sicuro che i problemi di Bill erano dovuti a una sindrome post-concussional (PCS), a volte chiamata "la ferita invisibile".

I giovani di età compresa tra i 17 ei 25 anni sono più a rischio di trauma cranico da lieve a moderato (TBI), con conseguente commozione cerebrale e talvolta a PCS. Non esiste uno standard universale per definire un TBI chiuso lieve: una lesione al cervello causata da un colpo alla testa che non fora il cranio, ma è comunemente definita come una perdita di coscienza per meno di 20 minuti, con un post – amnesia traumatica di meno di 24 ore. Questo si riferisce al periodo di capacità interrotta di formare nuovi ricordi a seguito di una commozione cerebrale; per esempio, la persona concitata potrebbe non ricordare che la sua ragazza lo ha visitato il giorno precedente, anche se in quel momento aveva una conversazione perfettamente ragionevole con lei. Molte persone che sostengono un trauma cranico lieve possono perdere conoscenza solo per pochi minuti o, a volte, si sentono confuse e hanno una perdita di memoria di pochi secondi, ma anche queste persone possono occasionalmente sviluppare un PC.

Subito dopo un lieve trauma cranico, molte persone soffrono di mal di testa e si sentono nauseate, estremamente stanche e forse confuse e disorientate per ore o giorni dopo l'incidente. Il miglior trattamento in questa fase è dormire e riposare. La maggior parte delle persone si sente completamente guarita due settimane dopo e molti sono in grado di tornare a lavorare senza difficoltà, soprattutto se il lavoro non è troppo gravoso da un punto di vista mentale o fisico. Il venticinque percento o più sono come Bill e soffrono di alcuni dei sintomi che costituiscono il PCS per diversi periodi di tempo e in vari gradi di gravità.

Alcuni professionisti del settore ritengono che il PCS abbia una base psicologica e non fisica. La difficoltà con la diagnosi di PCS è che i sintomi – mal di testa, stanchezza, irritabilità, ipersensibilità al rumore, ubriachezza facilmente, scarsa concentrazione – sono anche associati ad altri problemi, tra cui stress da lavoro o relazione, problemi di droga e alcol, depressione, virus, o un problema psicologico o psichiatrico più serio. E naturalmente nessuno di questi problemi si escludono a vicenda e spesso un problema ne esaspera un altro.

Un altro aspetto del PCS che alimenta le polemiche sulla sua stessa esistenza è che è idiosincratico nella sua scelta delle vittime. Alcune persone sembrano in grado di avere commozioni cerebrali multiple senza sviluppare alcun sintomo PCS, e altre possono avere il più piccolo colpo alla testa e tuttavia soffrire un PCS. Perché questo potrebbe essere ancora sconosciuto, ma è probabile che le interazioni di molti fattori organici e psicologici siano responsabili della suscettibilità variabile degli individui a quelli che sembrano essere colpi relativamente lievi alla testa. Lesioni multiple alla testa, una storia di gravi problemi emotivi o psichiatrici, abuso di alcol o di solventi, un'occupazione impegnativa e l'età della persona (bambini, adolescenti e anziani più vulnerabili) aumentano il potenziale di un significativo PCS.

Tuttavia, le scansioni MRI hanno dimostrato piccole lesioni cerebrali (lividi e sanguinamento) nei lobi frontali e temporali dei pazienti che hanno sofferto di una lieve TBI e un PCS, supportando una base organica, almeno inizialmente, per molti dei sintomi. Le lesioni assoniche diffuse causate dallo stiramento e dallo strappo degli assoni nervosi sono anche una possibile conseguenza del TBI lieve, sebbene queste lesioni siano minime rispetto a un grave trauma cranico. Questo tipo di danno può tuttavia portare ad un abbassamento dell'eccitazione corticale e ai conseguenti problemi comuni di affaticamento, ipersensibilità al rumore e sbalzi d'umore. In alcuni casi, i sintomi continueranno dopo che il cervello è guarito e il trattamento deve quindi anche affrontare questo "sovrapposizione psicologica". In un piccolo numero di casi, il cliente esagererà o prolungherà i suoi sintomi intenzionalmente per guadagni finanziari (assicurativi) o personali. Questi malineri hanno confuso le acque per la maggior parte dei veri malati.

Quando i risultati del test neuropsicologico di Bill sono tornati, è stato sollevato di scoprire che non stava impazzendo, ma soffriva di un PCS che poteva essere gestito con successo con strategie comportamentali, e nel corso del tempo sarebbe quasi certamente risolto completamente. Bill accettò di non inscatolare mai più e di prendersi una lunga pausa dal rugby e da tutte le altre attività che potrebbero portare a un altro colpo alla testa. Decise di evitare l'alcol completamente dopo aver spiegato che a causa del PCS si sarebbe ubriacato molto più rapidamente. Evitava situazioni in cui c'era molto rumore e dormiva il più possibile. Dopo aver lottato con le lezioni per altre due settimane, Bill decise di abbandonare due dei suoi corsi fino a quando non si fosse completamente ristabilito, e i suoi docenti universitari accettarono prontamente di dargli più tempo per completare i test e gli esami negli altri suoi corsi. Sei mesi dopo, le sue funzioni cognitive erano tornate ai livelli attesi, e la vita di Bill era tornata alla normalità, con una differenza: aveva deciso di concentrarsi sul nuoto e il tennis invece del rugby!

Solutions Collecting From Web of "Lesioni invisibili: sindrome post-concussionale."