Lesioni cerebrali traumatiche e ADHD

Esplorando il link.

Il cervello è un organo plastico che cambia e reagisce al suo ambiente. Negli ultimi anni, i ricercatori sono diventati sempre più interessati a come le lesioni cerebrali possono influenzare lo sviluppo fino all’età adulta. Più di 300.000 bambini sono trattati per lesioni cerebrali traumatiche (TBI) ogni anno. Due nuovi studi indicano un legame tra TBI infantile e successivo sviluppo dell’ADHD.

TBI e ADHD: districare la connessione

Uno studio di coorte che ha seguito 187 bambini è stato pubblicato sulla rivista JAMA Pediatrics all’inizio di quest’anno. Ogni bambino era stato ricoverato in ospedale durante la notte per un trauma cranico tra i 3 ei 7 anni. I ricercatori hanno seguito i partecipanti per diversi anni dopo lo studio e i genitori hanno completato questionari sul comportamento e sullo sviluppo dei loro bambini a intervalli regolari.

I risultati suggeriscono che gli effetti della TBI possono estendersi ben oltre il periodo immediatamente successivo alla lesione. Anche dopo 6 anni dalla lesione, i bambini con una storia di TBI avevano maggiori probabilità di avere l’ADHD.

Uno studio più ampio pubblicato questo mese arriva a conclusioni simili. Questo studio, pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry, ha confrontato i sintomi dell’ADHD in 418 bambini con una storia di trauma cranico ai sintomi in 3.193 bambini senza alcuna TBI precedente. Hanno anche assegnato un punteggio di rischio genetico a ciascun bambino. Hanno trovato che un punteggio di rischio genetico più alto correlato con un più alto rischio di ADHD solo nei bambini senza storia di trauma cranico. Ciò suggerisce che la genetica può svolgere un ruolo nel rischio di ADHD nei bambini senza storia di TBI.

Lo studio ha anche rilevato differenze cerebrali nelle connessioni cerebrali e nelle regioni associate con l’ADHD nei bambini con una storia di TBI. Questo può aiutare a spiegare il meccanismo attraverso il quale si sviluppa ADHD a seguito di una lesione cerebrale.

TBI: una ferita cronica?

Una volta i medici hanno trattato il TBI come una lesione acuta, il che significava che se un bambino sopravviveva alla ferita e non aveva subito danni cerebrali, quel bambino sarebbe probabilmente andato bene. Ora un volume di ricerca in rapida crescita suggerisce che il TBI potrebbe effettivamente funzionare come una lesione cronica, causando cambiamenti a lungo termine nella salute e nello sviluppo del cervello. TBI è stato correlato con:

demenza

-Morbo di Parkinson

-aggressione

– difficoltà di lavoro

depressione

-Cognitivi cambiamenti

– problemi di competenze sociali

Almeno alcuni di questi cambiamenti potrebbero in realtà essere radicati nell’ADHD, anche se altri probabilmente sono dovuti ad altri cambiamenti cerebrali. È possibile attenuare gli effetti a lungo termine del TBI, ma l’intervento immediato è la chiave. La prevenzione è ancora meglio.

Prevenzione del TBI

Molte lesioni cerebrali traumatiche sono prevenibili. Alcune strategie per prevenire il TBI includono:

-Prendere saldamente un bambino nel seggiolino. Ben il 95% dei genitori ha installato in modo errato i loro seggiolini auto. I bambini dovrebbero rimanere rivolti all’indietro il più a lungo possibile e almeno fino all’età di 2 anni.

-Avanti i bambini più grandi indossano le cinture di sicurezza ogni volta che guidano in macchina.

-Richiede ai bambini di indossare il casco ogni volta che vanno in bici, a fare il roller blade o altri sport su ruote che potrebbero causare una caduta.

-Installare i paraventi per impedire ai bambini di arrampicarsi fuori dalle finestre.

-Utilizzare i cancelli di sicurezza intorno alle scale quando si hanno bambini piccoli.

– Librerie sicure e altri mobili pesanti al muro.

-Non consentire mai ai bambini di arrampicarsi sui mobili.

-Non lasciare incustoditi i bambini piccoli per lunghi periodi e parlare con tutti i bambini dei pericoli di arrampicarsi sui mobili o saltare da altezze.

-Utilizzare materiale per assorbire gli urti nel campo giochi del tuo bambino e non consentire a tuo figlio di giocare in un campo da gioco su terreno duro o cemento.

-Utilizzare gli attrezzi di sicurezza quando si praticano sport di contatto.

-Scorri i bambini dall’immersione nell’acqua quando non ne conoscono la profondità.

Approssimativamente 1 su 5 bambini subiscono una lieve lesione cerebrale traumatica ad un certo punto durante l’infanzia.

Che cosa i genitori devono sapere

TBI è solo uno dei molti fattori di rischio per l’ADHD. È importante notare che la maggior parte dei casi di ADHD non hanno nulla a che fare con il trauma cerebrale. È difficile attraversare la vita senza alcuna contusione alla testa. La maggior parte delle lesioni non portano all’ADHD. Tuttavia, lo studio JAMA Pediatrics mette in luce la relazione tra TBI e ADHD. I ben noti fattori di rischio per l’ADHD includono bassa educazione materna e disfunzione familiare, ma questi fattori di rischio sono anche correlati con l’ADHD nei bambini che non hanno avuto un TBI.

L’ADHD rimane una malattia complessa e non comprendiamo ancora tutti i fattori e le cause di rischio. Quello che sappiamo è che è curabile e che un trattamento tempestivo tende a produrre risultati migliori. I genitori che sono preoccupati per il comportamento dei loro figli dovrebbero cercare un rimando a uno psichiatra o un altro professionista della salute mentale. I medici di famiglia non sono in genere in grado di fornire le richieste ADHD di trattamento completo.

Riferimenti

Bowser, AD (2018, 16 aprile). Bambini, adolescenti con TBI a rischio di ADHD secondario. Estratto da https://www.mdedge.com/pediatricnews/article/161152/mental-health/children-adolescents-tbi-risk-secondary-adhd

Conseguenze a lungo termine di TBI. (Nd). Estratto da http://ohiovalley.org/informationeducation/long-termconsequences/

Lo studio identifica l’origine distinta dell’ADHD nei bambini con storia di lesioni cerebrali. (2018, 14 agosto). Estratto da https://www.sciencedaily.com/releases/2018/08/180814101302.htm

Lesione cerebrale traumatica e commozione cerebrale. (2017, 27 aprile). Estratto da https://www.cdc.gov/traumaticbraininjury/get_the_facts.html

  • La maggior parte dei bevitori problematici imparano a cambiare il loro bere
  • 3 modi in cui la tua infanzia ha plasmato le convinzioni fondamentali a cui tieni duro
  • Perché l'abuso verbale fa così male
  • Ansia e solitudine dopo una vita di indipendenza
  • Cosa devi sapere quando i clienti si dissociano - Parte 2
  • Osama bin Laden: la chiusura che non lo è
  • Come la compassione può guarire la vergogna dall'infanzia
  • Suicidio o omicidio di massa? : The Deliberate Downing of Flt 9525
  • PTSD dall'interno verso l'esterno
  • I ricordi indesiderati possono essere annullati?
  • Sei consapevole dei pregiudizi del tuo terapeuta? Tu dovresti essere
  • Vero amore, non solo attrazione reale
  • Cosa sta mangiando i nostri veterani?
  • Come il trauma può portare a un cambiamento positivo
  • Il maltrattamento sull'infanzia di 4 modi crea l'alcol da adulto
  • Che psicoanalista francese può insegnarci sul trauma
  • Non sei pazzo⎯Ha (o lei) sta controllando!
  • Trauma del divorzio e suoi effetti sui bambini
  • Tetris come vaccino contro PTSD
  • Quattro cose che devi sapere su PTSD
  • Pericolo dove non c'è nessuno
  • Guardare "Pretty Little Liars" ... come psicologo
  • Sono stato lavato dal cervello e non posso fuggire
  • La nebbia misteriosa
  • Felicità e Religione, Felicità come Religione
  • Come dare voce al massimo al tuo partner e sentirti!
  • Problemi di pianificazione e organizzazione? Dai la colpa alle tue lobi frontali
  • Coppie - Quando è l'ultima volta che hai visitato il tuo "Museo della gioia"?
  • Il percorso per il rimborso
  • "Understanding Young Adults Who Get Stuck" di Verhaagen
  • We Can Dream: A Marginalized Peoples Versione di 'Inside Out'
  • L'effetto Trump, parte 2
  • Perché abbiamo allucinazioni
  • Intervista con Rene Denfeld, autore di "The Child Finder"
  • Il desiderio e la paura della vulnerabilità
  • Cosa stai dicendo?