Lesione cerebrale traumatica: la malattia invisibile

Sovereign Health/Shutterstock
Fonte: Sovereign Health / Shutterstock

La maggior parte di noi è a conoscenza delle polemiche che circondano concussioni e giocatori di calcio – in particolare, i giocatori di calcio subiscono una commozione cerebrale dopo un trauma cranico, ritirandosi dalla carriera con tassi di depressione più alti, perdita di memoria e persino suicidio. I ricercatori hanno trovato segni di encefalopatia traumatica cronica, una malattia causata da traumi cerebrali ripetitivi, in 76 dei 79 giocatori deceduti della NFL tra cui Dave Duerson, Junior Seau e altri giocatori di calcio che avevano perso la vita per suicidarsi. Il fenomeno ha anche una sua voce su Wikipedia. (Purtroppo, i giocatori di football che si sono suicidati hanno anche la loro voce su Wikipedia.)

Commozioni cerebrali e altre forme di lesione cerebrale traumatica non si limitano ai giocatori di calcio. In realtà, trauma cranico è una delle principali cause di morte e disabilità negli Stati Uniti. Circa 1,7 milioni di americani sostengono ogni anno una lesione cerebrale traumatica e 52.000 di quegli americani muoiono. Lesioni cerebrali traumatiche costituiscono quasi un terzo di tutti i decessi correlati alle lesioni.

Ma che dire delle persone che non muoiono? Come i giocatori di calcio, sono a rischio di soffrire di disagio psicologico a lungo termine? O queste conseguenze sono riservate alle persone che hanno subito forme più gravi di lesioni cerebrali?

Cos'è una lesione cerebrale traumatica?

Lesioni cerebrali traumatiche, spesso abbreviate in TBI, si verificano quando un trauma esterno improvviso causa danni al cervello. Ad esempio, una donna che colpisce la sua testa su un cruscotto durante un incidente automobilistico probabilmente sosterrebbe un TBI. Anche il famigerato Phineas Gage, un uomo il cui cervello fu trafitto da un ferro da stiro durante un incidente ferroviario, ebbe anche un TBI. Un ictus, d'altra parte, non sarebbe un TBI, poiché il danno ha origine internamente piuttosto che esternamente.

Tra il 2006 e il 2010, i Centers for Disease Control and Prevention hanno stabilito che le cadute erano la principale causa di TBI al 40%. Il trauma involontario della forza contundente – in altre parole, essendo stato colpito accidentalmente da un oggetto – ha preso il dubbio onore del secondo posto al 15%. Incidenti stradali e aggressioni sono stati i più bassi, rispettivamente al 14,3% e al 10,7%.

Alcuni dei sintomi associati a lesioni cerebrali traumatiche sono semplici: una persona che riceve un colpo alla testa potrebbe perdere conoscenza, sviluppare mal di testa, sentirsi stordito o cadere in coma. Altri sintomi potrebbero sembrare un po 'insoliti – ad esempio, i pazienti con TBI a volte combattono con ripetuti episodi di vomito o hanno una pupilla più grande dell'altra. Ancora altri sintomi sono sottili e possono sembrare del tutto estranei alla ferita – per esempio, alcune persone con TBI sperimentano livelli elevati di ansia, depressione e sbalzi d'umore.

Sfortunatamente, questi ultimi sintomi spesso vengono ignorati.

Quando le lesioni traumatiche al cervello causano sintomi psichiatrici

Nel 2013, un gruppo di scienziati danesi ha scoperto che le persone con TBI (tra cui commozioni cerebrali) avevano quattro volte più probabilità di sviluppare una malattia mentale. Le persone che avevano ricevuto un TBI avevano il 65% in più di probabilità di sviluppare la schizofrenia, il 59% in più di probabilità di sviluppare depressione e il 28% di probabilità in più di sviluppare disturbo bipolare. Questo studio è il più grande del suo genere e coinvolto dopo 1,4 milioni di cittadini danesi nati tra gli anni 1977 e 2000.

Questo studio è lontano dall'unico suggerire un legame tra TBI e malattia mentale. Un gruppo di ricerca guidato da Jonathan Godbout, professore associato presso la Ohio State University, ha scoperto che i topi che avevano sostenuto un TBI hanno dimostrato un aumento dei sintomi depressivi e livelli più elevati del normale di infiammazione neurale. (Ho scritto in precedenza sul legame sorprendente della malattia mentale con l'infiammazione). Ancora un altro studio ha rilevato che l'esperienza di sintomi depressivi dopo un trauma cranico è più comune che non – la prevalenza della depressione dopo TBI è superiore al 50 per cento.

La ricerca più spaventosa, tuttavia, è stata pubblicata all'inizio di quest'anno: le persone che avevano ricevuto una commozione cerebrale in passato erano tre volte più probabilità di cadere vittime del suicidio.

Il rischio di ignorare una lieve lesione cerebrale traumatica

La maggior parte delle persone negli studi precedenti non ha avuto gravi lesioni traumatiche al cervello. Molti di loro avevano ricevuto solo lievi commozioni cerebrali e li trattavano nel modo in cui la maggior parte della gente tratta le commozioni cerebrali: una breve visita al pronto soccorso, al riposo a letto e agli antidolorifici. Non erano veterani di guerra o giocatori di football. Erano individui che hanno lasciato un incidente d'auto con solo un mal di testa e un collo dolorante, o atleti studenti che hanno sottovalutato la velocità di una palla da baseball.

Il cervello è un organo delicato e, sfortunatamente, non ci vuole molto per eliminare la sua chimica dall'allineamento. Anche se ricevere una commozione cerebrale può essere un piccolo blip nella memoria della maggior parte delle persone, le conseguenze della ferita possono seguirle per il resto della loro vita.

Come medico, chiedo ripetutamente ai miei pazienti di ferite alla testa a causa di quanto sono comuni. Chiedo non solo ai pazienti, ma anche ai loro parenti stretti e compagni di stanza. Una volta, ho incontrato una madre di 39 anni che si è presentata con ansia, depressione e sintomi psicotici. Anche se sosteneva di non aver mai subito alcun trauma cranico, sua madre ricordò che, all'età di 5 anni, aveva avuto un incidente d'auto e aveva perso conoscenza per più di 30 minuti. Più tardi ha avuto un attacco. Ho posto il paziente su un anticonvulsivante, un farmaco progettato per ridurre le convulsioni, e ha presto riferito una diminuzione dei suoi sintomi.

Se hai ricevuto una ferita alla testa, non ignorarlo. Se ti senti ansioso o depresso dopo una commozione cerebrale, non dare per scontato che la sensazione non sia correlata. Parla con il tuo dottore. Ottenere aiuto. Lesione cerebrale traumatica non ha bisogno di essere una malattia invisibile.

Contributo a Courtney Lopresti, MS Neuroscience

Solutions Collecting From Web of "Lesione cerebrale traumatica: la malattia invisibile"