L'errore di McCain, My Mistake, e Harry Levinson's Genius.

Oggi, 24/09/08, penso che John S. McCain abbia commesso un errore strategico. So che l'ho fatto. Cosa c'entra Harry Levinson, lo psicoanalista più responsabile per il collegamento tra psicologia e affari? Niente direttamente, ma quando ero psicoterapeuta all'ospedale McLean della Harvard Medical School, e avevo il mio primo sentore di diventare un business coach, un CEO che conoscevo mi ha dato un libro di letture di Levinson su "psicologia esecutiva" dal titolo "Ready, Fire, Obiettivo. "Beh, ho pensato a quel titolo tutto il giorno, e sono convinto che McCain e io fossimo entrambi colpevoli di avere un modello di reazione mal concepito di quel genere.

McCain ha sbagliato, credo, sospendendo la sua campagna oggi per volare a Washington, DC e servire come "statista anziano" al Congresso. Il suo obiettivo? Aiutare il Tesoro Henry Paulson e il Presidente della Federal Reserve Ben S. Bernanke a generare una comprimazione legislativa volta a rafforzare il nostro sistema economico pesantemente minacciato. Non fraintendermi; Apprezzo il coraggio di McCain, il suo altruismo, la sua integrità e, soprattutto, il suo acume di guida. In effetti, quello che ha fatto oggi è paradigmatico di ciò che è meglio in un leader (che agisce con coraggio), come ho notato nel mio ultimo blog. Ma quello che ho omesso da quel blog è che ci sono eccezioni a ogni regola, e oggi McCain ha violato uno di questi tempi.

Il mio errore – e ringrazio due persone che me lo hanno reso importante con i loro commenti sul mio blog, "abipartisanopinion" e Jennifer – è stato il REACTED in fretta e mal riposta "la giusta indignazione, e non ho esaminato l'intera situazione in cui mi trovavo prima facendo un "Ready, Fire, Aim." Per voi lettori della prima volta, stamattina ho trovato un commento sul mio ultimo blog inappropriato e offensivo. Io (erroneamente) mi sono offeso perché un lettore, come ho visto, mi ha impedito di realizzare l'obiettivo dietro il mio blog: Spirited, DIBATTITO INTELLETTUALE. Sfortunatamente – e mi vergogno ad ammetterlo – "mordendo" le provocazioni della persona che, ho sentito, ha travisato il mio lavoro, ho ostacolato i miei obiettivi e, peggio ancora, ha causato disagio ai lettori "neutrali".

Chiedo scusa a chiunque legga questo (e il mio ultimo) blog che ritiene che potrebbe essere un normale lettore ed è ora (come sembra essere stata Jennifer) a mettere in discussione questa scelta. Ho agito in modo inappropriato.

Allora perché sento che il senatore McCain ha fatto quello che ho fatto? Non ha partecipato a una gara di pissing. Voglio dire, si potrebbe anche dire che McCain stava marciando a passi stretti per quello che ho detto che tutti i buoni leader dovrebbero fare – con coraggio. Certo, ma tutto (anche l'amore e l'ossigeno) all'eccesso è dannoso, e McCain era eccessivamente audace oggi. Ecco perché:

Courage 101; Guarda prima di saltare. Non ho mai incontrato un uomo con più capacità politiche di Brad Hildebrandt, fondatore e CEO della più grande società di consulenza legale del mondo. Un pescatore (come lo sono io), Brad ha usato innumerevoli aforismi e benevole "storie di pesce" per aiutare a ingrassare i pattini quando le trattative si sono impantanate o controverse. Il mio preferito – un tempo che aveva usato per rompere i punti morti o l'inerzia all'interno della sua società di consulenza – era: "Guarda; Non mi importa di uscire su un arto; Voglio solo assicurarmi che qualcuno sia sull'albero con me "(o parole in tal senso).

McCain non riuscì a guardare l'albero prima di andare su un arto. A credito di McCain, questo è quello che è stato per sempre: dal far passare un'opportunità a lasciare un campo di prigionia per rimanere con i suoi uomini, a dichiarare: "Preferisco perdere le elezioni presidenziali piuttosto che perdere una guerra" (o parole in tal senso). In questi casi, McCain uscì su un ramo, ma c'era gente negli alberi per catturarlo (per così dire). Oggi, il senatore Obama lo ha superato, continuando la sua campagna. Peggio ancora, McCain avrebbe dovuto sapere che i media più vocali e influenti non solo NON erano nell'albero in attesa di prenderlo, ma hanno dimostrato il loro desiderio di liberarsene.

Nell'ambiente politico odierno, dove il New York Times, il Washington Post e l'MSNBC stanno davvero puntando all'omicidio di McCain (come sospendere una campagna presidenziale) che può essere "trasformato" in negativo è sconsiderato, indipendentemente dal suo intento.

Idem il mio pissing contest oggi sul mio blog. Sono appassionato del mio lavoro, molto selettivo con il quale lavorerò (stavo ASSOLUTAMENTE scherzando, SE LEGGETE LE MIE PAROLE, SU OFFRIRE SERVIZI DI COACHING A OBAMA), e mi impegno a far progredire la psicologia come scienza. Detto questo, ho la pelle sottile e ho bisogno di astenermi da risposte autodistruttive. [Ero narcisista, tuttavia, come accusato, gli "offesi" mi avrebbero rotolato via come l'acqua dalla schiena di una papera. I narcisisti si riferiscono solo a ciò che altre persone "d'élite" dicono.]

Quello che Harry Levinson avrebbe consigliato. Ho incontrato Harry Levinson solo due volte quando il mio ufficio e il suo erano entrambi a Belmont, MA, ma ogni incontro è fresco nella mia mente come se fosse successo ieri (erano decenni fa). Non posso giurarlo, ma se potessi essere istruito dal dottor Levinson – e passare il consiglio alla campagna McCain – sono certo che sarebbe simile a quello che diceva mio padre (citando Theodore Roosevelt): "Cammina piano e portare un grosso bastone. "In questo caso, questa frase significa:" Prendi in carico una situazione, ma non scaricare inutilmente (o un impiegato ribelle, o una "bomba di attacco"). "

In un articolo del 1964 per Think, la rivista interna di IBM, Levinson disse:

A meno che il leader in qualsiasi situazione non si faccia carico e chiarisca che è in carica, è probabile che i suoi subordinati lo sfidino e siano in conflitto l'uno con l'altro.

McCain non ha preso il comando oggi perché non poteva. Non controlla il signor Obama, il Congresso, il segretario Paulson, il signor Bernake o esperti politici. Per questo solo motivo, l'azione unilaterale era, a mio avviso, imprudente.

Di sicuro non ho preso in carico oggi per esattamente la stessa ragione: non posso (né dovrei avere il diritto di) controllare quali commenti genera il mio blog. Il dissenso è vivificante, illuminante e endemico di un blog; credimi, lo accolgo. Ho reagito male ad essere frainteso o travisato. Ma non è questo il punto. Non è il mio posto di fare altro che presentare un'opinione informata per il "globale" (in questo caso, i lettori di PT) buono. Mentre Levinson, nella sua brillantezza, si rendeva conto, la mia incapacità di prendere in mano – e il mio tentativo fallito di farlo – precipitava "in combattimento" tra i lettori, non lo scambio di idee sul business coaching. Ho sporcato il mio nido e, per l'ultima volta, mi dispiace.

Solutions Collecting From Web of "L'errore di McCain, My Mistake, e Harry Levinson's Genius."