L'errore creativo apre le porte mentali

copyright Ian Robertson
Fonte: copyright Ian Robertson

I nostri cervelli lavorano secondo il principio "se non è rotto, non aggiustarlo" – almeno per quanto riguarda il successo.

Il successo ci fa sentire bene grazie all'aumentata attività della dopamina chimica del messaggero nella rete di ricompensa nel mezzo del cervello.

Questo è un antico dispositivo evolutivo che segnala "continua a fare quello che stai facendo perché è bello".

L'effetto vincitore

Quando siamo in una tale gola mentale, le nostre menti sono prevenute per notare le cose positive – i segni di una maggiore ricompensa futura – e per ricordare i successi e i piaceri passati.

Questo bagliore roseo di positività mentale, solleva il nostro umore, la nostra fiducia, e quindi ci rende capaci di più successo. Questo fa parte dell'effetto vincitore, che è la ragione per cui la migliore ricetta per il successo è … il successo.

In tale stato, le nostre menti sono orientate al futuro e alla ricompensa e poiché le ricompense ci fanno sentire bene, restringiamo il fuoco della nostra attenzione verso i segni di altri a venire.

Il successo, in altre parole, ci paralizza fisicamente e quindi limita la nostra capacità di notare segni di … fallimento.

Psicologia del fallimento

Se il successo si sente bene, il fallimento si sente male – anche doloroso – e va di pari passo con una diminuzione dell'attività della dopamina nella rete di ricompensa del cervello. Ma i suoi effetti sono molto più ampi di questo.

Quando la vita smette di consegnare i premi che chiamiamo successo, il cervello passa a un modo completamente diverso, e con esso un regno completamente diverso di sentimento e pensiero.

Il mondo del fallimento, se prolungato o ripetuto, è quello in cui il bagliore roseo dell'aspettativa ottimistica delle ricompense future viene sostituito dall'ansia struggente della punizione anticipata.

Questo è uno stato in cui una tendenza all'evitamento e al ritiro regola la mente. I cattivi piuttosto che i bei ricordi sorgono più facilmente alla mente e questo trascina il nostro umore e accende più ansia.

In tale stato evitiamo di più e quindi facciamo di meno, riducendo così le nostre possibilità di riacquistare il successo – mentre l'effetto di fallimento non è stato formalmente chiamato in biologia come l'effetto vincitore, quasi certamente esiste.

Ma c'è almeno un lato positivo al fallimento …

Errore creativo

Quando cadiamo dal carosello di successo e colpiamo il duro terreno del fallimento, c'è una conseguenza molto importante.

La nostra attenzione si allarga dal suo focus sul futuro premio ad una prospettiva grandangolare su un mondo improvvisamente imprevedibile e povero di ricompense.

In termini evolutivi, questo è un allarme rosso che ci fa scansionare nuove minacce e anche mezzi di fuga.

Questo ridimensionamento dell'attenzione avviene perché un altro messaggero chimico chiamato norepinefrina (noto anche come noradrenalina) inonda il nostro cervello.

Ma un aspetto positivo di questo è che questo ampio focus apre le nostre menti a nuovi pensieri, percezioni e possibilità – in altre parole, può renderci temporaneamente più creativi, a condizione che non riusciamo a lasciarsi travolgere dallo stress.

Questo perché il nuovo obiettivo grandangolare non è solo quello di trovare la fuga – il suo scopo è anche quello di cercare opportunità per nuove fonti di ricompensa.

Paradossalmente, il fallimento può aiutarci ad incontrare nuove possibilità perché ci costringe ad abbandonare l'attenzione per il paraocchi che ricompensa il successo ripetuto.

Nel mio libro The Stress Test: Come la pressione può renderti più forte e più acuto (Bloomsbury), do più esempi di come puoi scoprire i benefici dello stress. Prova il Questionario sullo stress su www.ianrobertson.org e seguimi su Twitter @ihrobertson

Solutions Collecting From Web of "L'errore creativo apre le porte mentali"