L'eroe di Iron Man 3 soffre di disturbo post-traumatico da stress?

Per l'ultimo giorno della lezione di Stan Lee Heroes di questo semestre, ho portato gli studenti a vedere Iron Man 3 . Non avevamo capito l'accresciuta rilevanza che questo film avrebbe avuto per il nostro corso di psicologia. In seguito, ne abbiamo discusso per un po 'durante la cena (con i biscotti della fortuna).

Tony Stark di Iron Man 3 soffre di disturbi da stress post-traumatico?

Al culmine dell'aspetto precedente del personaggio apparentemente narcisistico (che combatte gli invasori extraterrestri nel 2012 di The Avengers ), Iron Man intercetta un missile nucleare diretto a Manhattan e lo guida attraverso un wormhole in un'altra parte del suo universo. Avendo accettato che morirà da solo in un'esplosione nucleare mentre il tunnel spaziale si chiude e la sua tuta robotica spende l'ultimo dei suoi poteri, sperimenta quello che crede veramente essere il suo ultimo momento di vita prima di cadere attraverso il tunnel spaziale per essere salvato da Hulk. È passato dal regno della sua morte certa e torna nella terra dei vivi.

Quando Iron Man 3 (alias Iron Man Three una volta nei titoli di coda) ci porta al Tony Stark di oggi, troviamo un uomo ossessionato dalle sue esperienze a New York, un eroe che riesce a malapena a dormire. Soffre di attacchi d'ansia con mancanza di respiro ogni volta che viene ricordata l'invasione di New York, un incidente che rifiuta di discutere anche quando gli viene fatta una semplice domanda a riguardo. Nonostante tutto, insiste che non ha il DPTS, ma lo sa davvero? L'unico medico con cui alla fine condivide tutte queste cose deve segnalare a Tony: "Sai, non sono quel tipo di dottore!"

Per qualificarsi come affetto da disturbo da stress post-traumatico (PTSD) utilizzando i criteri del DSM , Tony Stark deve mostrare sintomi specifici correlati al trauma che causano disagio e interferiscono con la sua capacità di funzionare.

Criterio PTSD A. Esposizione a eventi traumatici. Sì, Tony Stark ha subito un trauma diverso da qualsiasi precedente crisi o conflitto: la certezza della sua morte imminente. Sebbene abbia affrontato la morte con coraggio, l'esperienza ha esercitato un impatto emotivo duraturo.

Criterio PTSD B. Esperienza persistente. Sì, i dolorosi ricordi degli eventi ripetutamente si intromettono nei suoi pensieri e disturbano i suoi sogni.

Criterio PTSD C. Evasione persistente. Tony cerca di evitare pensieri e conversazioni sul trauma, evita certi luoghi e situazioni che gli ricordano gli eventi di New York, manifesta una marcata riduzione della partecipazione ad attività che in precedenza lo attraevano (il che gli giova in un certo senso in quanto sembra hanno perso interesse per il bere pesante), si sente distaccato dagli altri, e ha difficoltà a mostrare alcuni sentimenti che gli sono venuti liberamente prima del trauma. Una persona deve mostrare almeno tre dei sette sintomi chiave per soddisfare questo criterio; Tony ne esibisce cinque.

Criterio PTSD D. Sintomi persistenti di aumento dell'eccitazione. La sua grave insonnia e ricorrenti attacchi d'ansia (come li chiama lui) si adattano chiaramente.

Criterio PTSD E. Durata del disturbo per oltre un mese. Sì, infatti, i problemi sono durati per mesi.

Criterio PTSD F. Insufficienza o sofferenza clinicamente significativa . Questo potrebbe essere il pezzo più discutibile dell'equazione. Anche se ho insegnato corsi di psicopatologia quasi 100 volte in 20 anni, l'indebolimento funzionale non è facile da definire. Alcuni terapeuti potrebbero ipoteticamente assumere una visione diversa, concentrandosi forse su aree in cui Tony diventa più produttivo durante i suoi giorni e notti insonni. Indipendentemente dal fatto che vedremo faccia a faccia nel decidere che i suoi cambiamenti nel funzionamento contano come menomazione, tuttavia, questi sintomi lo turbano notevolmente, quindi soddisfa comunque questo criterio.

In Iron Man 3 , Anthony Stark sembra soddisfare i criteri completi per il disturbo da stress post-traumatico. O non ne sa abbastanza del DPTS o sta negando, rifiutandosi di riconoscere il proprio problema, che è un evento comune tra alcuni di coloro che soffrono nello stesso modo nella vita reale.

Vale anche la pena considerare: sono i suoi attacchi d'ansia auto-valutati, infatti, gli attacchi di panico? Un attacco di panico è un periodo intenso e distinto di forte paura o disagio, mostrando bruscamente almeno quattro sintomi che raggiungono il picco entro dieci minuti. Questi sintomi potrebbero rivelarsi più difficili da giudicare perché non possiamo intervistare questo personaggio di fantasia sulla loro varietà e intensità, e perché la sceneggiatura non ha richiesto che l'attore articolasse ogni aspetto di come ha giocato ogni attacco. Sembrano certamente attacchi di panico.

Criterio di disturbo di panico A (1). Attacchi di panico ricorrenti. Qualunque siano gli attacchi, sì, continua ad averli.

Criterio di disturbo di panico A (2). Almeno un sintomo correlato. Tony mostra tutti e tre i sintomi in questa lista. Rimane preoccupato per la possibilità di avere più attacchi, si preoccupa delle loro implicazioni e cambia in modo significativo il suo comportamento legato agli attacchi.

Criterio di disturbo di panico B. Agorafobia: sì o no. No, non ha paura di andare all'aperto. Questo criterio distingue semplicemente se una persona potrebbe avere il disturbo di panico con agorafobia o disturbo di panico senza agorafobia.

Criterio di disturbo di panico C. Origine psicologica. I suoi attacchi non derivano dall'abuso di sostanze (infatti, come notato in precedenza, non lo vediamo più abusare di alcol nel presente). Non sembrano derivare da alcuna condizione medica generale, anche se un medico potrebbe aver bisogno di esaminare se il suo insolito funzionamento del cuore potrebbe creare alcuni dei suoi sintomi da panico.

Criterio di disturbo di panico D. Non dovuto ad altri disturbi mentali . Il DSM nomina esplicitamente il PTSD come uno dei disturbi che vale la pena di escludere.

Dato che il PTSD rappresenta meglio il modello generale di comportamento e sofferenza di Tony Stark, rimane la diagnosi più probabile per l'angoscia che frequentemente prova nei mesi successivi al confronto con la propria mortalità dall'altra parte di un tunnel spaziale che si estende nello spazio. Il personaggio che ha mostrato una così grande crescita post-traumatica dopo un'esperienza orribile all'inizio di Iron Man 1 sta dimostrando uno schema molto diverso quando lo incontriamo di nuovo all'inizio di Iron Man 3 . Mentre affrontare l'attacco e il rapimento da parte di terroristi nella sua storia originaria richiedeva a Tony Stark di radunare la sua determinazione per sopravvivere, proteggere New York da un'arma nucleare in The Avengers significava accettare la sua stessa scomparsa in un modo che non aveva mai fatto prima.

Travis Langley è un professore di psicologia e autore del libro Batman and Psychology: A Dark and Stormy Knight , che include un'introduzione di Dennis O'Neil , autore della trama "Iron Demon in a Bottle" di Iron Man. Il Dr. Langley fa regolarmente discorsi sulla psicologia dei supereroi (inclusi numerosi pannelli sul trauma e "Batman contro Iron Man: una persona può davvero diventare o?" ) In conferenze di psicologia professionale, convegni di fumetti e università da costa a costa.

Articoli correlati:

* The Avengers Teach Psychology: Class Assemble!

* Twitter prende su Iron Man 3: perché Tony Stark non può dormire?

* Una prospettiva clinica sul panico e PTSD in Iron Man 3

Riferimento:

American Psychiatric Association. (1994). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-IV) (4 ° ed.). Washington, DC: American Psychiatric Association.

Solutions Collecting From Web of "L'eroe di Iron Man 3 soffre di disturbo post-traumatico da stress?"