L'eredità maschile di "Me Too"

Trinity Kubassek/CC0
Fonte: Trinity Kubassek / CC0

Quando mio figlio è nato, non ho avuto il tempo di riflettere sui miei ricordi di sperare che sarebbe diventato una ragazza. Non pensavo a quei momenti teneri prima che avvolgessi la sua identità nella carta blu di uno script culturale chiamato genere. Quando il suo volto sanguinante e urlante apparve per la prima volta sul petto di sua madre, nessuna norma antiquata di genere avrebbe potuto impedire il diluvio di lacrime e l'amore, lo shock e il moccio che lo accolsero nel mondo.

È stato il momento più vero della mia vita: un'improvvisa meditazione nirvanica. Non mi importava del passato o del futuro. Le mie paure riguardo alla morte, allo scopo e alla libertà erano sospese fuori da noi tre. Tutto ciò di cui mi importava era questo piccolo viso urlante grossolano e la realtà ineluttabile che lui era nel mondo.

Eppure, all'improvviso com'era il momento, non c'era più, sostituito dal brusco sospetto che sarebbe stato come me. Come suo padre, mio ​​figlio sarebbe cresciuto in un mondo che si sforzava incessantemente di conformarsi a un copione sessuale che gli imponeva di violare e opprimere per mettersi alla prova.

Ho capito perché speravo in una ragazza.

Volevo una storia diversa per lui. Lo volevo libero dalla lotta che avrebbe sopportato o perpetuato a causa della fanciullezza. Accecato dalla mia ignorante supposizione che sarebbe stato meglio per lui se fosse stato una ragazza, la mia paura mi spinse nella soffitta della mia memoria.

Mi ricordai del giorno in cui andai a scuola con pantaloni larghi e comode infradito stampate quando uno dei miei allenatori di football mi chiamò "frocio" di fronte a delle ragazze più grandi. Loro hanno riso. Ho rapidamente collegato i punti che il mio abbigliamento non era abbastanza maschile.

Ne provai di nuovo la vergogna: sia l'innocente vergogna del bambino vittimizzato dal narcisismo adulto che la vergogna adulta dell'imbarazzo di un ragazzo per il fatto di essere definito un insulto gay.

Mi sono ricordato della mattina in cui il mio allenatore di calcio mi ha strappato dal campo perché la mia prestazione non era all'altezza. Pensando di essere stato distratto dalle ragazze che condividevano il campo, mi ha ammonito di non "lasciare che l'odore della figa sudata" mi tolga la testa dal gioco. Mi sono ricordato di aver pensato che aveva senso.

Come una cascata, i ricordi degli uomini nella mia vita, la cui disinvoltura casuale verso le donne si riversò nella mia consapevolezza. Hanno rivelato la narrativa strisciante che stavo cercando, quella che sapevo essere lì ma che non riuscivo a localizzare. In questi ricordi, ho trovato un singolo filo di legittimità che mi ha motivato a prendere senza invito, a sorridere, persuadere o oggettivare senza riguardo al piacere dell'altro.

Il sesso non è mai stato il problema Il sesso era il mezzo. Il problema era il mio atteggiamento. Il problema era la mia cultura. Il problema ero io.

Il primo rito di passaggio di un ragazzo non è la perdita della sua verginità, che è un concetto inutile. Non è la prima volta che si scontra o raggiunge il suo primo importante risultato. Il primo passaggio di un ragazzo nella virilità è il modo in cui risponde alla violenza sessuale. Sarà uno spettatore? Parteciperà? Resisterà? Metterà il suo status sociale sulla linea per sfidare le convenzioni? O sarà complice?

Gli uomini hanno ereditato un'eredità di non consenso. Ci è stato lasciato in eredità dai nostri padri, zii, allenatori, insegnanti, mentori e amici. Da ragazzi, osserviamo i nostri anziani che riproducono narrazioni sessiste nei modi in cui insegnano, allenatore o genitore. Negli spogliatoi delle nostre menti, sviluppiamo una sceneggiatura di privilegi sessuali come la porta della virilità. Non diventiamo uomini. Siamo fatti uomini.

È tempo di affrontare la dura verità che gli uomini devono assumersi la responsabilità delle innumerevoli donne, uomini, ragazze e ragazzi sopravvissuti. So che anche le donne perpetuano la violenza sessuale. Non me lo domanda. Ma non sono qui per discutere l'eccezione. Sono qui per discutere la regola.

E la regola siamo noi.

Odio questo per mio figlio. Odio che sia involontariamente inserito in una fraternità del diritto. Ma lo odio di più per il ragazzo o la ragazza che subirà l'abuso che metterà alla prova la sua coscienza.

Dobbiamo cambiare il modo in cui parliamo con i nostri figli, i nostri studenti, i nostri atleti e amici. Dobbiamo mostrare loro che il coraggio è il rifiuto di partecipare a narrazioni o comportamenti sessualmente violenti indesiderati. Non dobbiamo permettere che gli "spogliatoi" siano semplicemente una parte inevitabile dell'essere uomini.

Dobbiamo aiutare i nostri ragazzi a diventare uomini disposti a esplorare le sfumature del piacere sessuale nel contesto del consenso.

La conversazione non uccide l'eccitazione. Il non sfruttamento non neutralizza l'erotismo. Quasi tutto è sessualmente possibile con partner impegnati l'uno per il piacere dell'altro. Dico questo nella speranza che un giorno la celebrazione del piacere sessuale di mio figlio sia eguagliata dal suo rispetto per i suoi partner.

Lo esorto come un appello ai futuri uomini nella sua vita la cui influenza modellerà il modo in cui interagisce con i ragazzi e le ragazze della sua comunità. Insegnagli la forza Dagli il potere di possedere ciò che desidera, ma temperalo con onore e rispetto. Dimostragli che ci sono buone cose nell'essere maschili, se la mascolinità è ciò che genera. Ma ammoniscilo anche lui. Aiutalo a vedere l'equilibrio di fiducia e umiltà.

Come suo padre, gli insegnerò la salute sessuale, il cui primo principio è il consenso. Lavoriamo insieme per cambiare i lasciti dei nostri figli e aiutarli a stare in piedi dove ci siamo voltati e parlare dove siamo rimasti in silenzio.

Hai fallito il tuo primo rito di passaggio? Anche a me. Sei responsabile di perpetuare una cultura della violenza contro le donne e gli altri? Anche a me. Sei disposto ad avere conversazioni duri e imbarazzanti con i tuoi figli per promuovere la salute e l'integrità sessuale? Anche a me.

È una strada difficile da percorrere. Siete pronti?

Anche a me.

Solutions Collecting From Web of "L'eredità maschile di "Me Too""