L'effetto Trigger

I trigger sono ricordi specifici, comportamenti, pensieri e situazioni che mettono a repentaglio il recupero – segnali che stai entrando in uno stadio che ti avvicina a una ricaduta. Il processo è molto simile a guidare un ottovolante che scorre su se stesso. Una volta che le montagne russe raggiungono un determinato punto della pista, viene raggiunta una soglia, non si torna indietro e si avvia il ciclo verso il basso, una ricaduta.

Proprio come la gravità ha un effetto motivante sulle montagne russe, la chimica del cervello ha un effetto simile a motivare i trigger. Quando le persone usano sostanze o si impegnano in comportamenti di fuga, il cervello rilascia neurotrasmettitori come adrenalina e dopamina che attivano il centro piacere / ricompensa del cervello; oppure può liberare la serotonina che riduce l'ansia e la depressione. Con la ripetizione di droghe, alcool o altri comportamenti di dipendenza, il centro di ricompensa del cervello sovrascrive la parte cognitiva e razionale del pensiero di sé. La dipendenza dirotta il cervello. Il centro di ricompensa / piacere tiene prigioniero il centro di pensiero. La scienza indica anche che lo stress altera il nostro modo di pensare.

È molto probabile che tu abbia sentito tuo marito, moglie, partner, madre, padre, capo, un amico, il tuo avvocato o anche un giudice dire " Che cosa stavi pensando ?" La risposta è: non stavi pensando.

La scienza della dipendenza indica che l'incapacità di riconoscere l'impatto del tuo comportamento, la volontà di rischiare ciò che è significativo nella tua vita, e in questo caso, il rapido abbandono di vecchi comportamenti nonostante le buone intenzioni sembrano essere collegati alla chimica del cervello .

La buona notizia è che il cervello ha plasticità. Ciò significa che, nelle pratiche di trattamento e recupero, è possibile apprendere abilità per calmare le risposte emotive e l'area di reattività del cervello. Puoi imparare ad evitare i trigger che attivano l'area emotiva, e puoi imparare a migliorare l'area decisionale in modo da poter pensare razionalmente attraverso le decisioni, piuttosto che rispondere impulsivamente e da una base emotiva così forte. Ma ci vuole tempo perché il cervello sia ricablato, e viene ricablato con la ripetizione di nuove competenze e nuovi modi di pensare, quindi, sollecito fortemente il coinvolgimento continuo nell'aftercare e in altri sistemi di supporto.

La sola forza di volontà non è una difesa contro le ricadute. Il recupero è raggiunto, mantenuto e goduto attraverso una serie di azioni. Impara a identificare i trigger e, con ciascuno, identifica un piano che anticipa e riduce la potenza del trigger. Con questo, la tua ricompensa è un altro giorno di sobrietà con infinite possibilità.

Nelle prossime settimane parlerò di The Triggering Effect e di cinque trigger comuni: Romanticizzare i comportamenti, i risentimenti, i sentimenti, le perdite e le persone, i luoghi e le cose sdrucciolevoli.

Solutions Collecting From Web of "L'effetto Trigger"