L'eccessivo affidamento all'High Tech potrebbe aver causato una tragedia marina

Fumiste Studios
Fonte: Fumiste Studios

Nessuno che abbia lavorato sull'oceano sottovaluta il tipo di problemi a cui si può arrivare molto velocemente in mare, in quanto un malfunzionamento indebolisce il tessuto della sicurezza e causa il prossimo guasto e così via. Ma l'uso onnipresente del GPS e dei sistemi computerizzati per far funzionare le navi, con il minimo contributo da parte dei loro equipaggi, porta con sé un'altra piega di rischio specifica per tutti questi complessi sistemi informativi: quei piccoli malfunzionamenti avranno effetti amplificati esponenzialmente.

Il caso dell'El Faro potrebbe ben illustrare questo assioma.

Gli ufficiali di El Faro , una nave portacontainer da 31.515 tonnellate lorda lunga 790 piedi che scomparve il 1 ° ottobre 2015, al largo delle Bahamas con i suoi 33 membri dell'equipaggio nell'uragano Joaquin, erano esperti professionisti, molti formati nelle accademie marittime del Massachusetts e del Maine , due delle migliori scuole marittime del paese: sapevano come si verificano i problemi.

L'ultima posizione nota di El Faro era al largo di Crooked Island il 1 ottobre, direttamente nel percorso dell'uragano; l'ultimo messaggio del suo capitano indicava che aveva perso il potere a seguito di un "incidente di navigazione". Stava elencando quindici gradi e stava prendendo l'acqua, disse il messaggio.

( Il relitto di El Faro è stato ritrovato da una nave di salvataggio in alto mare della Marina, l' USNS Apache , a novembre, non lontano dalla sua ultima posizione nota, in 15.000 piedi d'acqua.) Nessun corpo, tranne quello di un membro dell'equipaggio, ha scoperto sono state trovate delle tute di sopravvivenza poco dopo l'affondamento, le spedizioni successive sono state localizzate e recuperato il registratore dati della "scatola nera" della nave, la National Transportation Safety Board sta attualmente cercando di recuperare le informazioni dal registratore.)

El Faro , come la maggior parte delle navi moderne, è stato gestito con l'aiuto di computer che monitoravano la posizione della nave utilizzando la tecnologia Global Positioning System su una carta elettronica sovrapposta a radar e informazioni sul traffico. I suoi ufficiali potevano seguire i modelli meteorologici dai download via satellite e dai servizi di previsione, sebbene il servizio di previsioni meteorologiche utilizzato non si aggiornasse in tempo reale, o fornisse corsi ottimizzati al computer per evitare tempeste.

Il fatto che il suo skipper, che ha lasciato Jacksonville, in Florida, abbia scelto di fare il bagno a Puerto Rico nonostante l'avvicinarsi dell'uragano indica che era fiducioso che la nave, capace di velocità intorno ai 20 nodi, potesse rimanere al sicuro fuori dalla tempesta. È stata una scommessa razionale, visto quanto siano sicure ed efficienti le potenti navi computerizzate di oggi, anche secondo gli standard del moderno marinarismo.

E 'stata una scommessa che ha perso.

Conta sulla tua nave per accelerare il percorso di un uragano è un'opzione giustificabile nella cultura della marina mercantile di oggi. Ma la perdita di El Faro suggerisce che la cultura stessa potrebbe essere viziata dallo stesso tipo di arroganza tecnologica, anche se diversa nei dettagli, che ha causato l'affondamento di RMS Titanic e una folla di altre navi da allora. Il capitano del Titanic pensava che la sua nave fosse inaffondabile perché era senza precedenti grande e potente e aveva scompartimenti stagni che, a suo parere, la tenevano a galla in caso di collisione. La correva a velocità eccessiva attraverso acque intasate di iceberg in parte perché i suoi proprietari volevano dimostrare quanto fosse veloce e invulnerabile la nave.

I meravigliosi sistemi odierni di alta tecnologia guidano e alimentano le navi commerciali quasi indipendentemente dai capricci dell'oceano. Questi sistemi sono coordinati da segnali temporali misurati con accuratezza al nanosecondo da due a quattro orologi atomici in ciascun satellite GPS; la posizione della nave viene individuata, ogni secondo di ogni giorno, fino a pochi metri o meno.

Ma la coordinazione dei sistemi resa possibile dalla precisione del tipo GPS significa che, quando un sistema va a sud, l'intera nave può farcela. Ciò accadde alla USS Yorktown , una nave da guerra Aegis che testò il sistema della "nave intelligente" della Marina alla fine degli anni '90. Quando un tecnico ha inserito la cifra sbagliata sul suo terminale, i computer della nave si sono bloccati e tutti i sistemi di alimentazione si sono bloccati con loro. L'incrociatore con missili guidati rimase indifeso; morto nell'acqua, secondo Government Computer News .

Quando la General Lighthouse Authority del Regno Unito ha spento il GPS fuori da Flamborough Head, nello Yorkshire, per vedere cosa sarebbe successo a una delle loro navi in ​​caso di blocco, si è verificato un incidente simile. Il rapporto dell'autorità ha concluso, "Ci sono diverse domande sollevate da questo processo, come la capacità dell'equipaggio di una nave di tornare rapidamente ai mezzi di navigazione tradizionali e anche la misura in cui sono in grado di navigare con questi mezzi. … Data la maggiore dipendenza dalla navigazione satellitare, in particolare dal GPS, queste competenze non vengono utilizzate quotidianamente e non sono più una seconda natura. "

Affidarsi troppo alla tecnologia che ci dice dove siamo in ogni momento e gestisce anche le nostre navi per noi, a spese delle tradizionali abilità marittime, è probabile che una tendenza continui. A titolo di esempio, sebbene le accademie marittime del Massachusetts e del Maine insegnino ancora la tradizionale navigazione celeste – come trovare la posizione usando sestanti e stelle – un capitano del Maine Maritime ha recentemente dichiarato alla rivista Ocean Navigator : "Andando avanti, la navigazione celeste avrà sempre meno enfasi in il nostro affollato curriculum accademico marittimo. "(L'Accademia Navale degli Stati Uniti ad Annapolis abbandonò interamente la navigazione celeste dal suo curriculum nel 1998, ma ripristinò la disciplina in forma abbreviata nel 2015 a causa delle preoccupazioni relative al blocco GPS in tempo di guerra).

Il gigante dell'assicurazione marittima Allianz, pur sottolineando la relativa sicurezza della moderna navigazione, ha recentemente elencato "l'eccessivo affidamento sulla navigazione elettronica" come il primo dei tre principali fattori responsabili delle grandi perdite navali.

Ciò che tali tendenze suggeriscono è che la "pratica ordinaria dei marinai" – la responsabilità, come citato nelle Regole marittime internazionali della Strada, di mantenere una buona sorveglianza e di esercitare il tipo di prudenza tradizionale che si è evoluto nel corso di millenni di marineria – sta cambiando in favorire la fiducia nei meccanismi e nei processi tecnologici che, mentre promuovono la sicurezza in generale, possono portare a situazioni eccezionalmente pericolose quando si verificano malfunzionamenti.

(Un elemento tradizionale nelle decisioni di navigazione che è improbabile che cambierà è la pressione della sede centrale per mantenere un programma serrato: ogni giorno una grande nave rimane inattivo in porto, in attesa di un clima migliore, costa al proprietario decine di migliaia di dollari. il capitano ha sempre l'autorità finale, lui o lei non può fare a meno di sentire la pressione di fare scadenze. Se un tale fattore ha giocato un ruolo nella decisione del capitano Davidson di navigare con un uragano incombente è un obiettivo di un'indagine sulla Guardia costiera in corso nella tragedia.)

Potremmo non sapere mai esattamente cosa è successo a El Faro , anche se il registratore vocale / dati a bordo dimostra di contenere informazioni rilevanti. In assenza di certezza, dobbiamo ricordare che El Faro , sebbene vecchio, era ben mantenuto; il suo equipaggio e gli ufficiali erano tra i marinai meglio addestrati del mondo. Se si basavano troppo sulla loro tecnologia, stavano solo seguendo una tendenza che ha caratterizzato la navigazione negli ultimi venticinque anni. Ma ribadisce che, per quanto buona sia la tecnologia di navigazione e meccanica, i marinai e le compagnie che li assumono devono lasciare tempo e spazio e margine di errore per far sì che le navi e l'equipaggio non si mettano nei guai se – o meglio quando – la tecnologia fallisce.

E trovarsi sullo sfondo del mistero di El Faro è la potenza inimmaginabile e il potenziale pericolo dell'oceano, che la tecnologia può mitigare ma mai sconfiggere; e che anche la tradizionale prudenza non sempre è sufficiente per scappare.

Solutions Collecting From Web of "L'eccessivo affidamento all'High Tech potrebbe aver causato una tragedia marina"