LeBron Mania alimentato da preoccupazioni di auto-ish

Con le finali della National Basketball Association sotto i riflettori, l'altra intrigante storia dell'NBA è stata "Will LeBron James lascerà i Cleveland Cavaliers?" Come molti appassionati di sport (specialmente quelli che risiedono in Ohio), sono rimasto affascinato dalla saga di LeBron.

Recentemente, mentre fornivo un'intervista giornalistica sulla situazione, ho considerato le caratteristiche psicologiche sociali del perché la decisione di LeBron fosse così potente. È interessante notare che questa analisi ha implicato "l'io" abbastanza pesantemente. Ecco alcuni dei pensieri che ho avuto sulla situazione che ha implicato il senso del senso di sé degli appassionati di sport.

La preoccupazione del self-ish # 1: James è nostro

In un'era di libero arbitrio, il fatto che i giocatori "salperanno" per milioni di dollari non è una novità. L'incredibile talento di James (nonostante i playoff di quest'anno) è innegabile, ma perché la totalità del nord-est dell'Ohio è così incantata da "mantenere James" che le città della regione stanno sponsorizzando eventi come "LeBron Appreciation Day" (ad esempio, la celebrazione di Akron prevista per 19 giugno)?

A differenza della maggior parte dei giocatori, la storia di James rende molto facile per le persone nell'Ohio nord-orientale vedere LeBron come legato al sé. James era un fenomeno delle scuole superiori nell'Ohio nord-orientale (presso la scuola superiore Akron St. Vincent-St. Mary). Ha saltato dalla scuola superiore alla squadra di basket professionista della città natale, senza alcuna traccia in un'università lontana per giocare a basket. E a differenza della maggior parte degli atleti professionisti oggi, James vive nella zona in cui è cresciuto. Quando James vince i titoli MVP, torna ad Akron per festeggiare. Così anche in un'era di "arnesi" che praticano sport professionistici e vivono a migliaia di chilometri di distanza durante la bassa stagione, James è la città natalizia.

Di conseguenza, è psicologicamente molto facile per James essere visto come "parte del sé". Nella letteratura psicologica, ci riferiamo a questo fenomeno come "inclusione nel sé". Dato che James ha vissuto solo nel nord-est dell'Ohio e si identifica così fortemente con esso, aumenta solo il senso di inclusione nel sé che i fan nella regione sperimentano. Poiché è dalla zona e si identifica così forte con esso, aumenta la sensazione di "come noi" che i fan provano (anche se chiaramente, i fan ignorano fatti come il fatto di aver guadagnato un contratto di scarpe da $ 90 milioni da Nike prima di lasciare la sua città natale , che certamente lo rende unico).

Quindi, la possibilità che James lascerà i Cavs è una "minaccia al sé" particolarmente forte per i fan della regione, perché James è molto più incluso nel sé rispetto alla maggior parte delle figure sportive. Anche se non aumenta il livello di esperienza di un divorzio (almeno per la maggior parte della gente!), La sua potenziale partenza sembra di perdere un amico o un familiare per molti i cui armadi includono molte maglie Cavs # 23.

Preoccupazione auto-islamica # 2: James ha successo

Sebbene i Cavs non abbiano consegnato un titolo NBA quest'anno, nessuno sosterrà che LeBron ha un incredibile successo (ad esempio, titoli MVP back-to-back, sei volte NBA All-Star, numerosi record e riconoscimenti) e che il suo incredibile atletismo ha elevato i Cavs dalla mediocrità al concorrente perenne.

Questo successo, ovviamente, significa che la sua potenziale partenza è una minaccia particolarmente grande per l'autostima dei fan. Come ho notato in un blog precedente, una delle caratteristiche convincenti di sportsfanship è che le persone possono trarre autostima dalle squadre che seguono da vicino. Questo fenomeno, Basking in Reflected Glory, è stato rivelato in numerosi studi scientifici. Ad esempio, seguendo le vittorie della propria squadra sportiva preferita, le persone sono più come descrivere il gioco in termini di prima persona (ad esempio, abbiamo vinto il gioco, abbiamo giocato alla grande) ma è più probabile che usiamo costruzioni in terza persona a seguito di perdite (ad esempio , THEY non potevano giocare in difesa, sono davvero storditi stasera).

Anche se la natalità di James lo rende psicologicamente avvincente, il fatto che sia discutibilmente uno dei più grandi giocatori di basket ha implicazioni per il senso di autostima di molti fan, e quindi la sua vicinanza unita al suo successo lo rende particolarmente importante per gli appassionati -stima. Se dubiti del punto, pensa a quante persone indossano maglie Cavs # 23 (cioè, fisicamente si attaccano a James)!

Preoccupazione auto-ish # 3: Northeast Ohio ha preso molti successi alla sua autostima e ha bisogno di LeBron

Sebbene LeBron possa aiutare ad elevare l'autostima dei fan nel nord-est dell'Ohio, il suo valore nel farlo è amplificato solo dal fatto che la regione ha sofferto molto. Un certo numero di sondaggi recenti come quello condotto da Forbes ha valutato Cleveland la città più infelice degli Stati Uniti. Anche se si può discutere se "l'errore del lago" merita un tale disprezzo, è anche il caso che tale negatività si accumuli sull'Ohio nord-orientale (insieme ai suoi alti tassi di disoccupazione, a un gran numero di pignoramenti e fallimenti, alla storia del fiume fuochi, e notoriamente maltempo).

In breve, Cleveland (giusto o sbagliato) ha sopportato considerevoli colpi alla sua autostima collettiva per molti anni. Ancora una volta, la ricerca psicologica ha dimostrato che quando le persone prendono i colpi per la loro autostima, cercano di trovare modi per ripristinarlo. A volte, queste risposte possono essere antisociali (ad esempio, l'ubriaco che inizia un combattimento con il bar dopo un insulto), ma nel caso di Cleveland, i fan di Cavs sono stati in grado di essere sostenuti da un talento di città di successo in James.

Di conseguenza, la possibilità che LeBron possa lasciare i Cavs è particolarmente toccante per i residenti nel nord-est dell'Ohio perché James rappresenta un punto luminoso in un mare di notizie meno positive della regione. Cioè, il valore di James è maggiore in una città natale che ha preso più della sua giusta dose di colpi per la sua autostima collettiva.

Conclusione

Potrei identificare molti altri fattori che contribuiscono all'alto interesse nel mantenere LeBron James un membro dei Cleveland Cavaliers (ad esempio, la sua enfasi sull'essere un giocatore di squadra, la sua vita personale relativamente positiva), ma questi sono tre che mi sembravano essere particolarmente legato al sé da una prospettiva psicologica. Come fan di Cavs, spero che LeBron rimanga con i Cavs – non solo perché sono un fan del team, ma perché penso che ci sia un valore duraturo nel far sì che i fan possano identificarsi con un cast stabile di personaggi nella loro squadra e perché ribadisce che "denaro e trofei non sono tutto nella vita".

Naturalmente, parte di ciò che rende LeBron un tal talento è la sua forte natura competitiva, il che rende la vittoria in un campionato particolarmente avvincente per lui. Così come tutti gli altri, continuerò a guardare le notizie mentre gli eventi si svolgono (ad esempio, Tom Izzo lascerà effettivamente il Michigan State per allenare una squadra NBA?), Sperando che la mia maglia Cavs # 23 non diventi presto un ricordo!

Solutions Collecting From Web of "LeBron Mania alimentato da preoccupazioni di auto-ish"