Le vittime della violenza domestica tenute in silenzio dalle politiche di Trump

In media, circa 20 persone sono abusate fisicamente da partner intimi ogni minuto negli Stati Uniti da soli. È una statistica che fa riflettere che si traduce in oltre 10 milioni di persone ogni anno, secondo i Centri statunitensi per il controllo delle malattie. Inoltre, questi numeri sottostimano grossolanamente la portata del problema, dato che milioni di casi di violenza domestica (IPV) non vengono denunciati ogni anno. Ciò include casi che tradizionalmente etichettiamo come "violenza domestica" ma anche casi di tratta di esseri umani.

La violenza sui partner intimi (IPV) avviene attraverso i confini, le nazionalità, lo status socioeconomico e lo status di immigrazione. E ora, le politiche sull'immigrazione dell'amministrazione Trump stanno rendendo ancora più difficile per le vittime di abusi farsi avanti con le loro storie. Alla radice di queste preoccupazioni vi è un ordine esecutivo firmato a gennaio dal presidente Trump che prometteva di accelerare le deportazioni di immigrati privi di documenti. Se le politiche federali renderanno più difficile per le donne presentarsi a denunciare gli abusi, ciò avrà effetti devastanti su donne e comunità.

Le donne che soffrono di IPV potrebbero non segnalarlo per una moltitudine di motivi, tra cui vergogna, dipendenza finanziaria dai loro partner, scarsa autostima, paura di rappresaglie da parte dei loro abusatori, non volendo rompere la famiglia e molti altri. Le donne con stato non documentato possono essere particolarmente vulnerabili agli abusi perché potrebbero essere più economicamente dipendenti dai loro abusatori. Una tattica comune usata dai violentatori è di minacciare le vittime, dicendo che se la polizia viene chiamata, le vittime saranno arrestate o deportate. Se una donna ha uno status non documentato, i molestatori sfruttano anche le loro paure di essere deportati e di perdere i loro figli per manipolarli e farli tacere.

Da quando Trump è entrato in carica, attivisti, forze dell'ordine e agenzie al servizio delle vittime dell'IPV hanno avvertito che tali politiche significano che le segnalazioni di IPV diminuiranno e renderanno più facile agli abusanti farla franca. E, in effetti, le segnalazioni di IPV nelle comunità latine in tutto il paese sono diminuite nel 2017, non perché ci sono meno casi di violenza; ma perché molti latinos non documentati temono la deportazione se contattano le forze dell'ordine. Le agenzie che servono donne che hanno sofferto di IPV hanno riportato drammatiche cali nei clienti che cercano aiuto quest'anno. Anche le chiamate alle hotline IPV sono in diminuzione.

A Los Angeles, i latini hanno riportato il 3,5% in meno di casi di abuso coniugale nei primi sei mesi dell'anno rispetto al 2016, mentre le segnalazioni tra le vittime non latine erano praticamente invariate. Questo modello si estende oltre Los Angeles a città come San Francisco e San Diego, che hanno registrato cali ancora più marcati del 18% e del 13%, rispettivamente. Ad aprile, a Houston, il numero di latini che denunciavano violenza sessuale è diminuito del 42,8% e le segnalazioni di altri reati violenti sono diminuite del 13% nei primi mesi del 2017 rispetto allo scorso anno. Il dipartimento di polizia di Los Angeles ha dichiarato in una dichiarazione: "Mentre non ci sono prove dirette che il declino sia collegato a preoccupazioni all'interno della comunità ispanica riguardo all'immigrazione, il dipartimento crede che i timori di deportazione possano impedire ai membri ispanici della comunità di riferire quando sono vittime “.

Tijana Bosnjakov/Pexels
Fonte: Tijana Bosnjakov / Pexels

Dal 1994 con l'attuazione della Violence Against Women Act (VAWA), le donne prive di documenti vittime di crimini violenti e che sono disposti a collaborare con lo stato per condannare i loro violentatori hanno ottenuto lo status di immigrazione protetta. Tuttavia, nonostante il diffuso sostegno bipartisan che il VAWA ha avuto per più di 20 anni, le politiche di Trump mirano a invertire questa tendenza. Il VAWA proibisce di utilizzare le informazioni da abusanti di immigrati senza documenti per arrestare o espellere la vittima a meno che la vittima non sia stata condannata per reati gravi. Tuttavia, un promemoria della Homeland Security afferma che "il Dipartimento non esonererà più classi o categorie di stranieri rimovibili da potenziali controlli", il che potrebbe significare che nel prossimo futuro le donne che hanno accettato di collaborare con le autorità per perseguire i criminali potrebbero non essere protette da deportazione se non sono documentati.

Inoltre, i nomi delle vittime di crimini commessi da immigrati privi di documenti ora appaiono su una banca dati nazionale pubblica creata da Trump attraverso il programma del Dipartimento per la sicurezza interna delle vittime del programma Immigration Crime Engagement (VOICE). Rendere pubbliche tali informazioni minano ulteriormente la sicurezza delle donne e rende più facile la loro identificazione per gli sweep di immigrazione. Questo essenzialmente punisce coloro che si fanno avanti per segnalare abusi.

Gli abusatori sono raramente perseguiti se le vittime non collaborano con le autorità. Nell'attuale clima di paura e retribuzione, le donne i cui partner sono stati arrestati per IPV si rifiuteranno di testimoniare contro i loro violentatori perché temono che anche loro vengano arrestati dalle forze dell'ordine quando vanno in tribunale. E tali paure non sono infondate. In effetti, un caso recente ha ricevuto attenzione internazionale quando i funzionari dell'immigrazione hanno arrestato una donna priva di documenti in un tribunale del Texas subito dopo aver chiesto un ordine di protezione contro un ex-partner abusivo. Le persone che lavorano con le vittime hanno un compito sempre più difficile di convincerle che la polizia può contribuire a proteggerli e che i loro abusatori dovranno affrontare conseguenze legali.

I sostenitori ora pensano due volte a fare promesse che le donne che riportano gli abusi siano protette se collaborano con la legge. Sebbene la Violence Against Women Act possa ancora proteggere i sopravvissuti degli immigrati, il timore della deportazione è ancora dilagante. Tali casi fanno notizia e sono ampiamente diffusi all'interno delle comunità latine, creando ulteriormente un clima di sospetto e vulnerabilità. Inoltre, cittadini statunitensi o residenti legali possono anche esitare a chiamare la polizia per IPV se altri familiari, amici o vicini non hanno uno status di immigrazione sicuro.

I sostenitori dei sopravvissuti alla violenza domestica sostengono che è fondamentale creare un ambiente sicuro e solidale per una persona che cerca di sfuggire a una situazione di abuso. Le nostre attuali politiche sull'immigrazione non creano un simile ambiente. Può essere molto difficile rassicurare le donne che rivelare l'abuso è la cosa giusta da fare in circostanze normali. Ora è una sfida ancora più grande.

Segnalare violenze e abusi non dovrebbe essere pericoloso per la vittima. Ma le donne con status non documentato possono mettere a repentaglio tutto se la denunciano alle forze dell'ordine. Se le politiche federali scoraggiano le donne a denunciare gli abusi, ciò avrà effetti devastanti sulle donne e contribuirà a perpetuare la violenza, perché si verificheranno meno penali di molestatori. Non solo si tratta di un'ulteriore rivedimizzazione delle donne che cercano di sfuggire alle situazioni abusive, ma di un rischio per la sicurezza pubblica. Al fine di incoraggiare un maggior numero di vittime a farsi avanti, l'amministrazione Trump ha bisogno di comunicare chiaramente coloro che dichiarano che la violenza dei partner intimi può avere fiducia che le forze dell'ordine li proteggeranno, indipendentemente dal loro status di immigrati.

Collegamenti utili:

  • Coalizione nazionale contro la violenza domestica
  • La hotline nazionale per la violenza domestica
  • Statistiche sulla violenza domestica

Mellissa Withers è un assistente professore di salute globale presso la University of Southern California.

Solutions Collecting From Web of "Le vittime della violenza domestica tenute in silenzio dalle politiche di Trump"