Le tue due scelte: ti sono state presentate ogni momento della tua vita

Il nostro cervello mostra una tremenda complessità. Sono più elaborati dei più grandi computer mai prodotti. Uno degli schemi comportamentali che contribuiscono a questa complessità sono le abitudini che sviluppiamo. Ogni volta che impariamo qualcosa di nuovo, ci impegniamo in un processo che trasforma questo apprendimento in un'abitudine. Chiamiamo questa "memoria procedurale" una serie di unità comportamentali collegate collegate a circuiti del sistema nervoso che diventano automatiche. In altre parole, non dobbiamo pensarci per eseguirli.

Ecco un semplice esempio di ciò a cui mi riferisco. Un bambino impara a stare in piedi e poi a camminare. In questo processo, l'attenzione è focalizzata su ciascun muscolo e movimento, e su come organizzarli in un processo coordinato di stare in piedi, facendo un passo e poi un altro. Ma in pochissimo tempo, il bambino padroneggia questo processo e poi si esibisce senza nemmeno pensarci. Questa è una buona cosa. Creare abitudini e memoria procedurale libera la nostra attenzione e il potere del cervello per affrontare aspetti più complessi della vita e continuare il processo di sviluppo.

Sebbene utili, i modelli di abitudine contribuiscono anche alle nostre battaglie rimanendo concentrati e prestando attenzione. Le abitudini, per definizione, vengono eseguite al di fuori della nostra consapevolezza. Pertanto, le nostre abitudini più persistenti – quelle che trattano il modo in cui parliamo e trattiamo noi stessi – sono meno accessibili. Potrebbero includere la tendenza a metterci giù, a trovare difetti in qualunque cosa facciamo o a preoccuparsi del giudizio degli altri.

Nel mio modello di resilienza, mi permetto il primo posto – il mio primo di nove pilastri di resilienza – per la tua relazione con te stesso. Le lezioni e le abitudini della nostra infanzia creano un modello per lo sviluppo futuro e il comportamento. I lunghi tentacoli di quelle lezioni raggiungono la nostra vita adulta attraverso lo sviluppo del nostro genitore interno, la voce che sentiamo 24/7.

La maggior parte delle volte non mettiamo in dubbio questa voce perché è stata la nostra costante compagna ed è diventata un modello di abitudine persistente. Ma se i messaggi che ti dai ogni momento di ogni giorno sono dannosi e non di supporto, interferiranno con il tuo successo.

Ed ecco il dilemma: se la nostra voce interna ci sta dando messaggi negativi o inappropriati e non ne siamo consapevoli perché è un'abitudine, non è possibile apportare modifiche. Qui è dove arrivano le "due scelte". In quasi ogni momento della tua vita in cui una decisione deve essere presa, grande o piccola, la scelta automatica è seguire le lezioni del passato. E come dice il proverbio, "ripetere lo stesso comportamento ti porterà gli stessi risultati".

Invece di coinvolgere i tuoi vecchi comportamenti abituali (questo include il tuo modo di pensare), hai un'altra scelta più ottimale. Se la tua voce esistente si basa sulle lezioni dell'infanzia, l'altra scelta è di provenire da una prospettiva diversa, da una nuova voce interna basata su una visione più efficace.

Voce interna sana

Riesco ad equiparare la risposta ottimale e la voce sana a come i genitori sani potrebbero trattare il loro bambino. Vennero sempre da un luogo di amore, accettazione, compassione, sostegno e cura. Piuttosto che rispondere con una punizione a una performance non perfetta, la voce sana apprezzerebbe lo sforzo e il complimento su ciò che è positivo prima di affrontare anche un errore. Il genitore sano interno terrà sempre presente l'obiettivo di raggiungere il successo e la felicità. Pertanto, qualsiasi risposta che potrebbe essere dannosa o dannosa non si adatta.

Due scelte

Questo mi porta alla nozione di "due scelte". In qualsiasi momento abbiamo due scelte su come comportarci. Possiamo seguire il nostro modello di abitudine e il genitore interno esistente. Questo potrebbe includere una sorta di messaggio put-down o simile che dice che non siamo OK. Ma se ci svegliamo al momento, ci rendiamo conto che c'è un'altra scelta: chiamare un genitore interno più nuovo e sano con una risposta più solidale.

In una certa misura, combattiamo tutti una forma di insicurezza e autocritica. Questo è incorporato nella nostra voce interna esistente. Anche se questa voce o prospettiva potrebbe aver avuto origine con buone intenzioni, non ti serve più per raggiungere i tuoi obiettivi. Ad esempio, se sei abituato a ricevere critiche da un genitore, questa voce potrebbe allontanarti da nuovi tentativi o agire per evitare critiche. Procrastinazione e difficoltà a seguire e raggiungere il successo sarebbero conseguenze.

In qualsiasi momento, la tua voce interna sta commentando la tua vita, la tua giornata, questo momento. Quindi agisci o non agisci in base a questi messaggi. Succede tutto inconsciamente. Suggerisco che il modo per passare a un modo migliore di interagire con il proprio ambiente è stabilire una voce o un genitore più sano. Quando vieni da questa prospettiva, sei in grado di raggiungere i tuoi obiettivi e provare gioia e buona salute.

Se riesci a passare la giornata con l'intenzione di svegliarti in ogni momento in cui la tua voce abituale sta dando una direzione o un commento, e poi riflettere sul messaggio di una sana voce interiore che proviene dall'amore e dall'accettazione, attraverserai le barriere che tengono indietro.

Ritornando al confronto originale con un computer, possiamo equiparare il tuo genitore interno al sistema operativo di un computer. Il sistema operativo esegue tutto il resto. Assicurati che il tuo sistema operativo abbia una sana voce interna che ti ami e ti accetti.

Solutions Collecting From Web of "Le tue due scelte: ti sono state presentate ogni momento della tua vita"