Le tue conversazioni valgono la pena?

Intervista a Jackie Stavros

istock

Fonte: istock

Come ti sentono generalmente le conversazioni che hai a lavoro? Esausto e sgonfiato? O energizzato e sollevato? E come questo influisce sulle tue relazioni e sulla tua performance?

“Le conversazioni sono al centro del modo in cui interagisci con gli altri”, ha spiegato il professor Jackie Stavros della Lawrence Technological University e coautore di Conversations Worth Having quando l’ho intervistata di recente. “Le conversazioni che valgono la pena di avere più lavoro sono quelle che alimentano l’impegno produttivo e significativo e la tua capacità di prosperare”.

Jackie ha suggerito che i tipi di conversazioni che hai con gli altri intorno a te possono avere un forte impatto sulle tue esperienze, relazioni e realizzazioni. Se stai avendo conversazioni di deprecazione – che sono eccessivamente critiche, giudicanti, concentrati sul perché le cose non funzionano o non funzionano, o sono centrate sulle tue stesse idee – è probabile che tu possa svalutare altre persone o una situazione e restringere il tuo opportunità. E rischi di lasciare l’altra persona sentirsi sulla difensiva, indegna, arrabbiata o impotente.

Mentre impegnarsi in conversazioni apprezzate e basate sull’indagine – che sono curiose, approfondire la consapevolezza e la comprensione delle prospettive altrui e costruire connessioni – può attingere ai tuoi più grandi punti di forza e creare spirali ascendenti di fiducia e ottimismo che ispirano l’azione in te stesso e negli altri. Queste conversazioni meritano di essere vissute perché animano le persone, scatenano la creatività, alimentano la produttività e l’impegno e portano avanti la tua organizzazione, anche di fronte a circostanze impreviste e sfortunate.

Quindi, come puoi creare più conversazioni che vale la pena avere?

Jackie ha condiviso tre modi in cui puoi generare più conversazioni che vale la pena avere sul posto di lavoro.

  • Pausa – prima di parlare per rallentare le cose, apri la tua mente, il cuore e l’intenzione di fare conversazioni che valga la pena di basare sui cinque principi chiave della ricerca di apprezzamento:
    • Costruzionista: tu crei la realtà attraverso le tue conversazioni, così stai facendo spazio a nuove conoscenze e prospettive? Cosa vuoi co-creare?
    • Simultaneità: il cambiamento avviene nel momento in cui parli o fai una domanda. Che impatto vuoi che abbiano le tue parole?
    • Anticipatorio – Ti muovi nella direzione dei tuoi pensieri e ascolti ciò che ti aspetti. Sei aperto ad anticipare il meglio dagli altri?
    • Poetico: c’è sempre più di un modo per capire gli altri o una situazione. Stai cercando ciò che funziona bene e cosa è possibile?
    • Positivo: le domande positive ispirano immagini positive che possono costringerti ad agire. Qual è la domanda più positiva e stimolante che puoi chiedere?
  • Scegli un frame positivo – adotta un approccio basato sui punti di forza per ridefinire i tuoi problemi e le tue debolezze in capacità e opportunità. Questo non significa che tu ignori le tue difficoltà, ma invece, dai il nome a quello con cui stai lottando, giralo in un segno positivo e inquadralo intorno al risultato che desideri di più. L’inquadratura positiva sposta l’attenzione e l’azione da problemi e debolezze su dove vuoi andare.
  • Poni domande generative – Poni domande generative che faccia emergere nuove storie, idee e prospettive diverse, faccia spazio a nuove informazioni e innovazioni e ti aiuti ad approfondire le tue connessioni con gli altri. Ad esempio: cosa ti illumina al lavoro? Cosa sorprenderebbe e deliziare maggiormente i nostri clienti in questa situazione? Cosa deve succedere nel nostro team affinché tutti possano sentirsi psicologicamente al sicuro? Cosa deve succedere perché i nostri leader siano pienamente a bordo? Come vedi questa situazione? Puoi aiutarmi a capire meglio la tua prospettiva? Come potremmo contribuire ciascuno al successo di questo progetto?

Cosa puoi fare per avere più conversazioni che contano sul lavoro?