Le teorie del complotto sono più facili da mantenere a distanza

Mi sono sempre grattato la testa per le teorie della cospirazione. È abbastanza difficile convincere un gruppo di persone ragionevolmente intelligenti a gestire il proprio campionato di calcio fantasy. Richiederebbe ai veri geni organizzativi di realizzare cospirazioni veramente grandi come la presunta cospirazione per uccidere JFK senza che qualcuno lo scopra a un certo punto. Ma molti dei personaggi che dovrebbero essere profondamente coinvolti in queste teorie cospirative difficilmente sembrano geni organizzativi. Eppure, le teorie cospirative abbondano. Alcune nuove ricerche di Marlone Henderson nel numero di ottobre 2009 del Bollettino di personalità e psicologia sociale aiutano a spiegare perché.

Egli capitalizza su un'osservazione di cui ho parlato prima in questo blog, in cui le persone pensano alle cose in modo più astratto quando sono lontane nello spazio o nel tempo rispetto a quando sono vicine nello spazio o nel tempo. Perché un gruppo sia unito a uno scopo comune, tutti devono avere lo stesso obiettivo. Se pensi a un gruppo da vicino, allora puoi iniziare a pensare a tutte le diverse persone coinvolte, ed è facile rendersi conto che molti membri del gruppo avranno motivazioni in qualche modo diverse. Ma se pensi al gruppo da una certa distanza, allora queste differenze individuali nella motivazione diventano confuse. Invece, tendi a concentrarti in modo astratto sulla missione del gruppo.

Per testare questa prospettiva, Henderson ha chiesto ai partecipanti di pensare a un gruppo composto da diversi tipi di persone. Si erano uniti per lavorare a un progetto. Alcuni dei partecipanti allo studio sono stati informati che il gruppo si stava riunendo a New York (dove è stato condotto lo studio). Ad altri partecipanti è stato detto che il gruppo si stava riunendo a San Francisco. Ai partecipanti è stato chiesto di giudicare in che modo il gruppo era unito al progetto comune. Il gruppo che era lontano era giudicato coerentemente più unito nei loro sforzi rispetto al gruppo che si stava incontrando nelle vicinanze. Cioè, le persone hanno davvero preso in considerazione gruppi che sono lontani per essere più coerenti rispetto ai gruppi vicini.

E questo è un meccanismo psicologico che può supportare teorie cospirative. Saresti costretto a credere che tu oi tuoi amici, o le persone che avete incontrato, potreste portare a termine un piano diabolico senza che qualcuno lo incasini o lasci sfuggire un'informazione chiave. Ma allo stesso tempo, sembra più facile inghiottire che un gruppo oscuro che opera lontano possa in qualche modo rimanere concentrato su un obiettivo comune e poi svanire senza lasciare traccia.

Solutions Collecting From Web of "Le teorie del complotto sono più facili da mantenere a distanza"